Utente
Al mio fidanzato è stata diagnosticata l'artrite reumatoide da 15 giorni e da allora non riesco più ad addormentarmi.
Ogni volta che chiudo gli occhi e cerco di addormentarmi vengo travolta da una serie di pensieri angoscianti finché, esausta, non riapro gli occhi e cerco di distrarmi (TV, libri, qualsiasi cosa).
Chiaramente questa angoscia non influenza solo il sonno (anche le altre attività quotidiane) ma questo è in assoluto il problema più invalidante per me.

I pensieri angoscianti riguardano il nostro futuro, la prospettiva del suo dover convivere con il dolore cronico, i farmaci a vita e le eventuali tossicità, l'impatto che la malattia potrebbe avere sulla nostra vita.

È un momento molto difficile per lui e sto cercando di essere forte e rassicurante ma sento di aver bisogno di aiuto anche io.
Cosa posso fare?
Ormai non riesco più ad addormentarmi prima delle 4-5 del mattino e, non lavorando di mattina, finisco per svegliarmi alle 11-12 ogni giorno.
Premetto che non ho mai sofferto di insonnia (a parte in rarissimi casi), ho normalmente un sonno molto pesante e sono sempre riuscita a prendere sonno in qualsiasi momento della giornata.

Sono sempre stata una persona molto forte ma sento che questo evento mi sta distruggendo fisicamente e psicologicamente

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Una reazione di questo genere per ora è da considerarsi fisiologica, se persiste deve rivolgersi ad uno psichiatra.


Dr. F. S. Ruggiero


http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

la malattia rappresenta sempre una fattore di discontinuità nella vita,
ma mentre l'episodio acuto è destinato a lasciare una cicatrice (psichica, intendo), la malattia cronica non è destinata a risolversi,
ed inciderà su tutte le aree della vita, quelle che Lei lucidamente descrive cosi:
"il nostro futuro,
la prospettiva del suo dover convivere con il dolore cronico,
i farmaci a vita e le eventuali tossicità,
l'impatto che la malattia potrebbe avere sulla nostra vita."
Aggiungerei l'aspetto economico.
Tenga conto però che i nuovi farmaci e le nuove cure hanno reso l'artrite reumatoide meno invalidante dal punto di vista fisico.

A fronte di questo terremoto psichico, l'angoscia e l'insonnia che Lei lamenta non ci meravigliano. Come ogni vero e profondo lutto occorre tempo ed elaborazione per farvi fronte.
Come avvenga l'adattamento alla nuova situazione dipende da molti fattori
come potrà leggere ampiamente nel mio articolo
* La malattia cronica nella vita della persona * che trova in rete.

E poi c'è la domanda implicita:
la relazione tra Voi riuscirà a far fronte alla malattia? Come cambierà?
Qualche stimolo di riflessione lo troverà qui, anche nel paragrafo *cosa fare*: https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/4800-la-malattia-fa-divorziare-la-coppia.html .

L'indicazione è di farsi supportare da un bravo/a Psicoterapeuta, esperto/a nel settore della cronicità. In alcune Regioni tale prestazione specialistica è prevista presso il Servizio Sanitario pubblico; oppure presso le associazioni specifiche.

Saluti cari.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/