Ansia nello stare con le persone

Buongiorno a tutti quanti.
Il mio problema è che non riesco a stare con altre persone e nello stesso tempo rimanere me stesso.
Sto sempre in ansia se devo andare a lavoro o vedere conoscenti/amici, e vengo assalito dai pensieri per la paura di quello che pensano gli altri.
Secondo voi è possibile stare meglio senza prendere dei psicofarmaci ma solo con la psicoterapia?
Attualmente sto facendo delle sedute con un psicoterapeuta, ma non ci sono risultati.
Per me è difficile stare sereno in seduta, e non mi apro più di tanto.
Grazie a chiunque mi risponderà.
[#1]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
Gentile Utente,

che tipo di psicoterapia sta seguendo adesso?
Quali obiettivi sono stati fissati?

Cordiali saluti,

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buonasera dottoressa! Grazie per aver risposto. La psicoterapia è di tipo cognitivo. Gli obbiettivi sono quelli di capirci qualcosa di più su di me come persona, e di cercare di abbassare l'ansia quando sto con le altre persone. Faccio 2 sedute al mese.
[#3]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
Quali comportamenti ha provato a mettere in atto per cercare di abbassare il livello di ansia quando sta con gli altri?
Le capita in qualunque tipo di relazione o solo in alcune circostanze?

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#4]
dopo
Utente
Utente
Buonasera! Il punto è proprio questo. Lui è un cognitivista e per adesso dice che dobbiamo procedere lentamente. Stiamo lavorando sui miei pensieri, quindi quello che mi provoca disagio, e restiamo tanto sul corpo, quindi risposta del mio organismo durante i momenti ansiogeni. Da un punto di vista comportamentale forse niente, nel senso che mi pare di non aver messo in atto niente. Diciamo che sto in ansia quando sto fuori casa, per la paura di quello che pensano gli altri di me, quindi a lavoro, e qualche volta anche per strada quando sono solo. Devo sempre cercare di apparire come uno che parla, e non come una mummia. A casa se potessi non parlerei mai, perché mi sento abbastanza apatico.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio