L'ansia non mi permettere di vivere bene, nemmeno nelle cose piu semplici

Ho 18 anni e soffro di una grave ansia.
A novembre ebbi il mio primo attacco di panico.
Non mi era mai successo, andai in iperventilazione, avevo dolore al petto, tachicardia e altri sintomi.
Questo fu l'inizio di tutti i miei problemi.
Mi portarono in ambulanza, dicendo inizialmente che si trattava di crisi respiratoria, e successivamente di ansia.
Dopo questo episodio ho continuato per circa 3 mesi a non respirare bene.
Quel giorno credevo di morire soffocata e si è creata in me una vera e propria fobia.
Per 3 mesi OGNI giorno e OGNI ora respiravo a fatica e a comando.
La situazione era diventata esasperante per diversi motivi.
Premetto che sono soggetta a problemi depressivi, in quanto ne ho già sofferto, e sono molto ipocondriaca.
Avevo riscontrato con l'ansia moltissimi sintomi.
Ho consultato moltissimi medici e mi dicevano tutti cose diverse.
Questo per me è stato davvero difficile da sopportare, il non sapere cos'avessi, o se fosse grave.
Avevo la costante paura di avere una malattia che mi avrebbe uccisa.
In questi primi 3 mesi, oltre ad avere problemi respiratori ed altri sintomi sicuramente dalla mia stessa testa provocati, ho smesso di mangiare.
Ho iniziato ad avere problemi a deglutire per paura di soffocare.
Quando provavo a mangiare il cibo mi restava in gola, o almeno così credevo.
Ho perso circa 10 kg.
Mangiavo solo frullati, ma poi ho iniziato ad avere problemi anche con i liquidi.
Avevo circa 5-6 attacchi di panico al giorno, che soprattutto all'inizio erano difficilissimi da gestire.
Smisi di andare a scuola, avevo paura di camminare, pensavo che camminando mi sarebbero accellerati i battiti e avrei smesso di respirare.
Avevo la continua paura di morire.
Poi mi resi conto che si trattava di ansia, imparai a gestire i sintomi e il panico, ed iniziai a mangiare di nuovo.
Arrivata a questo punto non la superai, continuavo ad avere i sintomi, lievi, la gestivo semplicemente molto bene, ma non durò molto.
Circa dopo 1 mese da qui, cioè 2 mesi fa, è tornata la paura di mangiare.
Non so da cosa.
Ho iniziato di nuovo a non mangiare e ad avere attacchi di panico.
Ad oggi sotto questo punto di vista penso di avere la situazione in mano; ma vivo in un continuo stato di ansia.
La QUALUNQUE cosa mi provoca ansia e quindi panico.
Non riesco nemmeno a vedere un film che inizio a non respirare perché provo troppe emozioni.
In questi giorni ho un'ansia assurda di morire e del futuro.
Partorire, avere un figlio e sapere che potrebbe morire, ammalarsi.
Ho solo 18 anni e nessuna intenzione di avere figli per il momento, ma ho comunque ansia di questo.
I medici mi hanno consigliato degli ansiolitici, ma io non ho intenzione di prenderli perché ho una grandissima paura che le medicine mi facciano allergia e mi si gonfiano le vie aeree, la prima volta li ho presi mi è solo venuto un attacco di panico per questo. Evito anche medicine che prima prendevo tranquillamente. Cosa posso fare?
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 34,7k 839 50
Da di avere l'ansia per cui il passaggio è la visita specialistica ed il trattamento conseguente, sembra anche piuttosto invalidante per cui dovrebbe decidersi a curarsi.

La valutazione specialistica è imprescindibile.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it

https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2]
dopo
Utente
Utente
Va bene, la ringrazio.

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test