Utente 342XXX
Salve, scrivo per conto della mia ragazza, che ha 24 anni. Circa 2 anni fa ha iniziato ad avere dolori muscolari, capogiri e stanchezza, ha fatto molti esami e visite, durante una visita reumatologica, poi anche durante un'altra dal medico di base e sotto allarme dell'osteopata che la seguiva le hanno detto che i suoi disturbi erano probabilmente dati dalla Fibromiaglia. Al che lei si è documentata molto su internet e si rivedeva in praticamente tutti i 100 sintomi di questo disturbo. Tale diagnosi è stata poi confermata durante una visite reumatologica. Da circa un anno sta cercando di fare il possibile per curarsi rinunciando all'uso di farmaci. In particolare fa respirazione, yoga, allugamenti, e nordic walking, inoltre ha una dieta con cibi biologici e in generali non intossicanti e beve acqua alcaline. Pare che questo disturbo sia dato sopratutto da due fattori: ha affollamento dentale e ha gli Ossiuri, a breve metterà un apparecchio invisalign per sistemare i denti e sta curando gli ossiuri con la medicina naturale. Tutti questi accorgimenti la fanno stare abbastanza bene, riesce a condurre una vita normale anche se di tanto in tanto ha piu' dolori muscolari, sopratutto quando è molto stressata. L'altro giorno è andata a in reumatologia per una visita di controllo, ma non c'era il solito dottore, bensì una dottoressa che ha sospettato che non sia Fibromialgia, ma LES. Il motivo del sospetto è che lei durante la visita presentava rossore sulle guance e sul naso, come un edema a farfalla. Tuttavia il giorno precedente io e lei siamo stati 2 ore sotto il sole ed essendo lei di carnagione molto chiara si è come al solito scottata (tuttavia non ha detto alla dottoressa il fatto della scottatura solare). I sintomi che ha della LES sono: i dolori articolari (che migliorano facendo esercizio) e le afte (di cui soffre sin da piccola e negli ultimi tempi sono diminuite e comunque generalmente molto piccole) e estremità di mani e piedi a volte freddi (cosa di cui soffre da sempre). Tuttavia non presente gonfiore, perdita di capelli ne macchie sulla pelle, anche se si espone al sole. La mia domanda è: possibile che una scottatura solare sul volto sia stata scambiata per un edema a farfalla sopratutto considerato che non è stato esaminato dalla dottoressa? Possibile che sia LES anche se lei ha TUTTI i sintomi della Fibromialgia? Possibile che dai normali esami del sangue (che fa ogni 4/5 mesi da alcuni anni) non sia mai risultato nulla di anomalo? Possibile che i sintomi fibromialgici siano scambiati per LES? Possibile che in 2 anni che ha i sintomi non sia mai peggiorata (anzi) nonostante non prenda alcun tipo di farmaco? Attualmente lei sta attendendo il responso delle analisi del sangue specifiche per la diagnosi del LES, ma ci vorranno 10 giorni, lei è molto emotiva, ha in ansia, non sta nemmeno piu' mangiando. Vorrei provare a rassicurarla. Vi prego rispondete. Cordiali Saluti.

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
se può essere confortante, posso dirLe che la mia sensazione personale, secondo gli elementi riferiti, non mi porterebbe a sospettare una connettivite sistemica. Ma il Suo è "solo" un racconto, che pone il problema di una importante diagnosi differenziale chiaramente non fattibile in questa sede.
È però possibile dare qualche spunto di riflessione.

Innanzi tutto è opportuno sottolineare che una diagnosi non esclude l'altra, dal momento che le due problematiche possono essere essere compresenti.

Appare strano che la collega abbia diagnosticato un eritema a farfalla senza neanche porsi il dubbio che potesse trattarsi di un "normale" eritema solare. Sarà comunque opportuno che le riferiate, al controllo clinico, il tipo di esposizione solare che avrebbe provocato l'eritema.

Bisognerebbe definire meglio le sedi (che inizialmente ha riferito come muscolari, poi articolari) e gli altri caratteri del dolore, poiché l'attenuazione provocata dal movimento non è esclusiva degli stati infiammatori dell'articolazione (ammesso che stiamo parlando di articolazioni piuttosto che di muscoli).

L'aftosi, anche ricorrente, non è un elemento esclusivo del LES né necessariamente sostenuta da autoimmunità.

La positività per autoanticorpi non organospecifici (se dovesse essere rilevata), come ad esempio gli anti-nucleo, è riscontrabile in una percentuale non trascurabile della popolazione e spesso nei soggetti affetti da tiroidite autoimmune - condizione questa che accompagna spesso la fibromialgia (e che pertanto dovrebbe essere accertata/esclusa nel caso della Sua fidanzata).

La parassitosi dovrebbe essere trattata in maniera appropriata e anche Lei dovrebbe controllarsi in tal senso.

Ci aggiorni, se vuole.
Saluti,