Utente 503XXX
Buongiorno,
ho 48 anni, le riporto qui di seguito il referto dell'ecografia alle mammelle eseguita 10 giorni fa:
"Bilateralmente non si dimostrano alterazioni ecostrutturali focali sospette. Si confermano bilaterali sparse plurime cisti. La cisti di maggiori dimensioni è situata tra i quadranti esterni di sinistra e presenta diametro di 35 mm. Tra i quadranti inferiori di sinistra si dimostra, all'attuale indagine, formazione ovalare con diametri di 23 - 9 mm. Il contenuto è corpuscolato. All''indagine color flow si dimostra minima vascolarizzazione intra-perilesionale. Il rilievo è di dubbia interpretazione diagnostica e non sicuramente attribuibile a cisti densa. In rapporto a primo riscontro si consiglia completamento con ago aspirato. Non ectasia dei dotti in sede retroareolare, Non linoadenopatie ascellari".
Premetto che annualmente mi sottopongo a mammografia+ecografia+visita senologica e durante le ultime indagini (maggio 2017) non vi era la presenza di questa formazione ovalare dal contenuto crepuscolato, quindi presumo che si sia sviluppata negli ultimi 14 mesi. Vorrei chiedere il significato della dicitura VASCOLARIZZAZIONE INTRA PERILESIONALE e un parere in merito al fatto che in 14 mesi si sia formata questa "ciste" arrivando a misurare 23 mm. Oggi mi sono sottoposta ad ago aspirato.
Ringrazio per l'attenzione e attendo un vostro cortese riscontro.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto descrive mi aspetterei un esito di assoluta benignita", nonostante la vascolarizzazione.
Quindi aspetti tranquilla l'esito

Saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 503XXX

Buongiorno, la ringrazio innanzitutto per la sua cortese risposta e le riporto il referto dell'esame citologico, che mi ha molto rasserenata:
"Frammenti stromali, lembi di cellule epiteliali con associata componente mioepiteliale, numerosi nuclei nudi. Negativa la ricerca di cellule tumorali maligne. Quadro citologico riferibile a lesione fibroadenomatosa".
Mi domandavo ora se questo fibroadenoma (diametro 23-9 mm) che si è formato nell'arco di 14 mesi circa, debba o meno essere asportato o se sia sufficiente tenerlo sotto controllo.
Volevo chiedere inoltre se l'assunzione della pillola Azalia, che sto assumendo da circa 18 mesi senza interruzione, (per evitare la formazione di polipi all'endometrio - sono stata operata 2 volte nell'arco di 3 anni) potrebbe avere influito sulla formazione del fibroadenoma.
Grazie per l'attenzione.
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Utente 503XXX

Buongiorno, non avendo ancora ricevuto il suo riscontro, mi permetto di sollecitare una sua risposta. Grazie, cordiali saluti.

[#4] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/68-fibroadenoma-devo-operare.html

Puo' avere influito sull'incremento volumetrico
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com