Utente 381XXX
salve dottore, vi contatto a nome di mio padre che ha 85 anni e da anni i valori del psa sono sempre alti. ha gia subito 6 biopsie prostatiche con risultato sempre negativo. ultimamente ha anche avuto un ictus ischemico. in data odierna 10/02/2016 ha ritirato le analisi del psa:

antigene prostatico specifico: 21.77 psa libero 2.35 psa libero/psa totale 10.79.

dovrebbe fare un ulteriore biopsia o per l'età è meglio non rischiare? grazie

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

da come presenta la situazione clinica di suo padre, dopo sei biopsie prostatiche negative a 85 anni e con esiti di ictus ischemico, non continuerei a tormentarlo con altra valutazione diagnostica invasiva.

Detto questo poi bisogna comunque risentire in diretta il vostro urologo di riferimento e con lui condividere una eventuale e futura strategia diagnostica ragionevole.

Nel frattempo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli, pubblicati sempre sul nostro sito, visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1784-prostatiti-croniche-attuali-considerazioni-diagnostiche-e-terapeutiche.html

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-le-malattie-della-prostata-stili-di-vita-prevenzione-e-nuove-indagini-diagnostiche.html

https://www.medicitalia.it/salute/urologia/7-prostata.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 381XXX

Le chiedo nuovamente scusa per il disturbo,

da circa dieci anni assume avodart e silodix, e i valori nn si sono mai abbassati. secondo lei sarebbe utile fare l'esame psa pro 2?

grazie e buon pomeriggio

[#3]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Questione diagnostica particolare in una situazione clinica particolare.

Le dico anche di sì ma poi le ripeto pure che, dopo sei biopsie prostatiche negative a 85 anni e con esiti di ictus ischemico, non continuerei a tormentare suo padre con continue valutazioni diagnostiche, forse inutili.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 381XXX

Salve dottore dopo circa un mese abbiamo rifatto le analisi, e il psa da 21,7 e passato a 28.. 7 punti sono allarmanti? Grazie

[#5]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

di allarmante già basterebbe, se la situazione clinica fosse un'altra, il precedente valore del PSA.

Fatto poi il 2-pro-PSA?

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 381XXX

No non abbiamo più fatto l'esame del pro2, volevamo vedere in un mese la variazione del psa. Un incremento così elevato in così poco tempo nn era mai successo.. L'urologo vuole nuovamente effettuare una biopsia perché solo se risulta positiva si può dare un farmaco tumorale tipo il decapeptil

[#7]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

a questo punto seguite le indicazioni ricevute.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#8] dopo  
Utente 381XXX

salve dottore, l'urologo questa volta, in relazione dell'aumento del psa di mio padre da 21 a 28 in un mese, ha consigliato di fare una scintigrafia ossea total body. con il seguente risultato:

L’indagine scintigrafica ha dimostrato la presenza di una disimogenea captazione del radiofarmaco a livello della colonna dorso lombare con sedi di relativa iperattività osteometabolica che si proiettano a livello di d7, d9,d10, l3 ed l5. Reperti di tenue intensità ed è ancora di possibile natura spondilo artrosica nn sono disponibili precedenti esami per eventuale confronto. Reattività osteometabolica di compatibile significato artropatico flogistico generativo è per altro presente a carico delle regioni scapolo omerali, sterno claveari dei gomiti, dei polsi, delle coxae, delle ginocchia e del piede di sinistra.

come vede il risultato? grazie mille

[#9]  
Prof. Bernardo Rocco

32% attività
0% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
MILANO (MI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2012
Caro lettore,
Le consiglierei una risonanza multiparametrica della prostata in un centro di riferimento.. .credo che possa aiutare nella decisione se effettuare o meno l'ulteriore biopsia.
Cordialità
prof. Bernardo Rocco
Università di Modena e Reggio Emilia
www.bernardorocco.it