Utente 230XXX
Buongiorno,
Ho 41 anni e da qualche mese riferisco problemi di questo tipo.
Io sono un soggetto che ha sempre urinato abbastanza spesso però nell'ultimo periodo, in modo non continuativo ma abbastanza ricorrente, ho constatato in alcuni giorni la presenza più frequente dello stimolo ad urinare quindi anche per quantità di urina più modeste. Sempre in maniera ricorrente, mi capita a volte di sentire un leggero dolore (interno) sull apunta del pene, a volte si manifesta senza cause specifiche altre dopo avere urinato o durante l'eiaculazione (più difficile).In maniera più ricorrente questi sintomi si sono manifestati da dicembre in poi, ma già in passato in maniera del tutto occasionale e breve mi è capitato di avvertirli senza dare importanza.
Da tanto tempo, qualche volta ma non spesso avverto un fastidio al testicolo destro con dolore/fastidio che si irradia all parte bassa dell'addome destro (la ricorrenza di questo fastidio si è intensificata nel mese di ottobre/ novembre). Premetto che io soffro di colon irritabile da sempre quindi non so se ciò può essere in qualche modo attinente con i sintomi descritti, perchè spesso avverto anche dolore all'addome basso soprattutto nella parte sinistra.
Questi sono gli esami che ho fatto:
LUGLIO: ECOGRAFIA ADDOMINALE: Tutto regolare tranne una leggera litiasi (microcalcoli) nel rene SX.
NOVEMBRE: ECOGRAFIA SCROTALE : tutto regolare
GENNAIO: ESAME CULTURALE URINE: tutto regolare
GENNAIO: ESAME CULTURALE SPERMA: presenza di entrococchi (credi di ricordare così) e staphilococchi, ma la carica batterica era 1000 per cui, mi è stato detto dal medico, non significativa.
GENNAIO: ESAMI COMPLETI DEL SANGUE E P.S.A. : Esami regolari tranne Trigliceridi a 230.
P.S.A. (Totale) 2,47 . Non ho fatto quello FREE. (Nella mia famigli non vi sono casi di tumori/ l'easame è stato effettutato dopo 6 giorni dall'ultimo rapporto sessuale)
VISITA DIGITO RETTALE ALLA PROSTATA: nella norma.

La cosa che però mi preoccupa è questo valore del PSA che, mi è stato detto, vista l'età è proprio al limite. Visto che mi pare non vi siano segni di prostatite cosa può avere causato tale valore? Quali altri fattori possono influenzarlo? Sarebbe il caso di rifarlo? Sarebbe il caso di fare ulteriori accertamenti strumentali?

Siccome ho conosciuto persone (certamente più anziane) che con il P.S.A. appena sopra il limite sono state tranquillizzate per quasi un anno per poi scoprire alla fine una neoplasia, la cosa mi lascia una certa preoccupazione.

Grazie anticipatamente per la Vs. comprensione.

Luca

[#1]  
Dr. Giuseppe Quarto

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
CASSINO (FR)
SAN GIUSEPPE VESUVIANO (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
CATANZARO (CZ)
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente il psa può essere influenzato da numerosi fattori, sicuramente come prima cosa va ripetuto e poi se confertmato indagare meglio da un punto di vista urologico
Dott. Giuseppe Quarto. Urologo andrologo
rep urologia Ist. tumori Napoli fond Pascale
www.andrologo-urologo.com