Ansia da università

Buongiorno.
Vorrei risolvere un dubbio,o comunque un problema,che ormai mi affligge da un po': per certi aspetti,sono terrorizzato dall'università: gli esami,gli argomenti difficilissimi da affrontare,la paura di fallire e deludere i familiari (ho perso i genitori,e vivo con una mia sorella),il terrore di vedere altri ragazzi andare avanti a dispetto di me che,anche per le ansie e le paure,mollo la presa e tendo ad arrendermi. Arrivo a pochi giorni dall'esame pensando: lo farò al prossimo appello,sarò più preparato,e tendo sempre a rimandare. (Studio ingegneria,esami prettamente scritti seguiti da un eventuale orale). Sono convinto che queste condizioni mentali derivino da un qualcosa di recondito per certi versi,che magari ha a che fare con la mia personalità anche al di fuori del contesto universitario. Per questo chiedo il vostro consulto. Grazie in anticipo!
[#1]
Dr.ssa Paola Scalco Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 4,1k 94 43
Gentile Ragazzo,
credo che non potrà risolvere queste difficoltà semplicemente tramite un consulto on line: non si tratta di fornire un consiglio, ma di effettuare un'analisi approfondita della situazione in modo da progettare un intervento condiviso che possa esserle concretamente d'aiuto.
Così come le è stato suggerito pochi giorni fa dal Collega, trovi il modo di rivolgersi di persona ad uno psicologo: probabilmente sarà più facile di quanto pensi riuscire ad aprirsi ed esporre il suo disagio.
All'interno del suo ateneo esiste uno sportello di ascolto psicologico per studenti?
In alternativa, potrebbe rivolgersi gratuitamente allo Spazio Giovani del Consultorio:

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pagineAree_913_listaFile_itemName_4_file.pdf


Cordialità.

Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
ASTI-3315246947-paola.scalco@gmail.com

[#2]
Dr.ssa Elisabetta Scolamacchia Psicologo, Psicoterapeuta 740 20 3
Concordo con la Collega sulla necessità di una consulenza diretta, in quanto le difficoltà nello studio che lei descrive sembrano un sintomo di un più generalizzato disagio che andrebbe affrontato con un supporto psicologico. D'altra parte, lei stesso si rende conto che vi è' qualcosa di più profondo rispetto alla sua paura dell'esame e al conseguente evitamento.
Un cordiale saluto.
Dott.ssa E.Scolamacchia

Dr.ssa Elisabetta Scolamacchia
Psicologa. Psicoterapeuta. Analista Transazionale

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test