Utente 497XXX
Salve,

E' da più di un mese che avverto diversi fastidi al pene e all'ano:

Circa un mese e mezzo fa, ho cominciato ad avvertire un fastidio al pene, proprio sulla punta del glande, come un forte formicolio.
Dopo qualche giorno, circa una settimana, questo formicolio è diventato un forte bruciore e dolore, che mi ha spinto a cominciare a fare una serie di controlli medici.
Su consiglio del mio medico sono andato al reparto di dermatologia per malattie infettive dove ho spiegato la situazione e fatto tutti i controlli del caso:
- Tamponi uretrali: risultati negativi;
- Urocultura: negativo;
- Analisi del sangue per MST (HIV, sifilide, epatite): negativi.

Dopo qualche giorno il dolore è diminuito, ma ora è da circa due settimane che ho una costante sensazione di lieve bruciore che va dalla punta del pene all'ano, e sinceramente non so più che fare.

Il fastidio è più accentuato non tanto quando urino, quanto invece dopo una eiaculazione (tra l'altro ora che ci sto facendo caso lo sperma risulta molto più liquido del solito).

Riassumendo:
- Inizialmente, per circa una settimana/10 giorni ho avuto la sensazione di formicolio al pene;
- Dopo questa fase iniziale, per circa una settimana ho avuto forte bruciore e dolore all'interno del pene;
- Passata questa fase, è da circa due settimane che ho una lieve ma costante sensazione di bruciore dal pene all'ano.

Mi potreste consigialre su come procedere e i sintomi di cosa potrebbero essere?

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Molto probabilmente si tratta di una congestione / infiammazione della prostata, non necessariamente su base infettiva. Essenziale è la valutazione diretta da parte di un nostro Collega specialsita in urologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing