Utente 568XXX
Buongiorno dottori, sono un ragazzo di 29 anni, in seguito a un evento spiacevole ho iniziato ad avere dei sintomi che porto dietro ormai da 5 anni.

Qualche anno fa

5 anni fa fui trattato male ed escluso improvvisamente da delle persone di cui mi fidavo. Provai un forte senso di abbandono. La mia rezione fu una profonda tristezza i primi 3 mesi e poi una grande collera durata per circa un anno. Ero arrabbiato verso chiunque, rabbia che esprimevo nel modo di parlare, il tono della voce e da un grande criticità. Ho avuto anche momenti in cui urlavo o alzavo la voce.
La sera non riuscivo a prendere sonno, pensavo continuamente a quelle persone, dopo poche ore di sonno, in media 3 o 4, mi svegliavo con la bocca secca e mi rimettevona pensare di nuovo, rimanendo così nel letto fino alla mattina.

Nel 2009, quando avevo 19 anni sono stato seguito da un medico della ASL perché avevo ansia di andare a scuola, si stare con gli altri e l'ossessione del bagno: mi sentivo fortemente in ansia se non avevo un bagno accessibile nelle vicinanze, evitavo uscite e di prendere ogni sorta di mezzo. Mi diedero Zyprexa e dopo un po' di mesi, risolsi la mia fobia col farmaco e non ci andai più. Prima della terapia con Zyprexa avevo un po' il sintomo della bocca secca al risveglio.

Nel 2014 succede quel fatto, nonostante l'insonnia e la collera non volli prendere nessun farmaco. Iniziai a prendere farmaci solamente nel 2016 perché un episodio di mal di pancia in metro mi fece ricadere nell'ossessione del bagno. Mi ridiedero Zyprexa, il sonno migliorò ma la fobia no.
Il nuovo medico che mi segue mi ha detto che soffro di un disturbo di personalità NAS e di un disturbo bipolare con episodi ipomaniacali e episodi più lunghi di depressione lieve. Non vedendo risultati con Zyprexa (per la fobia) gli ho chiesto di togliermelo. Oggi prendo 1000mg di Depakin al giorno e Xanax al bisogno.

Oggi
Ho difficoltà ad addormentarti subito, mi metto a pensare, in genere pensieri autorassicuranti. Dopo 5 ore di sonno mi sveglio con la bocca molto secca, a volte mi riaddormento, altre mi metto nel letto a pensare. Se vado a letto più tardi del solito mi sveglio più presto e il sonno è più disturbato. La fobia del bagno è peggiore di quando avevo 19 anni: ho ansia anche se mi allontano un po' a piedi nel mio quartiere, non salgo più in macchina con gli altri, non guido, non prendo più il bus, ho paura ad allontanarmi da casa, prima di vedermi con una persona in quartiere mi chiudo in bagno per 15 minuti poco prima di uscire.
Non sono sicuro a volte della diagnosi fatta dal mio medico, la cosa che più mi preme è riacquisire la libertà di muovermi, senza dover correre a cercare un bagno e tornare a dormire bene e serenamente come prima.
Vi ho raccontato tutto questo perché per me è molto importante ricevere un secondo parere, ho veramente paura che la diagnosi non sia corretta. Da 3 anni non vedo miglioramenti. Spero possiate darmi un consiglio per stare meglio.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La terapia con zyprexa è contro le fasi del disturbo bipolare non, effettivamente non per la fobia. Magari disturba fobia compare solo in determinate fasi, e scompare insieme alle fasi. Adesso ha una terapia antibipolare alternativa, ma se è un disturbo bipolare possono esserci limiti nell'impiego di antidepressivi, solitamente usati per il trattamento delle fobie.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Se dubita della diagnosi e del trattamento è utile che possa farsi visitare da un altro specialista per una rivalutazione.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#3] dopo  
Utente 568XXX

Grazie dottori, ho preso appuntamento con un altro medico per avere un parere sulla mia diagnosi. Spero di tornare presto a riposare bene e a muovermi fuori casa senza questa fastidiosa ansia.

[#4] dopo  
Utente 568XXX

Vorrei solamente farvi un'ultima domanda: so che non è possibile fare una diagnosi online, ma da quel poco che ho raccontato, la collera, i pensieri ossessivi riguardo quell'evento stressante, possono essere sintomi di un disturbo bipolare?
Il fatto di avere difficoltà a prendere sono e mantenerlo costante, con questa bocca secca al risveglio, potrebbe essere ansia?

Ringrazio il Dottor Matteo Pacini per la sua riflessione, effettivamente è possibile che la fobia si ripresenti in alcune fasi, se si trattasse di un disturbo bipolare.
Non ho altro da chiedere.
Vi ringrazio per avermi risposto così velocemente. Vi auguro una buona giornata.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
" i pensieri ossessivi riguardo quell'evento stressante, possono essere sintomi di un disturbo bipolare?"

Ovviamente, detto così un nesso non c'è, ma alla fine questo chiedersi se un sintomo è x o y mi pare più che altro una domanda fine a se stessa.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 568XXX

Effettivamente mi interrogo troppo su questi sintomi, tendo sempre a cercare una diagnosi o una definizione, credo che sia una mia forma mentis. Penso di farlo perché individuare il problema e dargli un nome mi aiuta a stare più tranquillo, insomma, conoscendo il nemico so come affrontarlo. Ci tengo molto infatti che la terapia sia quella giusta per il mio problema. La ringrazio molto per la sua risposta Dottor Pacini, un saluto.