Utente 279XXX
Buongiorno.A mia madre 54 anni le è stato diagnosticato circa 1 mese e mezzo fà.Un carcinoma mammario duttale ad alevato grading nucleare. E' stata operata ed è stata eseguita una quadrectomia, a seguito dell intervento la diagnosi istopatologica ha sentenziato "Carcinoma duttale scarsamente differenziato con focale invasione vascolare peritumorale e ridotta componente intraduttale di tipo cribiforme e solido con necrosi. linfonodi esenti da metastasi.
Stadio e fattori biologici pT1c(1,3cm) pNSent Neg (0/5) MX G3 invasione vascolare focale recettori ormonali: ER 90% PgR 7'0% ki-67 28% c-erbB2:intensa completa nel 95% ca15-3:15.7 u/ml"
Le è stato proposto il seguente piano di cura: trattamento chemioterapico secondo schema AC per 4 cicli, seguito da taxolo settimanale in associazione a trastuzumab settimanale per 12 settimane, seguito da tastuzumab trisettimanale a completamento di 12 mesi.ed anche un trattamento endocrino con letrozolo 1cp al giorno per 5 annni.
Volevo cortesemente una visione di insieme del quadro clinico di mia madre in parole più "povere".
Da quello che mi hanno detto e da quello che ho capito è che si tratta di un cancro abbastanza aggressivo data la sua stadiazione G3, e dati i vari recettori ormonali che non lasciano sperare bene.
Grazie anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>è che si tratta di un cancro abbastanza aggressivo data la sua stadiazione G3, e dati i vari recettori ormonali che non lasciano sperare bene>>

I FATTI SEPARATI DALLE OPINIONI

1) C'è chi vede il bicchiere mezzo vuoto >>che non lasciano sperare bene>>

ed hanno ragione perchè effettivamente diversi fattori prognostici sono sfavorevoli , ma proprio per questo ha fatto precauzionalmente una terapia altrettanto aggressiva.

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/940-tumore-seno-chirurgia-fare.html


2) E chi lo vede il bicchiere (come il sottoscritto) mezzo PIENO perchè

I fattori prognostici più importanti sono FAVOREVOLI (es. stato linfonodale e recettori ormonali)

Tragga Lei le conclusioni (^_____________^).

Ora è il momento di fare un pò di PREVENZIONE PRIMARIA (nuovi tumori alla mammella e recidive)
legga

https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/2253/FERMI-TUTTI-La-dieta-anticancro-si-rimangia-le-regole

e

http://www.senosalvo.com/terapia_metronomica.htm
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com