Utente 261XXX
Buongiorno, ho 52 anni e sono in pre-menopausa. Ho effettuato i controlli annuali (mammografia+ ecografia), in quanto mia mamma è stata operata di carcinoma bilaterale alle mammelle 6 anni fa (aveva 72 anni), ed è stata rilevata, al controllo ecografico, una Formazione ipoecogena omogenea a margini sfumati, di circa 10 mm, meritevole di verifica agobioptica.

Ho quindi effettuato, con Prevenzione Serena, gli esami richiesti ed ho ritirato ieri 25/09/2014 il seguente esito:

GIUDIZIO RADIOLOGICO:

Tipo di lesione: lesione nodulare
Dimensioni: 10,5 mm.
Sede: Q2/Q5 sinistro
M3 (sospetto)
Osservazioni: SN Q2/Q5 nodo ipoecogeno diametro 10,5 mm.

REPERTO MICROSCOPICO:
frustoli di connettivo fibroadiposo, lembi di cellule duttali tipiche, cellule mioepiteliali e nuclei nudi. Il reperto è compatibile con un’area fibroadenosi/fibroadenoma

REFERTO CITOLOGICO: C2 – Negativo: compatibile con lesione benigna

REFERTO CONCLUSIVO
Esame obiettivo: nella norma.
L’esame ecografico evidenzia a sinistra in Q2/Q5 una formazione ipoecogena, disomogenea, a margini sfumati del diametro massimo di 10,5 mm. Il prelievo citologico eseguito con ago sottile 22G ha evidenziato frustoli di connettivo fibroadiposo, lembi di cellule duttali tipiche, cellule io epiteliali e nuclei nudi. Il reperto è compatibile con un’area fibroadenosi/fibroadenoma (C2).

Mi è stato detto di stare tranquilla e di continuare con i consueti controlli annuali (e con Prevenzione Serena ogni due anni).

Chiedo gentilmente una “traduzione” dei vari termini e non ho capito se si tratta di un nodulo, di un fibroadenoma, se è un tumore benigno o altro.

Grazie per l’attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
>>Mi è stato detto di stare tranquilla e di continuare con i consueti controlli annuali (e con Prevenzione Serena ogni due anni).>>

Mi è stato detto da chi ?
Annoni Andrea, MD

[#2] dopo  
Utente 261XXX

Dalla dottoressa di Prevenzione Serena che mi ha consegnato il referto. In calce al referto le CONCLUSIONI recitano: "le indagini effettuate non hanno dimostrato segni di lesioni mammarie di significato produttivo. La signora verrà invitata tra 2 anni presso il nostro centro di screening per eseguire il normale controllo mammografico". Ovviamente io continuerò i controlli ogni anno senza attendere che mi chiamino loro, ma non ho capito cosa mi hanno trovato....
Potete darmi qualche delucidazione in più sul significato dei vari termini e qualche consiglio per favore?
Grazie mille

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Chiedo scusa

>>L’esame ecografico evidenzia a sinistra in Q2/Q5 una formazione ipoecogena, disomogenea, a margini sfumati del diametro massimo di 10,5 mm. Il prelievo citologico eseguito con ago sottile 22G ha evidenziato frustoli di connettivo fibroadiposo, lembi di cellule duttali tipiche, cellule io epiteliali e nuclei nudi. Il reperto è compatibile con un’area fibroadenosi/fibroadenoma (C2).>>

Questa formazione del diametro di 10 mm è la prima volta che viene segnalata o era già presente nei controlli precedenti ?

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 261XXX

Due anni fa era stata rilevata a sinistra in Q5 la presenza di una minuta formazione ipo-anecogena ad aspetto cistico di 3 mm. L'anno scorso mi sono affidata ad un'altra struttura che è specializzata nella prevenzione dei tumori alla mammella, ma non hanno rilevato nulla. Di fronte alle mie perplessità, la dottoressa mi aveva spiegato che a volte le cisti si formano e poi spariscono, dipende dagli ormoni. E' da un paio d'anni che non ho più un ciclo mestruale regolare (quest'anno in particolare). All'esame di quest'anno, effettuato dalla medesima dottoressa dell'anno scorso e nella medesima struttura, è ricomparsa questa formazione e la dottoressa ha ritenuto di approfondire con l'esame agobioptico. L'esame è stato effettuato con Prevenzione Serena, da una equipe della quale anche lei faceva parte ed era presente quel giorno. Il giorno del prelievo citologico hanno esaminato tutta la documentazione degli ultimi 3 anni, quindi anche quella in cui si era rilevata la piccola ciste.
Cosa devo pensare?
Grazie

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non è possibile a distanza fare valutazioni corrette. Sono stato tentato di non interferire per questa ragione per non incrementare il suo livello di ansia.

Alla fine ho deciso di correre questo rischio, avendo imparato dal mio maestro Veronesi che " occorre essere cinici e pessimisti sulla DIAGNOSI e ottimisti sulla PROGNOSI "

1) >> Di fronte alle mie perplessità, la dottoressa mi aveva spiegato che a volte le cisti si formano e poi spariscono, dipende dagli ormoni. >>

Le cisti SI, ma questa è una lesione SOLIDA, tra l'altro "a margini sfumati"

>>L’esame ecografico evidenzia a sinistra in Q2/Q5 una formazione ipoecogena, disomogenea, a margini sfumati del diametro massimo di 10,5 mm>>

2) Verissimo che l'esito della agobiopsia faccia pensare ad una lesione benigna,
[ e la presenza di nuclei nudi ad un fibroadenoma]
ma le perplessità SE INSORTA RECENTEMENTE, e da quanto scrive sembra così, sono diverse

a) L'insorgenza di un fibroadenoma, pur sempre possibile, è da considerare ATIPICO alla sua età.
b) L'agobiopsia è un esame molto utile, ma occorre tener conto nella sua interpretazione anche dei possibili falsi negativi che sono dell'ordine del 10%

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/70-agobiopsia-mammella.html

c) Oltre che della sua età occorre tener conto del precedente della mamma non tanto perché ha avuto un tumore, che a 72 anni può essere considerato come sporadico, ma perché l'ha avuto bilateralmente e questo è un segnale di maggior attenzione.

CONCLUSIONI :
Da quanto scrive sono convinto che si tratti di una lesione benigna e quindi ci sono tutte le ragioni per rassicurarla, ma se Lei fosse mia madre, mia sorella o mia figlia procederei all'asportazione precauzionale del nodulo o in alternativa ad un ulteriore approfondimento tramite una Risonanza Magnetica CON mezzo di contrasto. In chiaro contrasto e dissenso con la raccomandazione di un controllo mammografico a 2 anni [ sic !!!].

A meno che non abbiano già verificato che la lesione presunta benigna , ma questo io non lo posso sapere, fosse già presente ed invariata per caratteristiche e volume nei controlli strumentali degli anni precedenti.

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/quando_perche_fare_RMM.htm

Tanti saluti


Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com