Utente 496XXX
Salve. Qualche giorno fa mio zio ha ricevuto questo referto dopo un esame radiologico alla prostata. Chi mi sa dire di cosa si tratta? È un tumore oppure è una lesione e richiede l'intervento o altre pratiche per scongiurare altri rischi. (Vi ringrazio già da ora e attendo risposta). Cordiali saluti

RM prostata (con m.c.d.)
RM prostata (senza m.c.d.)

Esame eseguito mediante acquisizione di sequenze assiali, coronali e sagittali dipendenti dal t1 e dal t2 e dopo somministrazione di mdc ev.
La prostata ha dimentisioni massive di 40x50x38mm circa, con ipertrofia del lobo medio che impronta il pavimento vescicale, diffusa disomogeneità del parenchima per la presenza di aree pseudonodulari a intensità di segnale variabile come da caos organizzato.
Nella zona ghiandolare apicale anteriore a sinistra si rileva area nodulare prevalentemente ipointensa in t2, di 13mm circa, con incremento di segnale in dwi e riduzione del segnale in adc, e discreta impregnazione psot-contrastografica, che necessita di correlazione clinico-laboratoristica(pirads4).
In corrispondenza della zona periferica apicale posteriore dx di 1/2mm circa ipointensa in t2, con restrizione in dwi e modesta riduzione di segnale in adc (pi rads 3).
Qualche millimetrico linfonodo iliaco-otturativo.
Non apprezzabile liquido libero nello scavo pelvico.
Linfonodi inguinali, con ilo adiposo del diametro max di 19mm circa.

Qualcuno gentilmente mi può rispondere e dire se è una cosa già brutta secondo la prossima esperienza oppure sono solo io che mi metto in testa brutti pensieri e magari non è nulla di grave se curato. Grazie ancora

[#1] dopo  
Dr. Alberto Macchi

20% attività
12% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2018
Il referto della risonanza magnetica da solo non basta a fare diagnosi di tumore alla prostata. La lesione PIRADS 4 e PIRADS 3 (descritte nel referto) vanno correlate con la storia clinica di suo zio (andamento del PSA, esplorazione rettale). Per tale motivo è consigliata la visita urologica per poter mettere insieme tutti questi parametri per stabilire il miglior percorso diagnostico e terapeutico. Cordialmente.
Dr. Alberto Macchi

[#2] dopo  
Utente 496XXX

Prima di tutto, grazie mille per la risposta Dott.
Da quello che ricordo il suo psa è passato da 18 a 22 nonostante una cura fatta con un farmaco a pillole di cui non ricordo il nome. Per l'esplorazione gli era stato detto che c'era un ingrossamento.
Purtroppo al momento non ho altri dettagli. Lei può immaginare di cosa si tratta? Premetto che a giorni mio zio avrà la visita prima dal medico di famiglia e successivamente dall'urologo. Cordiali saluti