Utente
Buonasera, scusate il disturbo.

Qualche mese fa ho iniziato a fare delle sedute da uno psicologo, tra settembre e prima metà di ottobre ne ho fatte quattro.

Devo dire che ci sono stati dei benefici evidenti, ma io ritengo che la strada da fare sia ancora lunga.

Ho interrotto le sedute per aspettare che la situazione con il covid si calmasse, e ora ho intenzione di riprenderle.

Ne ho parlato con mia madre stamattina, ma poi è saltato fuori che mio padre non lo ritiene necessario.

È questo il punto, non mi sento compreso.

Per loro è facile giudicare.

Sono io che quando ho degli attacchi di ansia sto male fisicamente (i controlli medici fatti l'anno scorso sono stati ottimo, di organico non ho nulla) con il solito respiro affannato, dolore al petto e giramento di testa.

Voglio dire, non credo che con solo quattro sedute si rixolva l'ansia accumulata in tanti anni.

Mi sembrava strano che le cose potessero risolversi, troppo bello per essere vero.

Per loro, soprattutto per mio padre, sono io che mo devo sbloccare.

Ma come faccio a farglielo comprendere?

Non mi va di discutere, un po' anche per timore.

Sto tornando a provare rabbia che erano alcuni mesi che non sentivo più.

Come potrei ribaltare la situazione a mio favore?

Avrei altre cose da dire, magari in seguito, per ora mi limito a dire questo.

Grazie mille per la pazienza.

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

Lei è ampiamente maggiorenne,
e in quanto tale può:
- avere la consapevolezza che non tutte le scelte dei figli sono condivise dai genitori;
- sapere che in autonomia può recarsi dal medico curante e farsi prescrivere delle sedute a costo di ticket (salvo esenzioni) presso il Servizio Sanitario. Ma questo glielo avevo segnalato già oltre un anno fa, rispondendo al Suo consulto dell'epoca.

Il problema è curarsi, e
-come ha potuto sperimentare-
la psicoterapia La aiuta.

E dunque non c'è alcun bisogno di discutere con i genitori.

Oppure sfugge qualcosa?

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2] dopo  
Utente
Grazie,no no non sfugge niente,solo che ho cominciato da poco ad impormi,il mio medico di base mi ha consigliato di andare dallo psicologo proprio per questo, per non accettare tutto passivamente e per tirare fuori la mia rabbia.
Lo psicologo mi aveva già detto che inizialmente avrei faticato a staccarmi dal giudizio dei genitori,ma sto migliorando in questo.
Ciò che dice è vero,solo che non ho ancora superato del tutto la mia chiamiamola vecchia mentalità.
Grazie mille,un saluto.