Utente 953XXX
Egregi dottori,

mi permetto di scrivervi per avere (spero) un po’ di conforto per la situazione in cui si trova mia sorella di 31 anni.
Nell’agosto del 2015 è stata sottoposta a quadrantectomia a seguito di microcalcificazioni sospette, a limatura di ferro, nel dotto galattoforo, che hanno poi analizzato e confermato essere maligne. Ha fatto radioterapie per un mese e stop.
Nel luglio 2016 ha fatto la mammografia di controllo da cui sono emersi 2 piccolissimi puntini che hanno associato a residuo da radioterapia.
Nel settembre 2016 è rimasta incinta ed ha allattato fino al mese scorso.
Ha fatto una mammografia settimana scorsa ed è emerso un altro piccolo cluster di microcalcificazioni di un’area di circa 5 mm, puntiformi e a “rosetta” , ed ovviamente siamo tutti ripiombati nella paura.
Ha mostrato la mammografia sia ad una senologa e sia ad un’oncologa le quali hanno consigliato mammotome.
Sono molto preoccupata perché non avendo parlato in prima persona con loro non ho potuto chiedere quello che chiedo a voi sperando in un po’ di conforto.
Cosa dobbiamo aspettarci nella peggiore delle ipotesi? Voglio dire, ammesso che siano di nuovo maligne (quelle con questa morfologia ho letto che lo sono al 50%), sarà necessario un nuovo intervento anche se come hanno detto le toglieranno comunque tutte con la VABB, essendo piccole?
Ed inoltre, è vero che essendo in una fase precocissima di diagnosi la guarigione è sicura al 100%? Dovrà affrontare altre terapie (radio o addirittura chemio)?

Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Trascrivendo l'esame istologico del precedente intervento provi a ripostare (va bene il copia incolla di questo consulto)
sul mio blog Ragazze Fuori di seno e Le rispondero senz'altro

https://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-1422.html

Si presenti con un nome (anche fasullo se vuole mantenere l'anonimato)

L'aspettiamo

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 953XXX

Non ho con me il referto, so solo che era un carcinoma duttale in situ.
La sede di quest'altro cluster non è la stessa del precedente, queste sono più verso il capezzolo come se l'allattamento (che da quel seno non è stato abbondante il latte non usciva quasi per niente) le avesse spostate...non so.
Comunque guardando la mammo questo piccolo cluster (ne sono circa 6 o 7 tutte disposte vicine ma tondeggianti) è morfologicamente molto diverso dal precedente.
Grazie mille