Sospetta prostatite

Buonasera,
sono un ragazzo di 35 anni alto 170 e dal peso di 70kg, non fumo, bevo vino e birra sopratutto nel week end ma ogni tanto anche durante la settimana.

Una decina di giorni fa a seguito di una cena molto pesante fatta di eccessi alimentari e alcolici ho iniziato a sentire l'intestino molto gonfio e dalla notte la sensazione continua di andare ad urinare.

Ad oggi a distanza di 10gg circa ho sempre questa sensazione continua diurna mentre la notte mi sveglio una volta o nessuna.

Oltre ad avere questa sensazione ho come la sensazione che qualcosa spinga contro la vescica sopratutto quando sono seduto e dopo aver urinato ho dei gocciolamenti come se il rubinetto non si chiudesse.

Ho svolto una visita urologica con il seguente referto:
PENE IN ASSE E NORMOCONFORMATO, MEATO URETRALE ESTERNO PERVIO.

DIDIMI ED EPIDIDIMI IN SEDE ED ESENTI DA ALTERAZIONI DI RILIEVO
E.
R. PROSTATA DI DIMENSIONI CONSERVATE, LIMITI NETTI, SOLCO PRESENTE, CONSISTENZA PASTOSA, LIEVEMENTE DOLORABILE
CONCLUSIONI DIAGNOSTICHE PROSTATITE ACUTA
TERAPIA UNIDROX 600-ARCOXIA 90-RECOLUTS
Ora ammetto di essere molto ansio e molto ipocondriaco perciò prima di iniziare l'antibiotico spaventato dagli effetti collaterali dei fluorochinoloni ho preferito svolgere degli esami che vi riepilogo

ANTIBIOGRAMMA
Metodo colturale
Assenza di referto per assenza
di crescita batterica
'''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''
SPERMIOCOLTURA
Metodo colturale
Germe Assenza di crescita batterica
Commento e Miceti

URINOCOLTURA
Metodo colturale
Germe Sterile
ANTIBIOGRAMMA u.

Metodo colturale
COMMENTO Assenza di referto per assenza
COMMENTO di crescita batterica

EMOCROMO
Conteggio elettronico
Globuli bianchi (x1000) 3, 50 9, 00 5, 16 /mmc
Globuli rossi (milioni) 4, 50 5, 50 4, 78 /mmc
Emoglobina 13, 0 17, 0 14, 50 g/dl
Valore globulare 0, 80 1, 10 0, 96
Ematocrito 40, 0 52, 0 42, 50 %
M.
C.V.
80, 0 95, 0 88, 90 (mcr) 3
M.
C.H.
27, 0 32, 0 30, 30 pg
M.
C.H.
C 32, 0 36, 0 34, 10 %
R.
D.W.
11, 5 17, 0 11, 50 %
Conta piastrine (x1000) 130 400 229, 00 /mmc
Granulociti neutrofili 50, 0 70, 0 66, 00 %
" eosinofili 0, 00 5, 00 5, 00 %
" basofili 0, 00 1, 00 0, 00 %
Linfociti 25, 0 40, 0 25, 00 %
Monociti 0, 00 8, 00 4, 00 %

V.
E.S.

Micro-test automatico
Fotometria capillare quantitativa 0, 00 25, 0 15, 00 mm/h
CRP
Metodo turbidimetrico
Proteina C reattiva ---- ---- 0.23 mg/dl
Valori di riferimento
< 0.50 mg/dl
P.
S.A.

Metodo chemiluminescenza
Antigene prostatico specifico 0, 00 5, 00 0, 94 ng/ml

PSA Libero
Metodo chemiluminescenza
PSA Libero 0, 00 4, 00 0, 15 ng/ml
Ora mi domando visto che sembrerebbe essere tutto a posto è davvero necessario l'antibiotico?

il quadro evidenziato è compatibile con la prostatite oppure necessito di altre indagini?

è possibile sia cistite interstiziale?

la mia ansia potrebbe accentuare il tutto?
[#1]
Dr. Paolo Piana Urologo 36.8k 1.7k 16
Considerato quanto ci scrive, pare evidente che si tratti di una congestione della prostata da eccessi alimentari, la prostata, come l'intestino, risente molto di queste cose, ovviamente in soggetti un minimo predisposti. L'assenza di febbre tende a rendere meno probabile la causa infettiva. La vera prostatite acuta è quasi sempre accompagnata da febbre persistente anche molto elevata, non ci pare questo il suo caso. Dal nostro punto di vista, l'utilità di una terapia antibiotica è discutibile, mentre invece è opportuna la terapia anti-infiammatoria, ma soprattutto le attenzioni allo stile di vita, che deve essere indirizzato alla massima regolarità sotto tutti i punti di vista. A margine di questo, sconsiglieremmo il dosaggio del PSA in corrispondenza di una fase di disturbi uro-genitali, poiché è facile ottenere dei risultati falsamente alterati ed inutilmente preoccupanti. L'esame deve essere rinviato di almeno 2-3 mesi.

Paolo Piana
Medico Chirurgo - Specialista in Urologia
Trattamento integrato della Calcolosi Urinaria
www.paolopianaurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno Dr.Piana e grazie per il celere riscontro!
Ho iniziato una cura a base di brufen 600 2 volte al di prescritta dall'urologo ma non vedo nessun tipo di miglioramento.
Le vorrei porgere alcune domande
Questi processi richiedono periodi lunghi per ritrovare un po' di benessere?
E' normale che da seduto i miei disturbi aumentano molto?
Posso praticare rapporti sessuali in questo periodo o sono controproducenti?
crede che sia necessario effettuare altri esami diagnostici?

grazie e scusi tutte queste domande ma mi sembra di essere caduto in un buco nero di sofferenza dal quale non vedo uscita

Buona giornata
[#3]
Dr. Paolo Piana Urologo 36.8k 1.7k 16
Si tratta di disturbi indubitabilmente ostici da risolvere, anche se assolutamente benigni. ovviamente la posizione seduta prolungata può portare ad una accentuazione dei sintomi. Non si consiglia l'astinenza, ma un certo senso di misura è indispensabile, nell'ordine di non più di 2-3 eiaculazioni la settimana. L'opportunità di ulteriori accertamenti deve essere giudicata dal Collega che si occupa direttamente del caso.

Paolo Piana
Medico Chirurgo - Specialista in Urologia
Trattamento integrato della Calcolosi Urinaria
www.paolopianaurologo.it

La prostatite è un'infiammazione della prostata molto diffusa. Si manifesta con bruciore alla minzione, può essere acuta o cronica: tipologie, cause e cura.

Leggi tutto