Attacchi di panico

Salve.

Sono una ragazza di 22 anni in piena difficoltà.

Ho un lavoro, una famiglia bellissima e un fidanzato.
Insomma, non mi manca nulla.

Da qualche mese però c'è qualcosa che non va.
Ho iniziato ad avere disturbi allo stomaco, alla digestione e dopo aver fatto controlli specifici (gastroscopia...) ho capito che non sono problemi legati all'organo in sé per sé.

Ho attacchi di panico da qualche mese, che purtroppo giorno per giorno stanno peggiorando.
Ho cercato subito aiuto ad una psicologa da cui mi faccio seguire da un mesetto, ma non noto molti risultati, o meglio mi sento rilassata solo durante la seduta, dopodiché torna tutto normale.

Non riesco più a guidare l'auto, a stare sola, ho paura dei luoghi chiusi, dei mezzi di trasposto, mi faccio una marea di film mentali, e ho migliaia di paure anche per cose molto futili.
Con il mio ragazzo anche l'aspetto sessuale non va un granché, perché ho paura di avere attacchi in quei momenti e mi porta una marea di disagi.

Purtroppo il mio lavoro non mi aiuta, nel senso che su questo fattore psicologico influenza molto, potrei rischiare di perderlo (non sto qui a specificare essendo un blog pubblico) quindi da un mese a questa parte sono a casa in malattia per questa situazione.

Non trovo la forza di rientrare, di affrontare la mia ansia eccessiva.

Ho notato però, un disturbo alla vista che a volte mi fa vedere offuscato.
E ieri per la prima volta mi è capitata una situazione orrenda.
Ero in casa e tutto ciò che mi circondava sembrava irreale, non riuscivo a capire se era reale o se stavo sognando, è stato bruttissimo e mi ha turbato.

So che devo darmi un tempo, ma purtroppo dopo un mese a casa devo rientrare nel mio lavoro, e mi serve una soluzione quasi immediata almeno per placare queste sensazioni, ovviamente facendomi seguire da qualcuno e cambiando psicologo, perché evidentemente non mi ha aiutato abbastanza.

Vorrei consigli su come fare perché sono disperata.
A volte è come se mi sentissi fuori di testa.
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 35k 861 226
La diagnosi è stata definita, alla base del trattamento o comunque dopo i primi contatti ? Lei parla di attacchi di panico, ma non è certo che si tratti di quel che tecnicamente sono questi fenomeni. Le è stato detto che soffre di panico, o altro ? E in questo caso, che tipo di psicoterapia era in corso ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2]
dopo
Utente
Utente
Dottore grazie per la risposta.
Si sono attacchi perché in quei momenti mi batte forte il cuore, ho una sudorazione molto eccessiva e finisco per sfogarmi con il pianto.
Quando invece parlo di paure, mi sento molto agitata ma svanisce nel giro di 10 minuti, il tempo di far "confidenza" con l'ambiente che mi circonda.
Io sono andata da una psicologa ma non mi ha detto il percorso intrapreso, semplicemente ci vediamo 1 volta a settimana, purtroppo online e la cosa non mi aiuta molto, ma è l'unica soluzione perché non ci sono psicologi che mi hanno consigliato nel mio paese.
Durante le consulenze esprimo le mie emozioni e mi vengono dati consigli, ad esempio la tecnica di rilassamento da fare anche su youtube.
Lei cosa mi consiglia?

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio