Utente 295XXX
Buongiorno,
Ho una visita urologica da febbraio che non riesco mai a fare per assenza del medico, per questo motivo scrivo qua nell'attesa di una nuova visita, spero il prima possibile.
ho 31 anni Ho un dolore al testicolo destro dal 2016, e ho fatto una visita urologica nell'aprile 2016. il dolore si è ripresentato da gennaio 2018, non sempre, ma piu spesso, quando sono seduto e sdraiato sopratutto,dopo eiaculazione si presenta dopo qualche ora, passa quando sono in piedi. sono stato operato da bambino per criptorchidismo

la diagnosi della visita del 2016 è la seguente :

prima visita urologica. Orchidopessi dx + plastica dell fascia trasversalis per criptorchidismo da bambino.
Nel sospetto di orchiepididimidite , in trattamento da 6 gg con ciproxin 500mg/1die.
E.O.: ipotrofia del didimo dx, dolorabile la testa dell'epididimo, millimetrica formazione cistica all'eco.
Non idrocele ne tumefazioni erniarie.
ER:prostata congesta e di consistenza pastosa,dolorabile
rivalutazione in caso di persistenza/ripresentazione dei casi.

nel 2015 ho avuto un altro problema, non so se possa essere correlato.Un condiloma nel margine anale, rimosso con operazione chirurgica. test malattie sessualmente trasmissibili , tutte negative.

grazie per un eventuale chiarimento.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

lasci perdere il "condiloma" e si focalizzi sulle altre problematiche urologiche, da lei accennate.

Detto questo purtroppo le ricordo che, in presenza di queste situazioni cliniche complesse ed intricate, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la vera causa del suo reale problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico e poi dare anche una corretta prognosi.

Bisogna, a questo punto, riconsultare in diretta un esperto urologo od andrologo ed aspettare quello che lui ci dice a valutazione clinica terminata.

Si ricordi che comunque sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com