Come posso gestire la mia ansia?

Salve, sono una ragazza di quasi 25 anni, vivo una vita regolare.
Di base ho un carattere leggermente ansioso ma con il periodo che stiamo vivendo mi ritrovo spesso a combattere con quest’ansia in maniera più forte credo sottoforma di attacchi di panico.
La Será mi metto al letto e inizio a rigirarmi finché non sono costretta ad alzarmi mi si secca la gola inizia la tachicardia e manca l’aria ovviamente da questo poi entrò sempre più in panico, non riesco a chiudere gli occhi per 10 minuti consecutivi che devo alzarmi.
Premetto che non capita sempre ma ci sono giorni in cui capita anche Più volte sopratutto inr questo che è un periodo un po’ difficile.
Volevo un consiglio a livello di terapie qualche compressa naturale?
Molto spesso anche la camomilla non fa effetto.
Aggiungo che proprio mentre sembra che stia per addormentarmi salto agitata.
Ultima cosa potrebbe anche accentuarsi il tutto causa post Covid?
?

Grazie
Attendo vostra
[#1]
Dr.ssa Laura Koelliker Psicologo 12
Buongiorno, questo è un periodo molto particolare e difficile per tutti; una situazione senza precedenti. Non voglio consigliarle calmanti , pillole o intrugli perché le dico chiaramente che non servirebbero a nulla. L’ansia è in sintomo, un sintomo io lo intendo come atto espressivo e creativo del nostro corpo che tenta di comunicarci che c’è qualcosa che non va. Qualcosa che non vediamo, non vogliamo vedere ma, è li. È come se dicesse: Svegliati!!! Prenditi cura di te! Guardami... io ci sono!!! .
In questo senso non c’è da aver paura del sintomo, in questo caso dell’ansia, non cerchi di sopprimerla, nasconderla, evitarla ricorrendo a camomille o chissà che altro, la guardi, la senta, la affronti ; in fondo sta venendo a dirle qualcosa di importante.
Sono qui, se lei vorrà, per accompagnarla in questo percorso. Per prendersi cura di lei e dare voce a quest’ansia.
La abbraccio forte
Dott.sa Laura Koelliker

Dr.ssa Laura Koelliker - Napoli (Na)

[#2]
Dr.ssa Laura Koelliker Psicologo 12
Buongiorno, questo è un periodo molto particolare e difficile per tutti; una situazione senza precedenti. Non voglio consigliarle calmanti , pillole o intrugli perché le dico chiaramente che non servirebbero a nulla. L’ansia è in sintomo, un sintomo io lo intendo come atto espressivo e creativo del nostro corpo che tenta di comunicarci che c’è qualcosa che non va. Qualcosa che non vediamo, non vogliamo vedere ma, è li. È come se dicesse: Svegliati!!! Prenditi cura di te! Guardami... io ci sono!!! .
In questo senso non c’è da aver paura del sintomo, in questo caso dell’ansia, non cerchi di sopprimerla, nasconderla, evitarla ricorrendo a camomille o chissà che altro, la guardi, la senta, la affronti ; in fondo sta venendo a dirle qualcosa di importante. Se vorrà, uno psicologo potrà accompagnarla in questo percorso. Per prendersi cura di lei e dare voce a quest’ansia.
La abbraccio forte
Dott.sa Laura Koelliker

Dr.ssa Laura Koelliker - Napoli (Na)

[#3]
dopo
Utente
Utente
Salve dottoressa , grazie per la sua risposta.
Volevo chiederle sempre inerente ai miei attacchi di panico, è normale sentire una forte stanchezza subito dopo e addirittura sembrare avere tachicardia ?
Grazie in anticipo

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio