Utente 425XXX
Buongiorno, ho 45 anni sono in menopausa e vorrei avere un vostro parere su una infezione delle vie urinarie.
Una settimana fa ho sentito dei leggeri fastidi nel fare pipì, poi, dopo un rapporto con mio marito, ho accusato un forte dolore e bruciore nella zona pelvica per intendersi a livello della vescica ma anche del clitoride. Portavo l' anello Nuvaring (non a scopo contraccettivo ma come aiuto per la menopausa) che però ho tolto pensando che fosse quello la causa Dovevo andare più volte al bagno ma senza bruciore, solamente dolore. Mi sono recata al pronto soccorso di Vienna, dove ero in vacanza, e li , dopo aver eseguito tutti i controlli ginecologici eecografia interna, mi hanno diagnosticato una infezione delle vie urinarie (probabilmente cistite) e vaginite. Mi hanno dato l' antibiotico Selexid (penicillina) da prendere per 4 gg 3 volte al giorno e dalacin crema vaginale. Dopo 4 giorni il dolore era quasi passato poi appena ho smesso di prendere l' antibiotico i dolori sono tornati cosiccome la sensazione di dover sempre andare al bagno e dolore su tutta la zona pelvica.
Ho chiamato il ginecologo che mi ha detto che il selexid andava preso per più giorni e mi ha visitato e dato augmentin da prendere ogni 8 ore. Dopo un giorno e mezzo il dolore non passava e siccome non trovavo il ginecologo mi sono recata il medico di base che mi ha detto di prendere il levoxacin 500 mg una volta al giorno per 5gg perchè probabilmente augmentin non era appropriato. Mi ha dato anche cistalgan e tachipirina per il dolore.
Dopo un giorno ho ancora tutti i dolori e fastidi sono ancora presenti, la tachipirina non mi fa niente per il dolore e ho paura che niente possa risolvere il mio problema.
Vorrei chiedere se la terapia vi sembra appropriata e quanto tempo ci vuole perchè l' antibiotico faccia effetto. Il medico mi ha anche prescritto gli esami per urinocoltura da fare alla fine della terapia antibiotica ma io nel frattempo sto soffrendo molto e non riesco più ad avere una vita quotidiana normale.
Grazie per la vostra disponibilità

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Cara utente,
nel suo caso, avendo già sostituito diversi antibiotici, aspetterei almeno un paio di giorni per valutare l'andamento terapeutico.
Se la sintomatologia dovesse persistere o peggiorare sarà necessario orientare la terapia antibiotica sulla base dell'esito dell'urinocoltura e dell'antibiogramma.
Cordialità
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com

[#2] dopo  
Utente 425XXX

La ringrazio infinitamente per la veloce risposta. In effetti oggi è solo il secondo giorno che prendo l' ultimo antibiotico anche se il dolore è ancora molto forte.
Immagino che dovrò sospendere per diversi giorni l' antibiotico prima di fare le analisi.
Farò in ogni caso come mi consiglia.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Utente 425XXX

Buonasera dottore,
scusi se disturbo ancora, ma purtroppo ad oggi sono al quarto giorno di antibiotico ed i sintomi dolorosi relativi alla mia presunta cistite sono peggiorati. Vado spesso al bagno e non si tratta solo dell' impressione di dover urinare perchè ne faccio molta. Ma soprattutto i dolori nella zona pelvica e a livello delle vie urinarie sono diventati insopportabili, mi sembra che qualcosa spinga di continuo verso l' esterno. Inoltre ora ho dolori anche nel basso ventre. E' chiaro che l' antibiotico levoxacin non sta facendo effetto e il mio dottore vorrebbe ripetere un ciclo di altri 5 giorni.
Io temo che non serva a molto. So che prima di fare l' urinocoltura occorre attendere 3 o 4 giorni ma io vorrei chiedere cosa prendere in questi giorni contro il dolore, infatti mi sembra di impazzire soprattutto se sdraiata.
P.s.: sto prendendo anche il cistalgan 3 volte al giorno ma non mi sembra che faccia molto effetto
Grazie anticipatamente per ogni consiglio!
Cordiali saluti

[#4] dopo  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Cara utente, le linee guida del sito, giustamente, ci impediscono la prescrizione di terapie farmacologiche. Considerata l evoluzione clinica è probabile che si debba sostituire la terapia antibiotica sia in termini di molecola sia in termini di modalità di somministrazione. Posso solo consigliarle il ricorso alla guardia medica in attesa di valutazione specialistica
Cordialità
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com

[#5] dopo  
Utente 425XXX

Buongiorno,
certamente, oggi stesso contatterò il medico. Devo dire che da stanotte i dolori più forti si sono affievoliti, forse perchè ho preso la tachipirina. Grazie per i suoi consigli dottore.

Cordiali saluti

[#6] dopo  
Utente 425XXX

Buongiorno dottore,
volevo aggiornarla sulla mia recente visita urologica.
Secondo l' urologo il problema è a livello funzionale e non dipende dall' infezione visto che tanti antibiotici non hanno fatto effetto. Mi ha prescritto il vesiker per un mese e poi una citologia urinaria se i sintomi dovessero persistere.
Inoltre mi ha detto di non eseguire l' urocoltura perchè non necessaria, anzi rischierebbe di contaminare i campioni. Lei cosa ne pensa? Secondo lei il vesiker può bastare? perchè il mio problema non è solo la minzione frequente ma anche dolore e pressione all' interno delle vie urinarie a livello del clitoride per spiegarmi. Le confesso che sono molto preoccupata e angosciata perchè temo che questo dolore non finirà più.
Inoltre è normale provare ancora più dolore dopo inserimento del catetere per prendere l' urina.
La ringrazio anticipatamente per i suoi consigli

Cordiali saluti

[#7] dopo  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Cara signora,
Credo che la scelta del collega sia condivisibile.
È normale avere del fastidio dopo l inserimento di un catetere.
Vediamo l andamento clinico senza trarre affrettate conclusioni.
Cordialità
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com

[#8] dopo  
Utente 425XXX

Grazie dottore, lei mi è molto di conforto.
Scusi se approfitto ancora del suo tempo: un ultima domanda ma il vesiker allevia anche il dolore nell' uretra e del pavimento pelvico, a me sembra come di avere uno spillo dentro direttamente sopra l' imboccatura delle vie urinarie.

Saluti

[#9] dopo  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Dovrebbe alleviare anche questo tipo di sintomatologia.
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com

[#10] dopo  
Utente 425XXX

Grazie ancora!

Cordiali saluti

[#11] dopo  
Utente 425XXX

Buongiorno dottore,
ricorro di nuovo ai suoi consigli in quanto dopo 8 gg di vesiker ho ancora forti dolori nell' aera pelvica e la sensazione continua di vescica piena e dolorante. Ho ricontattato l' urologo che dice di continuare con il vesiker e prendere l' oki per il dolore e che forse si tratta di cistite interstiziale. però l' oki non ha effetto sullo stimolo continuo ad urinare e sul dolore ed indolenzimento dell' uretra. La ginecologa mi ha detto di prendere il flogeril forte che prendo da ieri ma a me sembra che la situazione sia peggiorata.
Le chiedo se dovrei provare a contattare un altro urologo visto che la situazione non migliora e cosa consiglierebbe lei per il dolore e lo stimolo continuo e fastidiosissimo.
Grazie ancora dottore!

[#12] dopo  
Utente 425XXX

Mi scusi,
aggiungo che ho i risultati dell' urocoltura che ho fatto 9 gg dopo l' ultima assunzione dell' antibiotico e sono negativi.
Potrebbe essere che 9 gg fossero troppo pochi? se sono negativi significa che non si tratta di infezione?
Grazie anticipatamente per i suoi consigli dottore!
Saluti

[#13] dopo  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
9 giorni dopo il termine della terapia antibiotica sono sufficienti per eseguire un esame delle urine.
È molto difficile poter aggiungere qsa da una postazione multimediale.
Aggiorni il Suo urologo sull andamento terapeutico
Cordialità
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com

[#14] dopo  
Utente 425XXX

Grazie per la sua risposta.
Cordiali saluti