Utente 470XXX
Buon pomeriggio Dottori, spero possiate darmi un aiuto a capire cosa sta "accadendo" al mio rene...
Premettendo, ho 22 anni e sono in gravidanza 36+3 settimane. Non ho mai avuto gravi problemi renali, qualche ivu ogni tanto ma mai nulla di grave.
Settimana scorsa mi sono recata al PS con dei dolori fortissimi al fianco SINISTRO... Hanno riscontrato una bella colica renale, nel mentre che ero in ospedale ho espulso il calcolo ( 3-4mm). Nel controllare i reni hanno notato una dilatazione nel rene DESTRO.
Al controllo la mattina dopo mi hanno sottoposto a un'ecografia. Questo è l'esito:
AL RENE DX SI OSSERVA CALICO PIELECTASIA DI GRADO MODERATO-SEVERO, CON DIAM TRASVERSO DELLA PELVI DI CIRCA 30MM, CON URETERE NON SIGNIFICATIVAMENTE CONSENSUALMENTE DILATATO, SENZA EVIDENZA DI CALCOLI NEL PRIMO TRATTO ESPLORABILE. AL RENE SX NON CALICO PIELECTASIE.
SONO PRESENTI ALCUNI SPOT ECOGENI PRE LITIASICI DIFFUSI IN SEDE MEDIO RENALE. VESCICA VALUTATA A MEDIO RIEMPIMENTO E CONTENUTO LIEVEMENTE ECOGENO (SEDIMENTO?)
DA APPROFONDIRE IN AMBITO SPECIALISTICO UROLOGICO E RICONTROLLARE CON ECOGRAFIA A BREVE.
Dopo l'ecografia la dottoressa era abbastanza "preoccupata" mi ha spiegato di uno stent da inserire come aiuto al rene, oppure nel caso "peggiore" si ricorre all'induzione del parto prima del termine. Specificando che in gravidanza l'utero può compromettere il rene DX ma che non è il mio caso.
Il avevo dolori a sinistra, come mai questa cosa al rene destro? Devo preoccuparmi?
Spero in una vostra risposta mentre attendo la visita dall'urologo. Grazie mille in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
In assenza di disturbi diremmo che la situazione potrà essere tenuta sotto controllo con l'ecografia fino a parto avvenuto, le indicazioni all'inserimento di uno stent le vedremmo solo in caso di complicazioni evidenti (dolore, febbre, eccetera). Poi si vedrà con i mezzi opportuni, magari eseguendo anche una TAC, cosa che in questo momento non è ovviamente opportuna.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 470XXX

La ringrazio per la Sua risposta, era praticamente la rispettiva che speravo di ricevere data la gravidanza.
Stamani sono andata a fare la visita da un urologo ma sinceramente la visita non mi ha per niente soddisfatta, la dottoressa continuava a dirmi che era stanca e non ha nemmeno visionato le ecografie ai reni (effettuate giovedì e venerdì) che le avevo portato da valutare come mi era stato detto venerdì dalla dottoressa.
L'unica cosa che ha detto è stata "Signora io in gravidanza un buco al rene non posso farglielo" senza spiegazioni ne niente.
È il caso che faccio un'altra visita da un dottore diverso? Sono rimasta proprio delusa. Non ha nemmeno visionato gli esami sangue-urine degli ultimi mesi.
Se dovessi avere una colica al momento del travaglio cosa posso fare?
Se può darmi un consiglio, mi era stata spiegata come una situazione abbastanza grave.
Grazie mille per l'attenzione

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
In gravidanza si fa quel che si può. Se l'ecografia non mostra altri calcoli o complicazioni e non vi sono sintomi particolari, si attende il parto. D'altronde manca pochissimo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 470XXX

Dottore l'ecografia non l'ha nemmeno visionata questa dottoressa.
Io preferisco aspettare ovviamente il parto almeno da poter intervenire (se necessario) come si deve.
Il mio dubbio nasce dal fatto che la dottoressa non ha nemmeno voluto vedere la mia documentazione che specifica che il rene dilatato non ha nulla a che vedere con la gravidanza