Utente 374XXX
Salve scrivo per aggiornare la mia situazione.. in pratica ho avuto molti rapporti non protetti in passato anche con transessuali.. ora dopo un trauma al frenulo sono circa 4 settimane che ho un gonfiore nella zona del solco banalo prepuziale proprio accanto al frenulo.. sembra una vescica rotonda rossa e sinceramente non ricordo se mi aveva lasciato delle secrezioni.. già un urologo vedendo delle foto mi aveva detto che sembrerebbe una reazione granulamatosa da trauma del frenulo e se non guarisce, una semplice esportazione consentirebbe un esame istologico.. mi si erano anche gonfiati i linfonodi inguinali però non so se era per questo o per degli esercizi di addominali fatti il giorno prima in palestra.. fatto sta che si sono sgonfiati.. ora con il mio medico di base ho prescritto Degli esami del sangue per sifilide e infezioni e vorrebbe che iniziò una cura a base di penicillina.. ho fatto test hiv ed è negativo e sono passati almeno 50 giorni dal rapporto a rischio, mentre molti mesi da altri 4-5 rapporti a rischio.. ho fatto una visita dall urologo qua in ospedale e sembrava abbastanza svogliato e la sua diagnosi è stata: presenza frenulo breve con lesione e area nodulare iperemica, come da processo flogistico. Si consiglia di prendere in considerazione eventuale intervento di frenuloplastica. Reparederm e gentalyn per 10 giorni, in caso di persistenza della sintomatologia visita dermatologica.
Non capisco cosa c’entra la visita dermatologica e anche il mio dottore è rimasto perplesso al fatto che non mi ha prescritto nemmeno una biopsia o Degli esami da fare dato che ho come un ulcerazione gonfia sotto il glande che non emette sangue ma è rosso e non passa da 3 settimane... volevo un vostro parere il prima possibile perché sono un po’ preoccupato e mi crea molti problemi con L università anche.. ho 27 anni. Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

aspettiamo i test ematochimici per la sifilide, poi eventualmente si può procedere anche tramite una valutazione colturale e con PCR su tampone balano-prepuziale e così capire eventualmente se vi è un particolare microrganismo presente sulla lesione e quindi poi procedere eventualmente con una terapia precisa e mirata.

Senta ora in diretta il suo andrologo di riferimento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 374XXX

La ringrazio per la tempestiva risposta dottore, volevo però precisare che L urologo che mi ha visitato mi ha semplicemente detto che “non sembrerebbe niente” e di applicare gentalin beta e repaderm per 10 giorni e poi eventualmente di fare una visita dermatologica.. ma scusi cosa c’entra la visita dermatologica? Sembra abbia preso un po’ sottogamba la situazione.. gli esami per la sifilide me li ha prescritti il mio dottore di base e secondo lui ora che aspettiamo gli esiti si potrebbe già fare delle punture di penicillina per evitare che passando del tempo la malattia progredisce.. che consiglio mi da nel frattempo? Cosa intende per andrologo di riferimento?
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

ma non ha ancora una diagnosi precisa!

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 374XXX

Certo dottore ha ragione però i sintomi sembrano quelli.. quindi meglio aspettare la diagnosi prima di intraprendere una cura? Perché il mio dottore dice che sicuramente qualcosa ho perché ormai è un mese che ho questo gonfiore arrossato vicino al frenulo.. secondo lui già da domani iniziare con una cura di 3 punture antibiotiche non sarebbe una cattiva idea perché aspettare troppo magari la presunta malattia progredisce... in ogni caso mi sembra strano che L urologo che mi ha visitato dica che non dovrebbe essere niente e non mi ha nemmeno prescritto una biopsia o Degli esami, ma è stato il mio medico di base a prescrivermi esami del sangue per sifilide.. a me sembra abbia preso troppo sottogamba il problema l urologo che mi ha visitato.. nel frattempo devo astenermi da ogni tipo di rapporto? Anche con profilattico? In queste settimane ho avuto comunque dei rapporti e forse è anche per questo motivo che è peggiorata la “vescichetta”..
cordiali saluti

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Si tranquillizzi, aspettiamo l'esito degli esami e rapporti sessuali "tranquilli" e comunque sempre ben protetti.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 374XXX

Salve sono arrivati gli esiti, sono positivo, i risultati sono
Dell emocromo completo tutto nella norma tranne RDW-SD che è 36,5 e i valori di riferimento sono tra 37-54
Mentre
VDRL 1/128 Riferimento <1/2=negat.
> o = posit.
Anti-treponema pallidum igg 47 kda
6,1 < 0,8 negativo seno positivo
Anti-treponema pallidum igg 17 kda
>8,0 <0,8 negativo seno positivo
Anti-treponema pallidino igg 15 kda
>8,0 <0,8 negativo seno positivo
Anti-treponema pallidino igm 47 kda
>4,0
Anti-treponema pallidino igm 17kda
1,2
T.P.H.A quantitativo 1/320
Comincio subito la cura?

[#7] dopo  
Utente 374XXX

In pratica gli anticorpi igg e igm sono valori alti, negativi se inferiori a 0,8 mente i miei sono tutti superiori ma di tanto anche.. ho specificato magari non si capiva da come avevo scritto... mentre L unico valore sballato del emocromo è grave? Tutti gli altri sono perfetti... e che cura mi consiglia per la sifilide? Pensi che L urologo che mi aveva visitato mi aveva detto che non avevi niente...per fortuna ho voluto io fare esami dato i molti rapporti a rischio avuti.. attendo risposte cordiali saluti

[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

la risposta corretta che possiamo darle, da questa postazione, è quella di non perdere altro tempo prezioso in internet e di consultare in diretta, eventualmente sempre con l'aiuto del suo medico curante, un Centro, vicino alla sua residenza, che tratta tutte le malattie sessualmene trasmisse come è appunto la sifilide e seguire poi attentamente tutte le indicazioni che le veranno date in quella sede, in diretta.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#9] dopo  
Utente 374XXX

Ok dottore, volevo chiederle.. secondo il mio medico bastano due punture che ho già fatto da 1.200.000 L una...(un dolore allucinante e un giorno a letto).. il sifiloma che avevo sul pene sembra stia andando via.. però leggo su questo sito e anche su altri che a quasi tutti prescrivono più iniezioni e non sono due... in merito agli esami che ho pubblicato secondo lei bastano queste sue iniezioni? Attendonsue risposte, cordiali saluti e buone feste!

[#10] dopo  
Utente 374XXX

Salve.. ho fatto solo due iniezioni di penicillina e secondo il mio dottore bastano quelle.. il sifiloma che avevo sotto il glande non è più rosso e non fa male, però è rimasto il gonfiore.. io leggo su internet che qualsiasi urologo anche se si tratta di sifilide primaria prescrive sempre almeno 6 iniezioni.. a questo punto cosa dovrei fare? Ho paura che il mio medico sia un po’ troppo superficiale.. meglio fare altre iniezioni? Attendo con ansia qualche risposta, ringrazio anticipatamente e cordiali saluti

[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

non è questa la sede per contestare una terapia o impostare strategie terapeutiche che richiedono farmaci specifici.

Nessun medico serio le può, da questa sede darle una risposta mirata e precisa.

Ha consultato, come già indicatole, un Centro, vicino alla sua residenza, che tratta tutte le malattie sessualmente trasmesse come è appunto la sifilide?

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#12] dopo  
Utente 374XXX

Salve, ho già fatto la cura di solo due iniezioni..lei dice di prendere appuntamento con uno specialista per chiedere se dovrei farne delle altre?