x

x

Ansia e disturbo ossessivo compulsivo

Ciao dottori sono una ragazza che soffre di ansia e doc da relazione.
Da sempre sono stata un tipo molto ansioso ma crescendo si sono sviluppati ancora di più questi disturbi.
Soprattutto dopo la gravidanza (2anni fa) dapprima avevo paura di rimanere in casa da sola con mio figlio per paura di fargli del male, poi queste ossessioni si sono indirizzate verso il mio compagno (il quale amo tantissimo e siamo molto legati), con pensieri fissi e come una voce che mi diceva dentro di me lascialo lascialo e solo abitudine non lo ami più, oppure se pensi si tuoi ex significa che non lo ami oppure se guardi e parli con altri ragazzi.
Questi generi di pensieri che mi facevano vivere malissimo la storia.
Poi sotto guida del mio medico ho cominciato una terapia con xanax 20 gocce 3 volte al di e sereupin da 40 mg a salire poi a 60 mg.
Devo dire che dopo 2-3 settimane erano rinata non avevo più questi pensieri, queste paure e abbiamo deciso anche di avere un altro bimbo.
Il medico vedendo il miglioramento mi ha abbassato la dose a 40 mg.
Per un po di giorni sono stata bene poi improvvisamente circa una settimana fa, di punto in bianco, mi si sono ripresentati tutti questi dubbi incertezze che mi stanno facendo male, mi sento in colpa nei suoi confronti perch3 so il mio sentimento nri suoi confronti, ma tutte queste ossessioni sembrano veritiere e credibili.
quando mi bacia o mi dice qualcosa di romantico provo ansia e sensi di colpa per tutto ciò che penso.
Il mio medico dice che non devo dar retta a questi pensieri e mi ha aumentato di nuovo il medicinale a 60 mg e xanax sempre 3 volte al di.
Oggi è il quinto giorno che sto prendendo 60 mg, secondo voi gentili dottori tra quanto potrò di nuovo sentirmi meglio?
Può essere anche il cambio di stagione o la diminuzione del farmaco?
Grazie a tutti voi
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39.9k 928 271
La domanda così posta è semplicemente una domanda sul futuro.
La cura per il resto è corretta, dose piena di un farmaco specifico. Non capisco perché la riduzione subito dopo che è stata bene, di solito si mantiene la dose piena.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

[#2]
dopo
Attivo dal 2021 al 2021
Ex utente
Ho assunto 60 mg per 3 mesi, sono stata benissimo, poi scalando a 40 mg dopo un po di giorni c è stata la ricaduta. Devo aspettare un paio di settimane per dei miglioramenti?
[#3]
dopo
Attivo dal 2021 al 2021
Ex utente
Gradirei una risposta
[#4]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39.9k 928 271
E in tal caso non importa che solleciti, né sortisce alcun effetto.
Quello che Lei ci dice evidentemente lo sa già, lo chiede per conferma presumo.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

[#5]
dopo
Attivo dal 2021 al 2021
Ex utente
Volevo solo sapere quanto tempo ci vorrà per risentirmi di nuovo meglio?
[#6]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39.9k 928 271
Una domanda sul futuro ? Prima citava le due settimane, ora si passa ad una domanda generica ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

[#7]
dopo
Attivo dal 2021 al 2021
Ex utente
Io non la capisco quando risponde con altre domande. Vabbe Grazie lo stesso
[#8]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 39.9k 928 271
Si, questo è un vecchio modo di dire. Invece si risponde con altre domande quando la domanda è posta in maniera poco sensata. L'unica cosa evidente è che non aveva una vera domanda.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto