Utente 577XXX
Gentili dottori,
I disturbi del sonno si protraggono.
Abbiamo provato con il mio psichiatra una cura con trittico ed in seguito paroxetina gocce al mattino senza grandi benefici.
L'uso degli antidepressivi mi è stato fortemente sconsigliato dal cardiologo perchè soffro di un aritmia genetica (brugada).

Terapia attuale 0.5 mg rp.

Secondo lo psichiatra non sono depresso e non ho disturbi d'ansia, ma un'insonnia "primaria" dato che tutti i miei parenti ne soffrono.

Secondo lui è il caso di assumere un leggero sonnifero (tavor 1mg).
Ieri ho provato ad assumerlo assieme allo xanax o.
5 RP ma non ho dormito in quanto non sentivo minimamente lo stimolo a dormire, anzi mi sentivo irrrquieto, mentre prima di assumerlo ero tranquillo.
Non so se sia un effetto paradosso dato dalla somministrazione dei due farmaci.
Mio padre che da anni lo assume dorme invece molto bene.

Non so se cambiare specialista.
Cosa mi consigliate?

[#1]  
Dr. Adelia Lucattini

36% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2015
Gentile utente,

per le forme di insonnia familiare che nello specifico individuo non rispondono al trattamento farmacologico o per i quali ci sono delle controindicazioni specifiche a trattamenti farmacologici previsti dai protocolli internazionali poiché possono agire negativanente con patologie fisiche come nel suo caso, è sempre consigliabile rivolgersi ai Centri per il Sonno specializzati in diagnosi e trattamento.

In molte città e nei capoluoghi di Regione sono attivi i centri di riferimento, facilmente reperibili on-line o telefonando al sistema regionale di prenotazione della sua Regione.
Dr. Adelia Lucattini.
Psichiatra Psicoterapeuta.
Psicoanalista Ordinario SPI-IPA.Esperta in bambini e adolescenti.Depressione-Disturbi dell'umore

[#2] dopo  
Utente 577XXX

Ma in linea generale è controindicato assumere due ansiolitici assieme? Altre volte invece distanziando l'assunzione riuscivo a dormire, non benissimo, ma meglio che nulla.

[#3]  
Dr. Adelia Lucattini

36% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2015
Secondo la letteratura scientifica, non ci sono controindicazioni assolute all'assunzione di due benzodiazepine purché sia su indicazione dello specialista che dopo aver effettuato la visita, valutata la situazione clinica del paziente, rilevi la necessità di un trattamento combinato con due molecole della stessa classe.
Nessun farmaco va mai assunto senza che ci sia un indicazione specifica dello specialista che prescriva il tipo di farmaco, il dosaggio e alle modalità di assunzione.

Se ha qualche dubbio rispetto alle due benzodiazepine chieda al Suo specialista, saprà darle tutte le indicazioni di cui ha bisogno, visto che l'ha visitata e la conosce.
Dr. Adelia Lucattini.
Psichiatra Psicoterapeuta.
Psicoanalista Ordinario SPI-IPA.Esperta in bambini e adolescenti.Depressione-Disturbi dell'umore

[#4] dopo  
Utente 577XXX

Ma quello che chiedevo è se l'assunzione contemporanea possa aver provocato quella effetto paradosso di agitazione ?

[#5]  
Dr. Adelia Lucattini

36% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2015
Questa è una valutazione clinica che non può essere in nessun modo fatta attraverso un consulto on-line.
Le consiglio di parlarne col suo psichiatra
Dr. Adelia Lucattini.
Psichiatra Psicoterapeuta.
Psicoanalista Ordinario SPI-IPA.Esperta in bambini e adolescenti.Depressione-Disturbi dell'umore