Utente 547XXX
Salve cari medici, sono una mamma di 40 anni e mio figlio lamenta di questi sintomi, mancamento di aria e pensa sempre alla stessa cosa, ha sempre paura di avere un cancro ha solo 13 anni e fa sport 4 volte a settimana riesce a fare di tutto e me ne sono accorta che se sta con amici oppure in piscina ecc... Non ha questi sintomi, ma se sta da solo e non ha niente da fare continua ad accusare e subito ho pensato fosse ansia, lui 6 mesi ha fatto elettrocardiogramma e una visita per il respiro di cui non ricordo affatto il nome gli hanno messo un tubo in bocca e lo hanno fatto soffiare a tutta forza, tutto nella norma analisi del sangue tutto nella norma e il suo medico di base dice che si tratta di ansia e si gli parlo di cancro si mette a ridere, aggiungo che è un ragazzo molto ma molto ansioso qualsiasi cosa cerca subito su Google! Spero anche io che si tratti di ansia comunque tra 2 settimane ha una visita da un pneumologo però volevo sapere secondo voi se si tratta di ansia, ogni 6 mesi fa visite a cuore e ai polmoni e sempre tutto nella norma fa anche analisi del sangue e anche li tutto sempre nella norma! Scusate se ho esagerato col mio discorso! Arrivederci

[#1]  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile signora,

da come Lei descrive Suo figlio e il suo comportamento, i suoi timori, ecc... sembrerebbe che possa trattarsi di una problematica ansiosa, anche se io sono del parere che sia preferibile concludere tutti gli accertamenti che sono stati già programmati (es. pneumologo).

Dire però che Suo figlio ha un disturbo d'ansia (se questo venisse poi confermato con una visita diretta), NON significa non avere nessun problema, o che sia un problema secondario.

Senz'altro, in un ragazzo così giovane, il disturbo d'ansia, può essere trattato in tempi brevi e con successo grazie alla psicoterapia, previa valutazione diretta.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2] dopo  
Utente 547XXX

Prima di tutto la ringrazio della sua risposta, voglio aggiungere anche che nel suo genere di sport è uno dei più bravi fa karate e sala pesi e riesce a svolgerli al meglio anzi non ha affanni di nessun genere! Io spero e sono anche quasi sicura si tratta di ansia! E non penso che sia un cancro al polmone come dice lui! Lui pensa sempre ad un cancro perché ha perso 4 parenti stretti a causa di cancro e ogni sintomo per è un cancro! Vabbe la ringrazio ancora. Cordiali saluti e mi scuso anche per gli eventuali errori di calligrafia!

[#3]  
Dr.ssa Patrizia Pezzella

24% attività
8% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
Gent.ma signora,
concordo con la collega di completare l'iter diagnostico organico già programmato con il medico e dopo sarebbe opportuno consultare uno psicologo al fine di gestire il malessere emotivo che suo figlio esprime. L'intervento psicologico risulterebbe doppiamente opportuno tenendo conto dei lutti che avete vissuto e che probabilmente ha lasciato un segno dal punto di vista emotivo in tutti voi in famiglia .

Moltissimi auguri.
dssa Patrizia Pezzella
Dr.ssa Patrizia Pezzella
psicologa, psicoterapeuta
perfezionata in sessuologia clinica

[#4] dopo  
Utente 547XXX

Vi ringrazio veramente ad entrambi, una solo ed ultima domanda! La possibilità di avere un cancro a 13 anni è uguale ad una persona adulta? Mio figlio ormai è fissato con sta parola! È diventata un ossesione anche per me. Vi ringrazio ancora tanto arrivederci!

[#5] dopo  
Utente 547XXX

Cari medici, mio figlio oggi ha insistito a farsi portare al pronto soccorso per togliersi prima i dubbi, dopo tutte le visite del caso hanno detto che è tutto a posto polmoni liberi bronchi anche, tutto apposto tutti i medici hanno detto che si tratta di ansia, come posso gestirla che devo fare?

[#6]  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Data la giovane età del ragazzo e anche l'insorgenza del disturbo, di solito si ottengono buoni risultati con le psicoterapie prescrittive e focalizzate, come ad esempio la psicoterapia cognitivo-comportamentale.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica