Utente 990XXX
Buongiorno,
ho 62 anni con un'ipertrofia prostatica e una prostatita che sta risolvendosi. Vorrei sapere se utilizzando il Viagra si puo' ottenere un peggioramento dell'Ipertrofia prostatica. Poi ho una curiosità: eiaculando 1 volta al giorno per mesi, ne potrebbe risentire in senso negativo l'Ipertrofia prostatica?
Grazie per chiarire i mei dubbi.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

nessuna correlazione negativa tra Sildenafil (Viagra) e la sua prostata mentre sull'attività sessuale le dico che, se questa fosse più regolare e continua (almeno una volta alla settimana), sarebbe meglio anche per la sua prostata.

Cordiali saluti.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 990XXX

Grazie per la gradita risposta ma non capisco una cosa riguardo l'attività sessuale. La troppa attività sessuale, cioè una volta al giorno, sarebbe troppo e non regolare? In poche parole un'attività elevata disturba la prostata? La ringrazio di nuovo.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

mi scuso, non avevo capito ben quello che lei affermava.

Io avevo inteso una volta al mese invece che una volta al giorno per mesi....

La seconda situazione non crea alcun problema alla sua prostata.

Ancora un cordiali saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
in merito all'interazione tra Viagra e ipertrofia prostatica, i farmaci della famiglia del Viagra non solo non fanno male per l'ipertrofia prostatica, ma alcuni studi suggeriscono che facciano anzi bene, alleviando la sintomatologia urinaria.
Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006

Ad ulteriore conferma dell'informazione datale dal collega Pescatori le allego questo link:

https://www.medicitalia.it/giovanniberetta/news/1510/Il-Tadalafil-Cialis-fa-bene-all-amore-ma-non-solo

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 990XXX

Mi sorge spontanea una domanda riguardo all'intensità dell'attività sessuale: il dr. Beretta mi ha gentilmente risposto che avere l'eiaculazione 1 volta al giorno non dovrebbe far male alla prostata con ipertrofia prostatica.... anzi. Ma allora perchè si parla di ipertrofia cardiaca quando si fa molto sport? Un organo quando è troppo sollecitato mi sembra di capire che si ammali. Non crede che avere una eiaculazione al giorno sia uno sport troppo intenso per la prostata già ipertofica? Forse ho detto una fesseria?
Grazie per chiarirmi.

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

non confonda territori anatomici completamente diversi, anche nelle loro particolari funzioni.

Per esasperare un pò la mia posizione le ricordo che un recente studio, pubblicato da un gruppo di ricercatori statunitensi, coordinati dal National Cancer Institute che ha valutato l'eventuale rapporto tra frequenza di eiaculazioni e rischio di tumore alla prostata (per eiaculazione si intendeva sia quella ottenuta attraverso rapporti sessuali, emissioni notturne e masturbazione).

In questo studio sono stati analizzati i dati dell’Health Professionals Follow-up Study, negli anni tra il 1992 e il 2000, che riguardavano 29.342 uomini è stata messa in evidenza come una più alta frequenza di eiaculazioni era associata ad un più basso rischio di tumore alla prostata.

Sono dati che devono essere confermati ma comunque danno un'indicazione di come una "buona" attività sessuale sia positiva anche per altri aspetti importanti della nostra salute che non sempre vengono facilmente presi in considerazione.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com