Utente 267XXX
buongiorno Dottore volevo esporle il mio problema ,15 giorni fa ho avuto una colica renale eliminando renella e qualche piccolo calcolo di circa mm2-3.
fatta ecografia e visita urologica mi e' stato riscontratto un calcolo nel rene dx di circa mm7-8 risultando il rene di poco dilatato . Aspetto ora gli esiti esami urine e del sangue x poi fare l'esame urografico rx .
Mi e' stata data una cura con antibiotico CHIMONO + OMNIC + DEFLAN per poter espellere ulteriori calcoli dall'uretere .
Ad oggi ho dei fastidi nel lato dx dell'addome e soprattutto al fondo schiena e anche dolori muscolari alle gambe ,sembra di aver sollevato tanti pesi.
Faccio presente che l'OMNIC lo prendo di notte per cui urino circa 5 volte .
Volevo sapere se questo dolore o fastidio puo' essere causato anche dalle medicine
o ci sta un calcolo nell'uretere o e' il calcolo che sta nel rene.
la ringrazio.

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
difficile stabilire la causa precisa dei suoi fastidi che probabilmente dipendono da eventuali piccoli calcoli uretereali residui o da un risentimento reno-ureterale. Difficile che possa essere causato dai farmaci tranne i non frequenti casi di intolleranza. Certo la Rx urografia chiarirà più dettagliatamente il quadro clinico.
Se le interessa può leggere il seguente articolo:
https://www.medicitalia.it/ginoalessandroscalese/news/1468/Come-gestire-i-piccoli-calcoli-renali
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#2] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
i disturbi che ci riferisce possono essere certamente legati al "passaggio" di calcoli o renella in corso, meno spiegabili i dolori muscolari alle gambe. L'antibiotico chinolonico (Chimono) può causare dei dolori ai tendini, in particolare il tendide d'Achille della caviglia, ma abitualmente solo dopo terapie prolungate. D'ogni modo, eventualmente ne parli con chi le ha prescritto questa terapia. L'ecografia è in grado di rilevare la presenza di calcoli nel rene, ma non nell'uretere, tranne il suo tratto iniziale sotto il rene e quello finale prima della vescica. Pertanto, in caso di disturbi protratti o situazioni non chiare è indispensabile eseguire ulteriori accertamenti come un tempo l'urografia, ma oggi più volentieri la TAC senza mezzo di contrasto. Nel frattempo, è corretto associare una terapia che "aiuti" l'eventuale progressione di calcoli o renella "presumibilmente" presenti nell'uretere (es. alfa litico - OMNIC e cortisone). Ovviamente, questa terapia nulla può fare sul calcolo presente all'interno del rene. In questa fase, pertanto, non credo vi sia nulla in più da consigliare, nella speranza che l'ulteriore esame radiologico venga eseguito al più presto possibile. Le consiglierei infine la lettura di questo articolo, dove si tratta in modo più approfondito, ma sempre in termini semplici, di situazione come la sua.

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1194-coliche-renali-trattare-sintomi-risolvere-problema.html

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
i disturbi che ci riferisce possono essere certamente legati al "passaggio" di calcoli o renella in corso, meno spiegabili i dolori muscolari alle gambe. L'antibiotico chinolonico (Chimono) può causare dei dolori ai tendini, in particolare il tendide d'Achille della caviglia, ma abitualmente solo dopo terapie prolungate. D'ogni modo, eventualmente ne parli con chi le ha prescritto questa terapia. L'ecografia è in grado di rilevare la presenza di calcoli nel rene, ma non nell'uretere, tranne il suo tratto iniziale sotto il rene e quello finale prima della vescica. Pertanto, in caso di disturbi protratti o situazioni non chiare è indispensabile eseguire ulteriori accertamenti come un tempo l'urografia, ma oggi più volentieri la TAC senza mezzo di contrasto. Nel frattempo, è corretto associare una terapia che "aiuti" l'eventuale progressione di calcoli o renella "presumibilmente" presenti nell'uretere (es. alfa litico - OMNIC e cortisone). Ovviamente, questa terapia nulla può fare sul calcolo presente all'interno del rene. In questa fase, pertanto, non credo vi sia nulla in più da consigliare, nella speranza che l'ulteriore esame radiologico venga eseguito al più presto possibile. Le consiglierei infine la lettura di questo articolo, dove si tratta in modo più approfondito, ma sempre in termini semplici, di situazione come la sua.

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1194-coliche-renali-trattare-sintomi-risolvere-problema.html

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 267XXX

vi ringrazio ,volevo informarvi che nelle urine ci trovo ogni tanto della renella ,i dolori potrebbero essere causati anche da questo? o e' x certo che sia un calcolo?

Volevo sapere a cosa serve il deflan x l'espulsione del calcolo .grazie

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
piccoli calcoli ed agglomerati di renella si comportano esattamente allo stesso modo nel causare ostacolo al deflusso dell'urina con relativi disturbi associati (coliche, dolore lombare, eccetera). Non vi è generalmente alcuna relazione tra volume del calcolo ed importanza dei dolori, anzi, è abbatanza comune che coliche violentissime siano causate da calcoli tanto minuscoli da essere individuati solo alla TAC. Ovviamente, la renella, per quanto fastidiosa ha la tendenza a essere "passata" più facilmente, specie con una terapia come quella che lei sta già seguendo.
Il deflazacort (Deflan) è un potente cortisonico che riduce la reazione infiammatoria di rigonfiamento (èdema) che si viene a trovare attorno al calcolo, in particolare al passaggio dei punti più ristretti dell'uretere, come lo sbocco in vescica.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 267XXX

la ringrazio ,posso dormire tranquillo ? al momento infatti il dolore un po' e' diminuito ,resto indolenzito leggermente , da ieri ho avvertito in alcuni momenti dolori nella minzione ,sembrava che l'urina brucciasse poi passa tutto , a volte restava indolenzito la punta del pene. cosa potrebbe essere?

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
i disturbi che ci riferisce ora sono molto tipici per l'impegno di "qualche cosa", renella o piccolo calcolo che sia, nell'ultimo tratto dell'uretere prima dello sbocco in vescica. Da noi specialisti definita "sintomatologia espulsiva" è proprio quella che si giova maggiormente dei farmaci che lei già sta assumendo.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 267XXX

la ringrazio

[#9] dopo  
Utente 267XXX

buongiorno oggi ho ritirato esami del sangue e urine ,questi sono i risultati.
GLICEMIA 98 mg/dl
AZOTEMIA 25 mg/dl
CREATININA 1.7 mg/dl
PROTEINE TOTALI 7.3 g/dl
ALP-FOSFATI ALCALINA 120 u/l

ELETTROFORESI DI SIEROPROTEINE
albumin 62.6% 4.6 g/dl
Alpha 1 2.8% 0.2 g/dl
Alpha 2 9.6% 0.7 g/dl
Beta 1 4.2% 0.3 g/dl
Beta 2 12.0% 0.9 g/dl
Gamma 8.8 % 0.6 g/dl

ESAMI URINE
Trovate emazie 5-10
peso specifico 1.025
ph 5
emazie 50 Ery/ul
proteine negativo
glucosio normale
corpi chetonici 15mg/dl
bilirubina negativo
urobilinogeno normale
acido ascorbico negativo
nitriti negativo
leucociti negativo
Questi esami sono stati fatti il 18/09/2012
Vorrei sapere se c'e' da preocuparmi dopo queste analisi ,posso stare tranquillo?
Al momento non ho dolori ,solo indolenzito ,sto bevendo circa 2 litri acqua al giorno ma di calcoli niente , ieri una volta mentre urinavo ,l'urina brucciava.
Ci vuole tanto tempo x espellere un calcolo
Faccio presente che tanti anni fa ne ho espulso uno di circa mm7 dopo circa 4 giorni
La ringrazio tanto per la risposta

[#10] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
l'unico dato significativamente alterato nei suoi esami è la creatinina (1,7) che denota una lieve (ho detto L I E V E) sofferenza renale, certamente dovuta a ciò che le è recentemente successo. Se i disturbi sono diminuiti o quasi scomparsi, si può presumere che le cose non staiano andando così male, d'ogni modo sarà assolutamente necessario ripetere quantomeno una ecografia entro 10-15 giorni.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente 267XXX

E' indispensabile fare una urografia ? e' possibile che ci sia ancora qualche calcolo nell'uretere? e' possibile che la cura con il OMNIC e deflan mi facciano sparire il dolore? cura che devo finire martedi prossimo .
Domenica finisco con l'antibiotico ,faccio 10 giorni con CHIMONO , posso stare tranquillo per quanto riguarda infezioni urinarie?
Ultimamente la notte vado a urinare circa 2 volte e' positivo?
Faccio presente , se vado con le dita a premere nell'addome alto dx e' indolenzito e' normale.?
E' stato abbastanza paziente e disponibile la Ringrazio tanto.

[#12] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
1)L'esame urografico è indispensabile per verificare la esatta posizione del presupposto calcolo-i per poi stabilire il più corretto trattamento.
2)Il dolore scompare se il flusso urinario riprende normalmente e si riduce la dilatazione renale.
3)L'antibiotico dovrebbe scongiurare una possibile infezione.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#13] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
l'urografia è uno degli accertamenti che può chiarire la presenza e la posizione dei calcoli. Oggigiorno si esegue solo in casi in cui altri esami non siano stati sufficienti a chiarire la situazione. In alcuni centri, si prefereisce eseguire una TAC che, a fronte di un carico di radiazioni sensibilmente maggiore, per lo studio dei calcoli perlopiù non necessita dell'infusione endovenosa del mezzo di contrasto. La terapia che sta seguendo può agire sul dolore nella misura in cui riesce a fare espellere i calcoli o la renella. Di per sè non ha un effetto antidolorifico diretto, che se necessario deve essere ottenuto associando farmaci antidolorifici specfici. Dieci giorni di terapia antibiotica bastano ed avanzano in un caso in cui non si sia mai manifestata febbre. La frequenza notturna ad urinare può essere semplicemente dovuta al fatto che sta introducendo una maggiore quantità di liquidi, ma anche ai motivi di cui le ho già detto in precedenza alla replic #7. L'indolenzimento a livello lombare può proseguire ancora per qualche tempo, anche quando i calcoli sono stati espulsi.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#14] dopo  
Utente 267XXX

Premetto che il colore delle urine e' un giallo forte ( dipende anche da antibiottico ? )
Quando tardo a urinare trattenendo le urine questo indolenzimento aumenta, e' normale?
L'esame rx urografico e' invadente? so che ci sta una preparazione 2 giorni prima e' vero?
Finita la terapia con questi medicinali e' possibile che i dolori lato dx ritornino?

grazie x le risposte

[#15] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
il colore intenso delle urine, se lei come immagino sta bevendo una buona quanttità d'acqua, potrebbe essere legata alla presenza di lievi tracce di sangue, ampiamente compatibili con la sua attuale condizione. Trattenere lo stimolo ad urinare è una cosa da evitare anche in condizioni normali, tantopiù quando vi sono in corso qualsiasi problema alle vie urinarie. L'urografia non è un esame invasivo, consiste in uno studio radiologico effettuato dopo aver iniettato endovena una sostanza detta "mezzo di contrasto" che filtrata dai reni rende l'urina opaca ai raggi, permettendo così di vedere molto bene i reni e tutta la via urinaria. E' probabile che venga richiesta una preparazione simile a tutti gli accertamenti radiologici e qualche precauzione in più nei soggetti che riferiscono gravi allergie. Come già le abbiamo detto, è un'indagine praticata oggi molto meno frequentemente che in passato, poichè gradualmente sostituita dalla TAC senza mezzo di contrasto. Ovviamente però la decisione sta al Collega che la prescrive, in base alle sue abitudini e preferenze. Se lei avesse letto attentamente la nostra replica precedente, ora già saprebbe che ...
<<<La terapia che sta seguendo può agire sul dolore nella misura in cui riesce a fare espellere i calcoli o la renella. Di per sè non ha un effetto antidolorifico diretto, che se necessario deve essere ottenuto associando farmaci antidolorifici specifici.>>>
... pertanto se i calcoli non vengono espulsi è molto probabile che anche il dolore continui a disturbarla.
Infine, se avesse seguito il nostro consiglio di leggere questo articolo

https://www.medicitalia.it/minforma/Urologia/1194/Coliche-renali-Trattar

lì avrebbe trovato molte risposte alle numerose domande che ci ha posto in seguito.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#16] dopo  
Utente 267XXX

buonasera volevo informarla che questa sera sono andato per prenotarmi l'urografia ,purtroppo con gli esami sballati sulla creatinina che sta 1.7 e non a 1.4 e l'elettroforesi di sieroproteine su BETA 1 A 4.2% E 0.3 G/DL -----BETA 2 12.0% E 0.9 G/DL
GAMMA 8.8% E 0.6G/DL deve decidere il radiologo se si puo' fare .

VALORI VALIDI
BETA1- 7-14% 0.4-1.1 G/DL
BETA2- 2.2-6.2% 0.1-0.5 G/DL
GAMMA 11.0-21.0% 07-1.7 G/DL

Ci sono dei valori da preocuparsi ?
Avviso che nel periodo degli esami prendevo l'antibiotico e la notte prima ho preso la compressa di OMNIC , tenendo conto che bevevo pochissima acqua .
So che la creatinina alta e' sintomo della sofferenza del rene , e cosi problematica?
Oggi ho bevuto piu' del solito e ho passato tante ore in auto , il dolore si e' accentuato e' normale ?
scusi per la mia preocupazione ,sono molto ansioso ,la ringrazio tantissimo.

[#17] dopo  
Utente 267XXX

buonasera volevo informarla che questa sera sono andato per prenotarmi l'urografia ,purtroppo con gli esami sballati sulla creatinina che sta 1.7 e non a 1.4 e l'elettroforesi di sieroproteine su BETA 1 A 4.2% E 0.3 G/DL -----BETA 2 12.0% E 0.9 G/DL
GAMMA 8.8% E 0.6G/DL deve decidere il radiologo se si puo' fare .

VALORI VALIDI
BETA1- 7-14% 0.4-1.1 G/DL
BETA2- 2.2-6.2% 0.1-0.5 G/DL
GAMMA 11.0-21.0% 07-1.7 G/DL

Ci sono dei valori da preocuparsi ?
Avviso che nel periodo degli esami prendevo l'antibiotico e la notte prima ho preso la compressa di OMNIC , tenendo conto che bevevo pochissima acqua .
So che la creatinina alta e' sintomo della sofferenza del rene , e cosi problematica?
Oggi ho bevuto piu' del solito e ho passato tante ore in auto , il dolore si e' accentuato e' normale ?
scusi per la mia preocupazione ,sono molto ansioso ,la ringrazio tantissimo.

[#18] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
le consiglieremmo di tenere ansia e timori in serbo per altre situazioni ...
Ovviamente un'attività fisica intensa - e per le vie urinarie lo è anche star seduti a lungo in automobile - può accentuare qualsiasi tipo di disturbo.
In genere l'urografia non viene effettuata con valori di creatinina superiori a 2 mg %, ma ovviamente questo dipende dal radiologo. La TAC senza mezzo di contrasto può invece essere eseguita in ogni caso, questo è uno dei motivi per cui oggi viene perlopiù preferita. Come già le abbiamo detto, un valore di 1,7 denota una lieve sofferenza renale transitoria, destinata senz'altro a rientrare con la soluzione del suo problema. Per quanto riguarda l'elettroforesi delle proteine, l'importante non sono i dosaggi delle singole frazioni, ma piuttosto la presenza di "picchi monoclonali" che nel suo caso non mi paiono segnalati.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#19] dopo  
Utente 267XXX

buongiorno volevo informarla che questa mattina mi son svegliato con dolori lievi all'inguine ,come cammino si percepisce e' probabile che il calcolo sia in quella posizione? potrebbe essere vicino alla vescica ? grazie per la risposta

[#20] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
senz'altro questi sintomi sono abbastanza tipici per la presenza di un calcolo prossimo allo sbocco in vescica. Dunque ... auguri!

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#21] dopo  
Utente 267XXX

Buongiorno purtroppo calcoli ancora niente ,urine chiare ,ogni tanto vedo un po' di sabbiolina . fastidio sempre lato dx altezza ombelico ,dolore a urinare niente .
Dormo tranquillo senza dolori , pero' a giorni mi viene diarrea ,potrebbero essere i medicinali? oggi finisco l'antibiotico , ora prendo solamente : al mattino dopo colazione una cp di deflan da 6mg poi dopo cena una cp di deflan + i cp di omnic , e 2-2.5 litri di acqua al giorno, va bene come le prendo?La ringrazio

[#22] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
la diarrea può essere dovuta ai medicinali che sta prendendo, in particolare l'antibiotico. La terapia è corretta, direi che a questo punto solo l'urografia o la TAC potranno chiarire la presenza, le dimensioni e la posizione dei suoi calcoli.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#23] dopo  
Utente 267XXX

ci sono problemi se le urine quando le faccio fanno la schiuma tipo birra ?

[#24] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
le urine schiumose sono dovute alla presenza in soluzione di una quantità di proteine superiore alla norma. Questo è compatibile con la sua situazione di modesta sofferenza renale.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#25] dopo  
Utente 267XXX

mi scusi degli amici mi hanno parlato degli infusi della piantina cosi' chiamata ( spaccapietre ) che viene assunta x 3 volte al giorno ,essendo una medicina omeopatica e' possibile che funzioni ? La ringrazio per l'informazione .Vorrei tanto che il calcolo venisse espulso , che probabilita' ho ?

[#26] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
tutti i rimedi cosiddetti "naturali" non hanno alcuna controindicazione, ma la loro efficacia è assolutamente imprevedibile. Se l'erba "spaccapietre" funzionasse davvero, crede che io avrei passato gli ultimi 25 anni ad occuparmi di questo problema? Comunque, se desidera provare (e dare commercio all'erborista) lo faccia pure a cuor sereno. Le possibilità di espellere un calcolo dipendono principalmente dalle dimensioni e dalla conformazione del calcolo (più o meno scabra), inoltre dalla compiacenza dell'uretere e dal suo eventuale stato di infiammazione (èdema). Calcoli al di sotto dei 4 millimetri hanno delle ottime probabilità, al di sopra dei 7 millimetri è veramente molto difficile che possano passare.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#27] dopo  
Utente 267XXX

E'possibile che facendo del movimento tipo corsa ,in bici , o addirittura saltare aumenti le probabilita' di espulsione? grazie tante per le risposte.

[#28] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
se da una parte il movimento attivo può aiutare la progressione del calcolo, dall'altra può esacerbare il dolore e facilitare l'insorgenza di coliche. Pertanto una certa cautela è sempre da consigliarsi.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#29] dopo  
Utente 267XXX

buongiorno l'avviso che oggi sentivo dei dolori al basso ventre e al pene ,al momento di urinare mi e' venuto un dolore alla vescica e sono riuscito a fare un piccolo calcoletto ,non so' in mm. quanto era grande ,so' solo che ho cercato di prenderlo con le dita e si e' sgretolato ,sembrava squagliato .Faccio presente che ieri avevo ancora dei dolori alla schiena e oggi ero tranquillo senza sintomi particolari ,e' possibile che ci sia ancora renella ? Mi consiglia ancora di fare l'urografia? .Avviso che sono ancora indolenzito al pene .Il mio dubbio e che da quando ho avuto le coliche ho fatto solo framenti ,indicati come piccoli calcoli e che questo era a forma di L faceva parte di loro.
La ringrazio per la sua pazienza e i suoi consigli.

[#30] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
ci auguriamo che lo sgradito ospite abbia davvero tolto il disturbo, l'aspetto che ci riferisce sarebbe abbastanza tipico. A questo punto, con un minimo di ottimismo, potremmo pensare che i disturbi vadano a scomparire del tutto entro alcuni giorni. Se questo avviene, ovviamente non è il caso di eseguire l'urografia, ma magari solo un'ecografia tra alcune setimane. Se invece persistono fastidi, anche lievi, l'urografia sarebbe comunque il caso di eseguirla. In ogni caso, si confronti con il Collega che l'ha seguita fin ora.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#31] dopo  
Utente 267XXX

Buongiorno ad oggi per il momento i dolori al rene e lombari mi sono spariti , noto pero' che insieme alle urine ci trovo sabbiolina fine e' normale? poi ho notato che e' diminuita la schiuma nelle urine , al momento ogni tanto percepisco quando cammino un fastidio vicino la vescica lato dx quasi sotto ombelico ,puo' essere una mia sensazione? grazie per le risposte.

[#32] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Potrebbe essere una sintomatologia residua successiva alla espulsione. Comunque è sempre bene verificare che non ci sia qualche altro calcoletto in espulsione.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#33] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
come già le dicevamo, se comunque vi è la persistenza di qualche disturbo, per scrupolo è opportuno che l'urografia venga comunque eseguita.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#34] dopo  
Utente 267XXX

Buongiorno l'avviso come va' il mio problema : ad oggi son finiti i dolori forti alla schiena e al fianco solo palpandomi forte in profondita' e' ancora indolenzito ,come premo forte nell'addome si ripercuote lievemente anche in basso a dx vicino alla vescica , sto bevendo circa 2 litri di acqua al giorno , le urine non sono tanto abbondanti e sono gialle ,pero' senza schiuma . la notte urino circa 2-3 volte circa ogni 3-4 ore la vescica resta indolenzita. Il mio medico mi ha consigliato di rifare esami del sangue e urine per vedere se i valori sono normali ,cosi potro' fare l'urografia . Ho smesso la terapia di 10 giorni con omnic e deflan proprio ieri , questo per poter effettuare gli esami senza interferenze dei medicinali. E' giusto smettere la terapia dopo 10 giorni? E' normale che sia ancora indolenzito e sopratutto solo toccandomi ? grazie

[#35] dopo  
Utente 267XXX

Mi scusi vorrei chiedergli ,come mai appena mangio il fastidio si accentua ?

Faccio presente che in tutto questo periodo sto facendo una dieta alimentare , questo anche perche' mi hanno trovato il fegato ingrossato e ricoperto di grasso ,l'abile con sabbiolina ma niente di preoccupante , per cui mi hanno messo a dieta ferrea .Il tutto puo' aver causato la colica renale? Se faccio delle respirazioni profonde non percepisco nessun fastidio , prima delle coliche soffrivo di mal digestione con tante eruttazioni ,ora e' passato tutto . E' possibile che il fastidio sia causato anche dalla pressione del fegato con gli altri organi ? la dimensione mi ha detto il radiologo dovrebbe essere di circa cm 10-11 il mio e' di cm17, appena mangio mi sento un po' gonfio ,faccio presente che in alcuni giorni ho della diarrea con feci chiare ,proprio questa notte ho avuto dei dolori forti al basso ventre sotto ombelico con la pancia molto rumorosa ,avviso che io soffro anche di colon irritabile ,pero' aria in pancia ne ho poca . grazie per le risposte

[#36] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
perdere molti chili (una ventina) le farà senz'altro bene anche dal punto di vista dei calcoli, poiché il sovrappeso è senza dubbio uno dei maggiori fattori di rischio. Inoltre, la dieta pare che già inizialmente le abbia migliorato la digestione. La funzione dell'intestino non è da giudicare in questo periodo, perché la recente terapia antibiotica può aver causato uno squilibrio nella flora batterica. Forse sarebbe una buona idea prendere dei fermenti lattici o probiotici (tipo Zirfos e simili) ed assumere dello yoghurt, se le piace. Se agli accertamenti la creatinina fosse ancora tale per cui il radiologo non vuole eseguire l'urografia, credo che sia comunque opportuno eseguire una TAC senza mezzo di contrasto. Questo perché, nonostante tutto, a distanza di qualche tempo i disturbi si sono attenuati, ma non sono completamente scomparsi.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#37] dopo  
Utente 267XXX

c'e' la possibilita' che ci siano ancora dei calcoli nell'uretere?
Io 7 anni fa sono stato operato con le sonde perche' un calcolo mi aveva ostruito l'uretere creandomi un'infezione al rene ,ricordo che avevo dolori atroci ,urinavo sempre sangue . confrontando i dolori di oggi con quelli di allora posso desumere che se c'e' un calcolo, non ostruisca tutto il passaggio ,visto che anche urinando non ho dolore ,e' possibile che bevendo circa 2 litri di acqua al giorno urino circa 6 volte in piccole quantita' ,faccio presente che non ho grandi stimoli.grazie tante per le risposte

[#38] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
tutte le ipotesi sono verosimili, per questo motivo, se i disturbi non scompaiono in modo stabile e completo é indispensabile eseguire ulteriori accertamenti.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#39] dopo  
Utente 267XXX

Come sospettavo ,il fatto che ho interrotto di prendere omnic + deflan ,si sono ridotte le minzioni e anche la quantita' ,i dolori anche se lievi son tornati all'altezza rene , domani devo fare nuovamente gli esami urine e sangue , dopo posso riprendere omnic+deflan fino a fare l'urografia? anche se questa terapia e' stata fatta gia' per 10 giorni? .faccio presente che il colore delle urine sono di colore giallo forte senza schiuma. grazie per le risposte.

[#40] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
E' sempre bene consultare il medico prescrittore per le modifiche della terapia.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#41] dopo  
Utente 267XXX

Buongiorno oggi ho rifatto le analisi del sangue e urine ,a giorni avro' l'esito , oggi in mattinata mi son venuti dei dolori in vescica ,ancora adesso gli ho sono tutto indolenzito
addirittura il dolore si protrae dietro zona bassa della schiena .Cosa potrebbe essere? Faccio presente che ieri non ho avuto nessun sintomo stavo bene . grazie

[#42] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
La Rx Urografia prescritta chiarirà l'origine dei suoi disturbi.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#43] dopo  
Utente 267XXX

buongiorno volevo un consiglio : il mio urologo mi ha detto di continuare la cura con OMNIC e DEFLAN x 10 giorni ,se la urografia si protraeva su i 15 giorni di continuare questa cura . Ora i 10 giorni sono stati fatti giovedi 27/09/2012 e io ho smesso, l'urografia e' programmata per la prossima settimana verso 8-9 ottobre . Volevo sapere, e' necessario continuare la cura con omnic e deflan fino all'urografia ?
Faccio presente che forti dolori al momento non ne ho ,a volte ho indolenzito solo la parte bassa verso la vescica. La mia preoccupazione sta nel fatto che questi medicinali presi per lungo tempo fanno male? grazie

[#44] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
come lei certamente saprà, noi non possiamo consigliare o modificare alcun tipo di terapia specifica, pertanto un'indicazione corretta la potrà ottenere solo dai Colleghi che l'hanno in cura. D'ogni modo, al terapia cui si riferisce non ha un diretto significato antidolorifico, quindi forse in questa fase di attesa di ulteriori accertamenti, potrebbe avere delle alternative transitoriamente più efficaci sul dolore, se presente.

Saluti

Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#45] dopo  
Utente 267XXX

buongiorno avviso che i fastidi al momento sono spariti, ho ripreso a lavorare tranquillamente , ho fatto anche dello sport ed e' tutto ok .
Avviso che sto urinando tantissimo con urine chiare e senza schiuma .
Sto bevendo 2 litri di acqua al giorno, x camuffare gli bevo anche tramite delle tisane e sto mangiando molta verdura.Sforzando lo sforzo fisico ho notato un lieve indolenzimento vicino vescica ma proprio lieve .
Ricordo che un piccolo calcolo e' stato espulso una settimana fa'.
A fine settimana ritirero' gli esami del sangue e urine e le faro' sapere . grazie

[#46] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Prego! Ci tenga informati.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#47] dopo  
Utente 267XXX

buongiorno volevo una informazione da quando sono riuscito a fare un calcolo che si trovava nell'uretere circa 10 giorni fa ,palpandomi forte sul lato dx avverto un piccolo indolenzimento( possibile post colica? ) solamente quando premo forte con la mano. Da quando ho smesso con i medicinali (una settimana circa) ho problemi all'intestino presentandosi con degli spasmi e dolori al basso ventre ,sopratutto lato dx altezza ombelico, dopo i pasti si protrae anche sul lato sx e spesso ho diarrea .Vorrei sapere se tutto questo potrebbe essere causato dai calcoli renali o almeno se per caso ci sta ancora residui nell'uretere puo' causare questi sintomi ,premetto che sono a dieta ferrea per problemi di fegato ingrossato e grasso. grazie per le risposte

[#48] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
le abbiamo ormai molte volte ripetuto che non è escluso che i sintomi lamentati possano essere dovuti a calcoli residui impegnati nelle vie urinarie. Solo la TAC o l'urografia (che lei dovrebbe eseguire prossimamente) potranno confermare od escludere questa condizione.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#49] dopo  
Utente 267XXX

buongiorno Dottore ho ritirato le nuove analisi del sangue e urine e i dati sono questi:
GLICEMIA 99 OK
AZOTEMIA 13 OK
CREATININA 1.2 OK
PROTEINE TOTALI 6.8 OK
ALP-FOSFATASI ALCALINA 124 OK

ELETTROFORESI DI SIEROPROTEINE
albumin 66.7% g/dl 4.5 ok
alpha1 1.3% g/dl 0.1 ?
alpha2 5.8% g/dl 0.4 ok
beta 16.3% g/dl 1.1 ?
gamma 9.9% g/dl 0.7 ?
RAPP.A/G 2.00
PROT.TOTALI g/dl 6.8 ok

ESAMI URINE

TUTTO OK
solamente un po' di emazie 5-10 50ery/ul

Vorrei sapere se la mia situazione e' migliorata o ci sono ancora dei problemi seri.

grazie delle risposte

[#50] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
la normalizzazione della creatinina permette ora l'esecuzione dell'urografia, che è da farsi poichè, a quanto ci riferisce, i disturbi non sono ancora scomparsi del tutto.

saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#51] dopo  
Utente 267XXX

la ringrazio per la sua pazienza nei miei confronti , son contento di aver trovato una persona professionale nel suo campo . Per quanto riguarda le emazie nelle urine 5-10 e 50ery/ul sono preoccupanti ? La Saluto e ancora GRAZIE

[#52] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
No, qualche globulo rosso nelle urine é il minimo che si possa trovare quando ci sono calcoli in giro.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#53] dopo  
Utente 267XXX

buongiorno Dottore purtroppo l'urografia ad oggi non mi e' stata possibile farla per dei problemi al colon e intestino ,perche' con la cura dell'antibiottico il mio intestino si e' irritato causando forti dolori sotto l'ombelico e al colon visto che per la preparazione dovevo prendere la purga mi e' stato rimandato.Mi hanno messo a dieta rigida.Ora i miei sintomi addominali sono un po' migliorati.
Avviso che tutto sommato stavo gia' meglio ,pero' lunedi scorso mi son tornati dei fastidi
all'altezza dell'ombelico lato dx e sotto zona vescica .
Palpandomi lato dx dello stomaco fino a scendere sotto l'ombelico sento dolore .
Il mio medico mi ha detto che sicuramente ho ancora il colon infiammato .
Ricordo che un mese fa con ecografia e' risultato la cistifele con della sabbia , infatti durante il giorno ho delle eruttazioni e problemi di digestione.
Quello che mi preoccupa e che ieri per tutto il giorno ho urinato delle urine scure e dense ,senza avere dolori , oggi e' tornato tutto normale ,i fastidi pero' persistono ,ora ho deciso di rifare gli esami urine e del sangue sia per i reni e quelli per il fegato .
che dice e' possibile che tutta questa situazione sia causata ancora dalla calcolosi renale o ureterale?
grazie per le risposte

[#54] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
il fatto che si siano manifestate ancora urine "scure" fa senz'altro pensare che vi sia qualcosa di tuttora "non risolto" a livello delle vie urinarie. Chiarire una buona volta questa situazione continua a rimanere importante, ci spiace che l'urografia sia stata nuovamente rimandata. A questo riguardo, considerata la sua situazione di intestino irritato, credo che in ogni caso non si potrà pretendere di ottenere delle immagini radiologiche perfette e questa vana esigenza non potrà far rimandare più di tanto l'esecuzione dell'esame. Anche per ovviare a queste situazioni, noi da tempo eseguiamo la TAC senza mezzo di contrasto in alternativa all'urografia, in quanto la qualità questa indagine risente meno delle condizioni dell'intestino.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#55] dopo  
Utente 267XXX

Buongiorno Dottore questa mattina dopo forti dolori al lato inferiore dx e ai testicoli son riuscito ad espellere un calcolo urinario di 6 mm.Potrebbe essere quello che avevo nel rene trovato con l'ecografia di circa 7.7 mm.? ora giustamente sono ancora tutto indolenzito . Speriamo che sia l'ultimo , a giorni lo portero' ad analizzare .
La ringrazio tanto per la sua disponibilità.

[#56] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
considerata la complessità ed il perdurare della sua storia, se i disturbi non scompaiono completamente nel giro di una settimana è comunque opportuno eseguire l'ulteriore accertamento previsto.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#57] dopo  
Utente 267XXX

buongiorno Dottore come le avevo accennato prima ,ho espulso un calcolo di circa 5.5mm ,avvertendo forti dolori alla pancia e ai testicoli , questo ieri mattina ,oggi in mattinata mi e' venuto un dolore al rene dx e all' addome e poi zona vescica ,le urine sono normali e non puzzano ,è possibile che il calcolo abbia creato dei danni nel suo cammino e creato un' infezione al rene?
Il mio medico mi ha prescrito 5 giorni di antibiotico chimono e una capsula di antidolorifico DIOCLERIUM 150 ml. Secondo lei e' possibile questa infezione o ci sta residuo di calcoli?

[#58] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Gentile utente,
senza ulteriori indagini come già precisato dal collega non è possibile capire com'è la siutazione attuale.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#59] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
il passaggio e l'espulsione di calcoli è spesso accompagnato da cospicui fastidi e dolori, come lei ban sa, ma le complicanze infettive sono piuttosto rare e comunque perlopiù accompagnate da febbre. In asenza di questa, l'assunzione di antibiotici riconosce un motivo unicamente prudenziale, poichè non vi è vera ragione di sospettare un'infezione in atto. Per il resto, sul da farsi già le abbiamo ripetutamente detto.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#60] dopo  
Utente 267XXX

Buongiorno Dottore in attesa della litotrissia per un calcolo nel rene dx ,da 2 giorni ho forti coliche con sangue nelle urine , i dolori si estendono nella parte anteriore dx zona ombelico . Questa notte ho dovuto far ricorso all'antidolorifico perche' i dolori sono aumentati anteriormente zona basso ventre e al testicolo dx e ancora persiste specialmente quando sto seduto . La zona lombare dx e' sempre indolenzita e fastidiosa ho rifatto le analisi delle urine riscontrando : emazie per 5-10 e poi sali amorfi urati,
tutto questo e' preoccupante? Faccio presente che le urine sono sempre scure e in alcuni momenti vedo tipo grumetti di sangue ,e' qualcosa di grave?
Ora come devo comportarmi? devo bere tanta acqua o devo far finire la colica ?
Il fatto che i dolori persistono zona rene e anteriormente con urine scure e' preoccupante ?
Faccio notare che ho fatto anche una urinocoltura , risultata negativa .
grazie per le risposte e Distinti Saluti

[#61] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
da quanto ci riferisce, possiamo dedurre he gli accertamenti eseguiti (urografia?) abbiano finalmente portato all'individuazione di un ulteriore calcolo renale, verosimilmente causa dei disturbi perduranti anche dopo l'espulsione del calcolo precedente. I disturbi che lei sta avvertendo sono assolutamente tipici della presenza di un calcolo nelle alte vie urinarie, anche la presenza di sangue nelle urine. Il fatto che le urine siano scure comprova che il sangue proviene dal rene o comunque dalle alte ve urinarie. Come probabilmente già le abbiamo detto, non è proprio questo il momento di bere molto, soprattutto in corso di colica. Le auguriamo che la prevista litotrissia possa essere eseguita in tempi accetabili e che possa avere un buon effetto. Le ricordiamo che in questo articolo

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1194-coliche-renali-trattare-sintomi-risolvere-problema.html

potrà trovare ulteriori notizie ed indicazioni sulla sua condizione attuale.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#62] dopo  
Utente 267XXX

la ringrazio per la risposta , e' possibile che questo calcolo sia bloccato nel rene?
o sta gia' nell'uretere? visto che mi fa male il testicolo dx. Al momento cosa posso fare solo antidolorifici? per l'operazione devono chiamarmi loro dalla clinica , quanto posso restare cosi? grazie

[#63] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
quasi tutte le risposte a queste domande sono dettagliatamente riportate nell'articolo di cui le abbiamo ripetutamente consigliato la lettura. D'ogni modo ... Le coliche molto frequenti sono sovente segno di un impegno del calcolo nel passaggio tra rene ed uretere (definito "giunto") o nel tratto di uretere immediatamente sottostante. L'rradiazione del dolore renale al testicolo è indipendente dal livello in cui si trova il calcolo. Ovviamente non solo può, ma deve fare antidolorifici, soffrire non serve a nulla. Ovviamente il problema dovrebbe essere risolto al più presto possibile, ma ovviamente spesso si deve scendere a compromessi con le disponibilità di ricovero e la lista d'attesa, almeno nelle strutture pubbliche.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#64] dopo  
Utente 267XXX

Ancora grazie mettendomi sdraiato e palpandomi il lato dx, il punto piu' dolente e' 2 cm sotto a dx dell' ombelico,questo cosa significa? infatti ho tutta la zona bassa sotto ombelico dolorosa.Questa sera devo andare a farmi una ecografia devo avere anche la vescica piena ,posso bere tanta acqua? non e' che aumenti la sofferenza del rene?
grazie ancora per tutte le risposte.

[#65] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Per eseguire una ecografia renale e vescicale non è necessario assumere tanta acqua tutta insieme, ma è necessario assumere acqua con moderazione sino ad ottenere un valido riempimento vescicale.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#66] dopo  
Utente 267XXX

grazie ,poi vi faro' sapere .

[#67] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Prego!
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#68] dopo  
Utente 267XXX

Buongiorno , ieri ho fatto l'ecografia rilevando :

Reni in sede regolare per forma dimensioni e struttura parenchimale .
A carico del rene dx discreta dilatazione calico pielica 8 bacinetto mm.35, con presenza in sede caliceale inferiore di calcolo urinario del d. max di mm.6.7 ed di altra analoga formazione calcolitica in sede pielica del d. max di mm.6.0
Uretere forma regolare senza dilatazioni .
Il radiologo al momento mi ha sconsigliato di fare l'urografia perche' con la dilatazione del rene che e' in sofferenza non farebbe altro che peggiorare la situazione .
Consigliandomi di bere 2 litri di acqua al di' cercando di eliminare i calcoli naturalmente visto le dimensioni accettabili per l'espulsione naturale .
Rifare ecografia fra 20 giorni per tenere sotto controllo la dilatazione del rene.
La dilatazione del bacinetto è possibile che sia stata causata dall'espulsione di un calcolo espulso 10 giorni fa di circa mm.6.0.
I dolori che ho in questo momento possono essere causati da quei 2 calcoli che ho nel rene? Visto che questo organo cerca di espellerli con le sue contrazioni ?
Infatti resto sempre indolenzito e a volte ho delle piccole fitte al rene .
A volte le urine sono chiare e a volte scure .
GRAZIE DI TUTTO.

[#69] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
La dilatazione renale rientra dopo pochi giorni dalla eliminazione della causa ostruttiva. Se permane esiste altra causa da approfondire con Rx urografia.
Per quel che riguarda i calcoli presenti nella cavità renali sono in genere asintomatici, essi lo diventano nel momento in cui si inìmpegnano nel canale ureterale.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#70] dopo  
Utente 267XXX

questa dilatazione che sta nel rene da che cosa puo' essere dovuta visto che l'uretere non presenta anomalie ? il dolore al rene puo' presentare anche dolori lato dx dell'addome e al testicolo dx ? grazie.

[#71] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
E' necessario eseguire la Rx Urografia come consigliatole per dare una precisa risposta alle sue domande.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#72] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
come già consigliatole oltre un mese fa, e più volte ripetuto in seguito, se lei continua ad accusare disturbi significativi è assolutamente necessario eseguire degli accertamenti approfonditi per valutare la sua situazione, in funzione della scelta del trattamento più opportuno da proporre. Se l'urografia non viene eseguita volentieri nel dubbio di una lieve insufficienza renale, la TAC senza mezzo di contrasto è generalmente in grado di dare informazioni di pari valore. Sopportare coliche subentranti nella vana attesa dell'espusione di calcoli non piccolissimi mi pare un'indicazione da discutere.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#73] dopo  
Utente 267XXX

grazie per i consigli.

[#74] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Prego!
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#75] dopo  
Utente 267XXX

buongiorno ad oggi i dolori lombari sono spariti e anche quelli dell'addome , pero' il dolore persiste al basso ventre lato dx sotto ombelico e poi ho delle fitte alla punta del pene obbligandomi alla minzione .Avverto che sto bevendo circa 2 litri di acqua al giorno piu+ la soluzione schoum.Cosa potrebbe essere?
grazie

[#76] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
che i disturbi legati ai calcoli si modifichino nel tempo in base al possibile movimento dei medesimi è una cosa assolutamente normale. Il dolore potrebbe tornare come prima tra 7 minuti, oppure mai più, a noi non è dato di sapere. Ancora - e per l'ultima volta - le ripetiamo che solo un accertamento più approfondito può finalmente chiarire quale sia la sua reale situazione, per definire una buna volta cosa sia più saggio consigliarle.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing