Utente 457XXX
Spetta. Dottore, oggi pomeriggio mio padre (di età 69 e PSA 6.0) ha ritirato risultati della biopsia alla prostata che di seguito le riporto : dopo aver esaminato vari campioni
D1 D1 D3 D4 D5
S1 S2 S3 S4 S5

Cinque frustoli bioptici di circa 1,0 cm

Diagnosi
Il solo frustolo S2 è sede di adenocarcinoma di tipo acinare - convenzionale grado 8 (4+4) sec. Gleason (gruppo prognostico IV Sec. Who 2016). La neoplasia coinvolge il 30 %del frustolo. Tutti gli altri frustoli sono negativi per neoplasia.

Tale biopsia è stata eseguita dopo risonanza magnetica multiparametrica.
Attendo Vs consulto a riguardo.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Si tratta verosimilmente di una lesione molto piccola, ma di un tumore potenzialmente abbastanza aggressivo (Gleason 4+4=8). Al di sotto dei 70 anni e con condizioni generali buone l'indicazione prevalente è l'asportazione radicale della prostata, effettuata per via laparoscopica convenzionale, laparoscopica robotizzata o chirurgica tradizionale. La stadiazione dovrebbe comunque essere completata con l'esecuzione di una TAC e di una scintigrafia ossea total-body.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 457XXX

La ringrazio infinitamente per la risposta, mercoledì prossimo mio padre ha l'incontro con l'urologo e spero che ci dia buone speranze.. Lei ritiene che a questo stadio se viene operato ci siano buone possibilità di guarigione?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ottime.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 457XXX

Grazie mille... Ciò mi rincuora tanto

[#5] dopo  
Utente 457XXX

Gentile dottore, stamattina mio padre ha avuto il consulto con il suo medico e lui gli ha consigliato una laparoscopica robotizzata e intanto prescritto tac e scintigrafia ossea. Se questi due esami saranno buoni allora si procederà all'operazione.. Ma nel caso in cui non ci fossero le condizioni per operare come si potrà intervenire? Nel caso invece che si possa operare quali saranno le conseguenze post operatorie? La ringrazio fin d'ora per la sua disponibilità...

[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non è molto verosimile che gli esami di stadiazione facciano modificare le indicazioni. questi vengono eseguiti solo per completezza di indagine. Delle eventuali conseguenze post operatorie immagino vi avrà già parlato diffusamente il vostro urologo di riferimento, in modo molto più completo di quanto si possa sintetizzare in questa sede.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente 457XXX

Nel ringraziarla per le sue accurate risposte, ci terrei a tenerla informata sull'evolversi della situazione... Cordiali saluti

[#8] dopo  
Utente 457XXX

Buongiorno dottore,
Ieri mio padre ha portato i risultati della tac e della scintigrafia ossea al suo urologo il quale gli ha poi prescritto di eseguire una cistoscopia alla vescica. Da quanto ho capito la scintigrafia ossea non ha rilevato niente di che, mentre invece dopo aver visionato la tac ha deciso per l'esecuzione di quest'altro esame. La mia domanda adesso è questa: come mai eseguire questo altro esame? È una prassi prima dell'intervento o ci dobbiamo preoccupare che ci sia qualcosa in vescica? Scusi per le tante domande ma sono un po' preoccupata.
Attendo risposta.

Cordialmente

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ci stupirebbe che il nostro Collega abbia consigliato questa ulteriore indagine senza spiegarne almeno sommariamente il motivo., Comunque, se ci riportasse il referto della TAC potremmo cercare di interpretare la situazione. L'esecuzione della cistoscopia non fa normalmente parte del percorso diagnostico del tumore della prostata.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 457XXX

Purtroppo io e mio padre comunichiamo solo per telefono stando in regioni diverse e le posso riportare solo quel poco che mi riferisce. Tuttavia appena riesco le comunico ciò che è riportato nella tac. Io da quanto ho capito l'urologo vuole avere un quadro più completo della situazione, e cmq non potrebbe essere che la tac evidenzi qualcosa di sospetto in. Vescica?

[#11] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Inutile fare supposizioni se non si dispone del minimo di elementi per poter giudicare.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing