paura del mio compagno di sbagliare e ingravidarmi

Salve , sono una ragazza di 24 anni in una relazione con un uomo di 42 . Ci conosciamo entrambi da 4 mesi e già dai nostri primi incontri abbiamo avuto rapporti molto belli e intensi. Premetto che lui di professione è uno psicologo. La nostra conoscenza è iniziata grazie al suo modo di corteggiarmi ed ammetto che a me è subito piaciuto sia il suo modo di approcciarsi, che la sua personalità. Ma fin dall'inizio ho notato in lui varie problematiche di insicurezza legate ad eventi traumatici della sua vita , che ha voluto raccontarmi fin dai primi incontri. Lui stesso ha ammesso di aver voluto studiare psicologia per salvarsi da tanti momenti bui della sua vita. Ha un rapporto molto contrastante con la madre fin da piccolo ed è orfano di padre. Riguardo alla sua vita sentimentale passata, mi ha raccontato di esser stato in psicoterapia dopo aver stroncato un fidanzamento con la sua prima ragazza. In seguito ha "usato" il sesso come ricompensa o come metodo di ribellione.. è stato con tante donne. La sua ultima storia è durata 2 anni, nei quali, lui stesso mi ha confessato di non esser riuscito ad intraprendere decisioni importanti . Riguardo alla nostra storia..lui mi dice di non esser stato mai dolce con nessuno come lo è con me, che ha tanta attrazione e ha molto rispetto nei miei riguardi rispetto a come concepiva il sesso in passato. Ultimamente ha paura di avere rapporti perchè non riesce a controllarsi nell'eiaculazione. Un mese fa c'è stato un momento in cui entrambi credevamo di aver sbagliato qualcosa e sono stati giorni di ansia prima dell'arrivo del ciclo. Dopo questa esperienza abbiamo usato il preservativo 2 volte .. ma dopo mi ha ammesso che non sa come gestire questa situazione, ha angoscia nell'avvicinarsi, perchè crede che un contatto si possa trasformare inevitabilmente in una gravidanza.Lui crede di non esser, forse, portato ad essere genitore. Non si sente in grado di impartire lezioni di vita..ieri ne abbiamo discusso e mi ha chiesto di andargli incontro e capire cosa è possibile trarne da questo .. e cosa sarebbe meglio per entrambi.. Lui è consapevole che nonostante la mia età sono una ragazza abbastanza matura, e credo sappia che sono completamente innamorata di lui. Purtroppo entrambi siamo introversi e fatichiamo ad esternare a parole i nostri sentimenti, ma lui sa che nella mia dolcezza si nasconde tutto l'amore che posso.. Sto male all'idea di poterlo perdere per sue insicurezze , perche credo sia una persona buona ed empatica, cosi come lo sono io. Non saprei come gestire questa situazione e in che modo andargli incontro per trasmettergli più sicurezza e fiducia. Spero possiate aiutarmi. Grazie in anticipo.
[#1]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,6k 452 103

Gentile utente,

siete assieme da soli quattro mesi,
e già problematiche quali la paura di una gravidanza indesiderata rappresentano una presenza ingombrante.

Perchè ritiene di dover delegare a lui la gestione della Sua fertilità?
Perchè non assume Lei un contraccettivo sicuro?
La gravidanza è una decisione che si prende in due
e analogamente la contraccezione non può essere unicamente sulle spalle di lui.

Capisco di essere passata di botto dal piano psicologico interpretativo al piano della realtà,
ma talvolta è necessario:
la vita non è unicamente .. parole, paure, ecc., (peraltro importanti!)
bensì anche concete gravidanze indesiderate.

Saluti cordiali.

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve dottoressa ,
ho parlato di questo con il mio compagno..cercando di trovare un compromesso.. ma lui mi ha detto che ha proprio paura ad avere un rapporto con me.. anche protetto. Lui dice che non devo assolutamente pensare che non gli piaccio ma è un suo problema che dovrà risolvere..
Al momento mi ha proposto solo petting, io purtroppo soffro di endometriosi e non posso assumere pillole nè altri metodi contraccettivi.. Sul piano affettivo mi ha rivelato di avere un forte sentimento ed è spaventato da questo.. oltre alle sue problematiche familiari che ho spiegato nel primo consulto..
Non so come comportarmi.. a volte fatico a credere che lui sia anche uno psicologo, perchè il più delle volte sento come se avesse bisogno di risposte, di protezione ..ma al tempo stesso scappa per sue insicurezze..
[#3]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,6k 452 103

Gentile utente,

Riguardo alla contraccezione ormonale in situazione di endometriosi, occorre verificare con la ginecologa la Sua affermazione "..endometriosi e non posso assumere pillole.." ;
(Le allego due contributi di specialisti ginecologi che scrivono su questo sito:
https://www.medicitalia.it/news/ginecologia-e-ostetricia/5700-mestruazioni-solo-4-volte-l-anno-nuova-pillola-contraccettiva-e-curativa-per-i-disturbi-del-ciclo.html
https://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/576-l-endometriosi.html )

Ma - credo di capire - lui non accetterebbe la sessualità penetrativa con Lei in ogni caso.
Lei dice che lui "..ha paura di avere rapporti perchè non riesce a controllarsi nell'eiaculazione. " Se parla del coito interrotto, è un metodo contraccettivo a dir poco rudimentale e con alta percentuale di fallimento. Se invece si tratta di eiaculazione precoce, è opportuno che venga curata, non crede?

Talvolta anche gli psicologi hanno bisogno di chiedere aiuto. Questa potrebbe essere una di queste situazioni, sempre che lui ci tenga realmente a non perderLa..

Altrimenti Lei trarrà le proprie conclusioni.

Saluti cordiali.





Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test