Lo rifacciamo lei mi dice dimenticati

salve,
Da due settimane e mezza siamo in crisi con la mia ragazza ..
stiamo da un anno insieme lei 20 anni io 23..
Lei ha avuto un periodo in cui ha avuto dei problemi universitari in cui a messo in dubbio tutto era entrata in crisi..pensava di mollare tutto e andarsene anche perchè a casa non stava bene con i suoi..io in questo suo momento invece di starle vicino in silenzio ho creato solo casini..perchè mi sentivo escluso e mi teneva lontano dai suoi problemi senza che gli possi dare una mano concreta...abbiamo una bruttissima litigata in cui le dico che lei pensa solo a se stessa che non mi ama che forse non mi ha mai amato..ho capito fin da subito di averla ferita in una maniera assurda..ha una reazione mai vista mi ha alzato pure le mani cosa mai successa...cerco nei giorni dopo di dirgli che erano cose che non pensavo ma niente...una sera mi manda un messaggio che aveva voglia di me torna che ero fuori città e ci vediamo per farlo...ma alla fine era solo sesso...lei ci rimane male però prima di riaccompagnarla a casa lo rifacciamo lei mi dice dimenticati di lei...la riaccompagno e cerco un approccio diverso non ci sentiamo per giorni poi ci risentiamo e litighiamo ancora una sera lei mi dice che vuole parlarmi ed allora le dico le dico preparati per bene che stasera la passiamo assieme...usciamo la porta in un altra città vicina piu movimentata ci riavviciniamo ci baciamo sembra che stia tornando tutto come prima...ad un certo punto mi abbraccia e mi dice che lei è in crisi non sa piu cosa prova per me di aiutarla perche lei ci tiene a me ed ha paura di perdermi ...mi spiega che da 2 settimane(ossi da quando ha messo tutto della sua vita in discussione piu la nostra litigata) ci son momenti che gli manco ed altri che non gliene frega niente di me..che non capisce se è attrazione fisica o perche mi ama...poi dice le ultime volte che l abbiamo fatto è stato solo sesso per me ed io gli dico che anche per me era lo stesso..gli propongo di non farlo e lei invece mi dice che stava bene e voleva farlo per capire se era amore o attrazione fisica...mi dice che era disposta a farlo ogni giorno finchè non ritornavamo a fare l amore e se c era bisogno lo faremo un mese intero...lo facciamo ma era scontato che non provavamo lo stesso...ci sentiamo qua e la un pomeriggio usciamo ma lei non mi voleva quel pomeriggio infatti dopo me lo dice chiaramente...allora decido di non fare piu niente una sera ci becchiamo in un locale è faccio l indifferente lei nota che stavo bevendo si avvicina e mi dice di finirla..ed io le dico di risolversi le sue cose mentali e poi possiamo parlare..lei mi dice che andava in locale e ci salutiamo quella sera mi fece 12 chiamate e poi mi scrisse all ora di pranzo ma io non l ho calcolata perche mi voleva ..quel giorno la vidi la sera e mi ha salutato cosi tanto perche sembrava obbligata..
Da quella litigata sembra che si sia rotto qualcosa che voglio aggiustare ma non so come e fargli capire che mi ama perche lo sento!CHE FARE
[#1]
Dr. Nunzia Spiezio Psicologo 531 20 3
Caro ragazzo,
"ed io le dico di risolversi le sue cose mentali e poi possiamo parlare"
In tutta questa intricata storia di ventenni diciamo che le "cose mentali" ,come le chiama lei, le dovete risolvere entrambi. Vi trovo, da ciò che ci racconta, alquanto confusi sul da farsi, su che cos'è la relazione privilegiata, l'attrazione, il sesso ed infine l'amore. Certo son tutte cose che si imparano crescendo e voi siete ancora giovani ma mi sento di consigliarvi di non pensare di utilizzare il rapporto sessuale come banco di prova " per una mese intero" per comprendere se i sentimenti che una volta vi avevano uniti ci sono ancora.
Il sesso è conseguente (e non antecedente) di complicità, affetto, comunione di intenti, calore e quant'altro renda due individui agli occhi del mondo coppia.
Le faccio tanti auguri.

Dr.ssa Nunzia Spiezio
Psicologa
Avellino

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie della cortese risposta...
Siamo confusi perché io personalmente non ho mai avuto in storie precedenti tali problemi o simili...lei fondamentalmente son il suo primo vero amore me l ha detto..io vorrei risolverli assieme ma vedo in lei un rifiuto e nel convincersi che non mi ama... perché fondamentalmente si è rotto qualcosa in lei dopo quella litigata ...ma vedo in certi suoi comportamenti che ci tiene come a prima ...ma non so come farglielo capire perché è una tipa di persona tosta anche se poi fondamentalmente non lo è non so come prenderla...perché vorrei farle capire appunto come dice lei il sesso non è un banco di prova anzi peggiora o maschera i problemi..ma in questo momento la logica con lei è controproduttiva ...ma dopo una delusione che mette indubbio tutto come fare a fargli risvegliare quello che sente ?la via logica non penso che funzionerebbe almeno quando ho provato ha peggiorato le cose..come faccio a risvegliare dei sentimenti da una delusione? Domanda ridicola lo so ma adesso sono in piena confusione anch'io non so come fare per fargli vedere che è colpa di quella delusione e che vorrei recuperare...
Grazie dottoressa
[#3]
dopo
Utente
Utente
Che consigli potete darmi?perchè non so come fare
[#4]
Dr. Nunzia Spiezio Psicologo 531 20 3
Caro ragazzo,
"adesso sono in piena confusione anch'io non so come fare per fargli vedere che è colpa di quella delusione e che vorrei recuperare..."
potreste lei e la sua ragazza prendere in considerazione l'idea di rivolgervi ad un collega della vostra città? Magari anche al consultorio.
On line diventa difficile comprendere cosa veramente sta capitando tra di voi anche perchè lei la trovo molto confuso nel riportare gli eventi forse per colpa dell'ansia che le sta mettendo dentro questa relazione e anche questo dovrebbe farla riflettere:
Si sta insieme per stare meglio e non peggio. Inoltre ritengo sia poco proficuo cercare di convincere il partner a cambiare idea sul rapporto; se ha deciso che vuole tempo è più prudente dargliene.
Inoltre la ragazza, da come lei la descrive, sembra avere ben altri problemi familiari che, immagino, hanno riverberato su di lei in un certo modo e, mi dispiace dirglielo, ma non sarà lei a cambiarla.
Non si erga a suo crocerossino. Piuttosto, se vuole fare qualcosa la convinca a rivolgersi ad uno psicoterapeuta della vostra città e l'accompagni.
Forse vi chiarirete le idee sulla vostra coppia ma soprattutto su voi stessi.
In bocca al lupo.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio