Litio e sonnolenza improvvisa

Salve a tutti,
sono un uomo di 34 anni e da 2 anni ho ricevuto diagnosi di disturbo bipolare di tipo II, dopo almeno 12 anni in cui ero sempre e solo stato trattato come soggetto affetto da depressione maggiore.
Così dopo molti anni di cura solo con antidepressivi, da due anni sono in trattamento con litio (900mg/gg) e mezza pastiglia da 20mg di paroxetina (dunque 10 mg/gg).
Immediatamente il risultato dell’attuale cura si è rivelato molto efficace, infatti- per quanto già precedentemente non avessi avuto più di quattro importanti crisi in 12 anni- da 2 anni a questa parte, con l’introduzione del litio, ho subito riscontrato una nuova stabilità e grande motivazione generale. Ad oggi, 2 anni dopo, mi trovo per lavoro a vivere in Spagna (e ad essere qui seguito, pertanto, da un nuovo psichiatra). Il mio consulto odierno nasce da un sintomo che sto riscontrando da qualche mese a questa parte, con effetti piuttosto seri sulla mia vita quotidiana. Premesso che da sempre (almeno da 15 anni) i miei ritmi quotidiani sonno-veglia sono piuttosto inusuali (ancor più per un bipolare, suppongo), infatti per ragioni lavorative oltre che di abitudini ormai sono solito addormentarmi mai prima delle 3/4 del mattino e a svegliarmi tra le 11 e le 13, finora senza mai -e sottolineo mai- ripercussioni evidenti (voglio dire manifestazioni sintomatiche evidenti), semplicemente mi è sempre bastato dormire le mie 8-9 per svegliarmi pienamente riposato. Ad oggi invece, da qualche mese, benché addirittura abbia ridotto considerevolmente le uscite notturne ed il mio stile di vita si è leggermente regolarizzato, mi capita frequentemente che nonostante dorma le mie 7,8,9 ore usuali, se vado a dormire più tardi dell’1-1,30 della notte (ripeto, come sono solito fare da almeno 10-15 anni senza problemi e pur prendendo già farmaci allora) l’indomani stia in uno stato catatonico a due poco invalidante, che potrei riassumere con: torpore corporeo generale (soprattutto in viso, come se non si svegliasse mai), senso profuso di sonnolenza (con picchi incredibili anche nel primo pomeriggio, dopo solo 2-4 ore dal risveglio), stanchezza e -come conseguenza di tutto questo- un lieve senso di tristezza e sensazione di essere fuori luogo (ovunque sia vorrei solo dormire). Con il mio psichiatra a Bilbao abbiamo accertato che a livello di litiemia fosse tutto a posto (e di fatto sono come sempre dentro la finestra terapeutica). Mi chiedo e gentilmente vi chiedo: non avendo cambiato improvvisamente stile di vita ne’ terapia (assumo litio da 2 anni e i sintomi li ho da 3-4 mesi, non tutti i giorni!) a cosa posso collegare questa spiacevolissima condizione? Specifico inoltre che a livello di umore, quando non ho suddetti sintomi, mi trovo in un momento molto sereno della mia vita, di appagamento e generale pace interiore. Ringrazio anticipatamente e chiedo scusa per il post molto lungo.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.2k 1k 63
Non necessariamente la sonnolenza è sintomo psichiatrico. Vanno indagate anche condizioni metaboliche che possono dare questo sintomo.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
Utente
Utente
Gentilissimo dott. Ruggiero, grazie mille per la tempestiva risposta.
Non so perché abbia correlato all’istante il grande sonno che mi sta obnubilando a un sintomo psichiatrico. Mi rincuora e al tempo stesso impaurisce un po’ il fatto che possa dipendere effettivamente anche da altri fattori.
Il punto è che trovandomi da pochissimo tempo a vivere in un paese straniero e ad aver cambiato, pertanto, non solo il mio psichiatra di fiducia ma anche medico di famiglia, non so esattamente come e dove muovermi.
E il sintomo in alcuni giorni (come oggi) è tanto forte da impedire qualunque azione anche minima, se non con uno sforzo e un imbarazzo incredibili. Sembra assurdo perfino a me questo sintomo improvviso dopo anni ed anni di farmaci e stesso stile di vita, ma è esattamente così come lo descrivo. Lei, gentilmente, saprebbe consigliarmi come muovermi? Dato che la litiemia e le analisi generiche risultano ottimali, a quale specialista dovrei rivolgermi? Grazie mille.
Disturbo bipolare

Il disturbo bipolare è una patologia che si manifesta in più fasi: depressiva, maniacale o mista. Scopriamo i sintomi, la diagnosi e le possibili terapie.

Leggi tutto