x

x

Sindrome di attivazione

Salve soffro di ansia e panico ed avevo ottenuto una quasi totale remissione con 75 mg di amitriptillina dopo una travagliata storia farmacologica.
Dopo un po’ abbiamo sospeso il farmaco ma ho avuto una ricaduta, abbiamo provato a reintrodurre 50 mg ma sono finita in ospedale per sospetta tossicità serotoninergica.
Abbiamo sospeso tutto e introdotto benzodiazepine per poi provare con 30 mg di duloxetina.
Disastro totale, di nuovo ospedale.
Abbiamo provato a introdurre solo 6 mg di amitriptillina, dopo pochi giorni stessa cosa.
Abbiamo fatto un wash out totale da serotoninergici di 10 settimane aumentando le benzodiazepine e aggiungendo 4 mg di perfenazina.
Riuscivo a funzionare ma avevo difficoltà a mangiare (ho perso 10 chili in pochi mesi), impossibilità di riposo durante il giorno e costante evitamento fobico di situazioni sociali.
Al che la mia dottoressa ha detto che era il caso di reintrodurre 10 mg di amitriptillina.
Da quando l’ho aggiunta ho insonnia, ansia triplicata, impossibilità di stare ferma agitazione costante, insomma sono peggiorata almeno 10 volte.
La dottoressa dice che è sindrome di attivazione, e che devo tenere duro per due settimane minimo, che una volta che il corpo accetta il farmaco potremo di nuovo aumentarlo.
Dice che è più comune di quanto possa pensare e che essendo la prima settimana (oggi è il settimo giorno) dobbiamo usare più benzodiazepine e perfenazina per tamponare.
Sostiene che andrà via da sola e che devo resistere il tempo che il farmaco espleti i suoi primi benefici.
Ma io mi chiedo può una dose così bassa dare un’esacerbazione dei sintomi così forte?
(Tengo a precisare che mi ha prescritto la dose più bassa proprio per evitare questo problema)
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 38,6k 912 271
Mi scusi ma Lei ha una diagnosi di panico, e cosa c'è di strano che iniziando un farmaco del genere abbia delle crisi di "attivazione" come le vogliamo chiamare ? "Sospetta sindrome serotoninergica" presumo senza nessun parametro in tal senso e tanto per dire.
La dose più bassa si prescrive per rendere i sintomi minori, però il problema non sta nella dose, ma nel primo impatto, che avviene nel panico anche a dosi piccole. Talvolta avviene anche al placebo.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it/wp-admin/install.php
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2]
dopo
Utente
Utente
In ospedale mi dissero che era sindrome serotoninergica. Ed il mio medico ha confermato. Ha però pensato che le reazioni seguenti fossero sindromi di attivazione e che per quanto fortissima questa volta devo tenere duro perché dice che è passeggera e che non importa quanto aspettiamo succederà ad ogni inizio di terapia. Io volevo solo sapere se come dice il mio medico è normale che mi senta 10 volte peggio (sono al settimo giorno) e che devo aspettare come mi ha detto. Potrei avere una risposta a questo? La ringrazio in anticipo
[#3]
dopo
Utente
Utente
Potrei anche chiedere quanto può durare in linea di massima e se c’è il rischio che si ripeta quando dovremo aumentare?
La ringrazio tanto per il suo aiuto
[#4]
dopo
Utente
Utente
La prego potrei avere una risposta?
[#5]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 38,6k 912 271
"In ospedale mi dissero che era sindrome serotoninergica". No, ha detto "sospetta".
"Ed il mio medico ha confermato": su quale base rispetto al sospetto ?

La cosa non torna minimamente. Se fosse stata quella la diagnosi la conclusione non sarebbe stata di insistere perché è passeggera. Le stanno dicendo che è normale in base alla sua diagnosi questo primo impatto con i medicinali anche iniziati a dose piccole, non capisco cosa c'entri la sindrome serotoninergica (sulla base di queste raccomandazioni) e in base a cosa sia stata definita, a dei sintomi che coincidono con quelli del panico ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it/wp-admin/install.php
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#6]
dopo
Utente
Utente
no guardi non chiedevo di quello che è successo in passato. Chiedevo soltanto se è normale che mi sente 10 volte peggio da quando ho iniziato (il mio dottore dice che è normale visto che sono più di due mesi che non prendo antidepressivi) il farmaco e se sarà così ad ogni aumento? (Lui dice che è solo il primo impatto e che non risuccederà). Ripeto le mi domande sono è normale un peggioramento così netto? E c’è il rischio che succeda anche quando dovremo aumentare?
[#7]
dopo
Utente
Utente
Comunque ripeto la sindrome Serotoninergica era stata diagnosticata mesi fa e per questo si è fatto un wash out di 10 settimane. La mia domanda era riferita al qui ed ora ovvero se è normale che i miei sintomi siano peggiorati enormemente e se devo resistere e soprattutto se succederà ad ogni aumento. Vorrei una risposta a questo
[#8]
dopo
Utente
Utente
no guardi non chiedevo di quello che è successo in passato. Chiedevo soltanto se è normale che mi sente 10 volte peggio da quando ho iniziato (il mio dottore dice che è normale visto che sono più di due mesi che non prendo antidepressivi) il farmaco e se sarà così ad ogni aumento? (Lui dice che è solo il primo impatto e che non risuccederà). Ripeto le mi domande sono è normale un peggioramento così netto? E c’è il rischio che succeda anche quando dovremo aumentare?
[#9]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 38,6k 912 271
"a sindrome Serotoninergica era stata diagnosticata mesi fa"

No, non c'è un parametro. Le hanno detto che poteva essere.


Ha un disturbo di panico e si pone problemi propri di questo disturbo. Sapendo già tutto benissimo. Poi quando accade si pone il problema, e va a cercare naturalmente altri motivi.
Non può non sapere come funziona una cura antipanico, l'ha già fatta. Se si fa domande di questo tipo non è possibile rispondere non notando questa incongruenza.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it/wp-admin/install.php
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio