Utente 532XXX
Buongiorno
mio padre di 64 anni in seguito a continue cure per prostatite senza esito positivo, ha approfondito eseguendo degli esami specifici come la biopsia e la tac con mdc. Il valore del PSA è di 5340.
Esito biopsia: adenocarcinoma infiltrante, score 6 sec.gleason, in un frammento.
esito tac:Vescica con pareti diffusamente ispessite, senza evidenti grossolane immagini aggettanti endolume.
Prostata notevolmente aumentata di volume con plurime aree di focale impregnazione parenchimate in fase contrastografica.
Si segnala sfumato addensamento del tessuto adiposo mesenteriale nel cui contesto si apprezzano alcune grossolane tumefazioni linfonodali a carattere confluente (diametro trasverso complessivo massimo circa 37 mm), analoghe linfoadenopatie sono evidenti nel legamento gastro-colico (diametro trasverso max. circa 18 mm).
Ulteriori tumefazioni Iinfonodali sono apprezzabili in sede retrocavale (diametro trasverso complessivo massimo circa 31 mm). interaortocavale (diametro max. circa 23 mm). inter-portocavale (diametro max. circa 25 mm) ed in sede paraortica sinistra.
Diffuso ispessimento delle pareti del sigma.
Scrivo in quanto desidererei ricevere un consulto per capire meglio di che tipo di tumore si tratta e se tutti i linfonodi indicati sono solo infiammati o sono da considerarsi metastasi.
Grazie in anticipo.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Se lei ci conferma che il valore del PSA superiore a 5000, si trata certamente di una malattia tumorale molto avanzata, con evidnti e voluminose metastasi ai linfonodi dell'addome. E' probabile che vi sia anche interessamento secondario allo scheletro, cosa che potrebbe essere chiarita con una scintigrafia ossea. Se ulteriormente confermata, l'unica possibilità di terapia sarebbe costituita dalla terapia ormonale (blocco androgenico totale) a scopo quantomeno palliativo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 532XXX

Buongiorno Dott. Piana,
La ringrazio per l'attenzione mostrata, volevo farle un ulteriore domanda per maggiore chiarezza.
Il valore del PSA esattamente riportato sulle analisi del sangue è 5,340 ng/ml (0-4,000)...
forse in alto non ho riportato il valore in forma corretta, la situazione potrebbe essere diversa o mi confermerebbe cio' che ha scritto?
La ringrazio nuovamente, cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Beh, la differenza è sostanziale, una virgola in questo caso può dire moltissimo! Con valori attorno a 5 ng/ml (quindi poco sopra al vaolore massimo) vi è coerenza con la diagnosi di un tumore a bassa aggressività (Gleason 6). A questo punto è però neccessario indagare la natura dei linfonodi addominali molto ingranditi, che a questo punto assai probabilmente non sono correlati direttamente con il problema prostatico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 532XXX

La ringrazio dott. Piana, gentilissimo.

[#5] dopo  
Utente 532XXX

Buongiorno,
vorrei aggiornare la situazione di mio padre e chiedere un parere. Il 22 marzo ha subito un intervento di prostatectomia radicale e gli è stato consigliato di eseguire una colonscopia in quanto gli è stato riscontrato anche un essudato peritoneale.
Ieri ci è stato consegnato il referto della bipsia dopo l'intervento con esito:
Focolai multipli di adenocarcinoma prostatico bilaterale, score 6 sec. gleason (3+3), con microinfiltrazione della capsula a destra ed estensione all'apice. Coesistono focolai multipli di pin di alto grado. Vescichette seminali indenni,margine del collo vescicale indenne.
Cortesemente chiedo un parere in quanto non mi è chiaro se il tumore non era circoscritto e quindi come dovremmo procedere, se sia il caso di eseguire altri accertamenti o qualche terapia mirata.
Ringraziando in anticipo porgo i miei distinti saluti.

[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il tumore asportato è multifocale, a bassa aggressività e limitato alla prostata. In linea di massima non dovrebbeo esserci altre indicazioni, oltre il controllo periodico del PSA.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente 532XXX

La ringrazio dott.Piana sempre molto gentile e disponibile.

[#8] dopo  
Utente 532XXX

Buongiorno,
Vorrei aggiornare la situazione sul psa di mio padre dopo l'intervento ed è di 0,315 (ng/ml 0-4,000).
Desidererei un parere in merito. Grazie in anticipo.

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Questo valore sarà da ricontrollare ogni 2 mesi circa, come probabilmente indicato nella programmazione all'atto delle dimissioni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 532XXX

La ringrazio dott.Piana, gentilissimo.