x

x

Depressione maggiore, fobia sociale, ansia immotivata e stanchezza cronica

Salve a tutti, sono un ragazzo di 29 anni che soffre di svariate patologie psichiatriche.
Mi curo da ormai 9 anni, i principali disturbi sono ancora lì.
Quelli che ho scritto nel titolo.
Mi sento praticamente morto da anni, sono completamente spossato dal 2014 più o meno, l'ansia mi mangia vivo.
Tutto questo non è più sostenibile.
Non vedo il mio psichiatra dall'ottobre scorso, in seguito all'assunzione di un medicinale generico "equivalente" allo Zoloft.
Due o tre giorni, poi ho ricominciato con il solito Zoloft.
Qualcosa dev'essersi rotta in quei pochi giorni, da allora sono peggiorato costantemente.
Ovviamente potreste dirmi di ricontattare subito il mio psichiatra, ed è qui che l'ansia trova il suo habitat.
Ho paura di quello che potrà succedere dopo (anche se positivo), mi viene una sensazione di stretta allo stomaco paragonabile all'incombenza di un attacco di vomito.
Parlando un po'di me come persona, non credo di essere mai stato normale.
Ho sempre avuto difficoltà nell'interagire con gli altri, ansioso da morire già a 9-10 anni, a quest'età mi sono reso conto di avere disturbi ossessivi-compulsivi.
Cioè, a 10 anni.
Diciamo che i miei "genitori" sono sempre stati qui a fare presenza (vi dico solo che sono stato ad un soffio dall'essere portato via dagli assistenti sociali per via delle numerosissime assenze da scuola su mia richiesta), non è proprio il loro pane quotidiano.
Hanno fatto e fanno tutt'ora schifo come gente da famiglia, nel senso che se ne sono sbattuti di quando per esempio ho iniziato a soffrire come un dannato a partire dalle scuole medie.
Lì si conclude la mia esistenza.
Sempre solissimo, deriso per i doc che manifestavo, preso in giro etc... L'ansia ebbe un incremento spaventoso, figuriamoci alle superiori.
Lì ero proprio trasparente, chiuso a riccio.
Poi mi sono ritirato in quarta superiore per colpa delle conseguenze di tutte quelle assenze alle scuole medie assolutamente ingiustificate e ingiustificabili, lì persi delle nozioni di matematica-algebra che non avrei mai recuperato.
È poi iniziato il mio periodo da chiuso in casa, il che va avanti ancora oggi.
Solo nel 2011 presi effettivamente coscienza della gravità della situazione ed iniziai a curarmi.
Per concludere, io non ho fatto tutti quei passi nella società che hanno fatto i miei coetanei, uscire con gli amici per esempio.
Non ho praticato il graduale percorso di inserimento nella società come sarebbe giusto che sia.
Vita sociale 0.
ZERO.
L'ansia mi blocca, praticamente dovrei bruciare le tappe al contrario di coetanei che si sono costruiti un loro mondo giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno.
Vorrei suicidarmi da almeno 10 anni, purtroppo sono un codardo senza palle sfortunatamente.
Non ne posso più della vita, non riesco a fare più nulla, neanche una doccia perché sfiancato da tutto quello che vi ho descritto.
Ho un assegno di invalidità mensile, se può essere un particolare importante.
Mi scuso per la lunghezza del messaggio, a presto.
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39.8k 927 271
Gentile utente,

Parla di una solita cura, da cui però da come parla parrebbe non aver avuto beneficio.
Che cure e che dosi ha utilizzato ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve Dottore, è da 2 anni che vado avanti con 2 cmpr di Zoloft 100MG, Wellbutrin 1 cmpr e mezza da 300MG (per un totale di 450mg giornalieri) e la sera ho L'En in gocce prima di andare a dormire (40 gocce con un mezzo bicchiere di camomilla). In passato ho avuto Anafranil, Fluoxetina, Carbolitio e qualcos'altro che ora mi sfugge.
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39.8k 927 271
La sertralina ad esempio era sottodosata per un doc. Nel passato compare il carbolithium, di solito indicato per altro.
Ha usato 3 prodotti antidoc, ma se le dosi sono state non piene non è strano che non abbia avuto risposte su forme così invasive.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

[#4]
dopo
Utente
Utente
Salve Dottore, in effetti sospettavo di non essere curato come si deve a causa della reticenza del mio psichiatra nel modificare la terapia. Come se non volesse prendersi responsabilità. Ma che ci sta a fare lì, allora?
[#5]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39.8k 927 271
Non darei giudizi affrettati. Fatto sta che il doc risponde a certi farmaci, ma tendenzialmente a dosi piene e entro tempi comunque non di molti mesi, ma di alcuni mesi. Quindi tenere una cura ferma sottodosata per mesi in assenza di efficacia non ha senso, questo si.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

[#6]
dopo
Utente
Utente
Certo, ha ragione. Secondo Lei quale sarebbe una dose efficace di Zoloft? Mentre il Wellbutrin a cosa dovrebbe far fronte? Sia chiaro, non è che farei di testa mia. Solo come informazione.
[#7]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39.8k 927 271
Senza il il "secondo me"; le dosi efficaci nel doc per lo zoloft sono 100-200 mg. Il wellbutrin è un farmaco per la depressione, sul doc certamente no.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

[#8]
dopo
Utente
Utente
Parlando più degli stati ansiosi/irrequieti e umore nerissimo, lo Zoloft non agisce su di loro o è una specie di "lenitivo" e basta?
[#9]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39.8k 927 271
Anche il lenitivo agisce sui sintomi, non capisco che differenza intende.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

[#10]
dopo
Utente
Utente
Salve Dottore, intendevo dire: lo Zoloft ha un impatto tangibile anche sulle altre patologie che non sono doc o è fatto in linea di massima solo per i doc (e quindi non influisce granché su eventuali miglioramenti di depressione, ansia etc...)?
[#11]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39.8k 927 271
No, non è fatto solo per il doc, ha molteplici indicazioni, dalla depressione, al disturbo di panico, per cui nei casi in cui questi disturbi si associano li "prende" entrambi. Il doc è quello che richiede dosi maggiori rispetto ad altre diagnosi.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

[#12]
dopo
Utente
Utente
Ok, chiaro. Purtroppo per me l'ansia paralizzante e la depressione sono sempre inchiodate lì, al loro posto e non vogliono proprio sloggiare. Chiaramente il dosaggio ideale del medicinale cambia da persona a persona, ma 1 compressa di Zoloft da 100mg a mezzogiorno e un'altra prima di cena non scalfiscono minimamente il muro messo su dal mio cervello difettoso.
[#13]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39.8k 927 271
Rileggevo, sono due compresse da 100 mg, quindi sta assumendo la dose massima che ho specificato sopra. Per cui in questo caso la dose c'è.
Se non c'è l'effetto, chiaro che la cura va ripensata, a meno che non siamo all'inizio (un effetto significativo in 1-3 mesi ci si attende per ritenere che dopo sia stabile o migliori, se non c'è, si cambia cura).

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

[#14]
dopo
Utente
Utente
Salve Dottore, grazie mille per la risposta. In realtà seguo questa terapia da 1 anno e mezzo, sui Doc ha avuto un grosso impatto. Sul resto nulla di nulla. Cambiare cura, eh non saprei perché i doc si sono attenuati moltissimo. Se potessi tenere lo Zoloft nel nuovo programma terapeutico, potrei tentare. Sono stanco morto tutto il giorno, stanco morto quando vado a dormire e stanco morto quando mi alzo dal letto. Non riesco più a fare nulla, anche alzare il tono di voce mi sfianca.
[#15]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39.8k 927 271
Quindi la parte della mancanza di iniziativa non si è risolta. Nonostante anche il bupropione.
In ogni caso, dopo 2 anni è pensabile un cambiamento volto a questo aspetto. Se poi sia un cambiamento del farmaco base o un'associazione, lo deciderà il medico.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

[#16]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per l'attenzione, Dottore.
[#17]
dopo
Utente
Utente
Scusate per l'ulteriore disturbo, ma la mente mi sta uccidendo. Spesso non riesco neanche a fare la doccia, dato che la sensazione di stanchezza già presente 24 ore su 24 schizza verso livelli assurdi. Mi tocca stare lì, sulla sedia, praticamente mezzo morto. Non so più che fare.

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto