Utente 122XXX
buongiorno ho cambiato la città ma calcoli purtroppo sono sempre qui. Ho iniziato a pratica per operarmi di calcoli rene sinistro. Ho fatto la tac/nn ho visto/ andando da dottoressa pronta per la operazione, mi propone lo stent al rene destro(quello già operato) perche e' dilatato e ho dolori. Questo e' vero e anche le urine sono sempre bruttissime e piene di leucociti. e una volta con sangue puro. Lo stent ho portato per lunghi due mesi e stavo sempre male con la febbre e dolori. Alla fine hanno scoperto che si era staccato. La mia domanda e': lo stent puo aiutare rene dilatato cioe che rene torna normale? Se riesce ad aiutarmi stringo i denti e lo porto. Grazie mille e cordiali saluti ^^

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Lo stent serve a derivare le urine temporaneamente dal rene alla vescica, ma per il resto è difficile che possa risolvere stabilmente una situazione compromessa. Bisognerebbe comprendere perchè il rene destro non scarica bene, si dilata, porta dolori e febbre e così facendo - soprattutto - porta ritardo nell’affrontare la situazione a sinistra. È certamente una condizione molto complessa che necessita di una sollecita presa di decisioni, poichè altrimenti la sua difficile sopportazione dello stent diventa poco utile. Per poter giudicare è però indispensabile disposse di tutti gli elementi, cosa che a distanza non è ovviamente possibile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 122XXX

Grazie mille dottore lei e' sempre molto gentile. Cercando di capire ho trovato una tac di l'anno scorso fatto ancora nella città e ospedale dove sono stata operata, ma nessuno nn si e' degnato di leggere, e dove alla fine e' scritto:Al controllo odierno comparso ispessimento solido parietale al passaggio pielo-ureterale dx/fibrosi in esiti di intervento? Processo produttivo?/ per il quae si richede correlazione clinica ed eventuale ulteriore approfondimento endoscopico. Sostanzialmente invariato il quadro a sn con calcolosi a stampo marcata dilatazione pielica; permane l'aspetto irregolare del tratto prossimale dell'uretere che mostra cmq regolare escrezione urinaria.. Da ignorate in materia mi sembra che tutto problema sta li.? grazie mille dottore

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il problema a destra parrebbe stare in un restringimento del tratto alto dell’uretere, cosa che lo stent è in grado di emendare solo temporaneamente. Devono dunque essere prese delle decisioni globali su quali passi siano da fare ed in quale sequenza.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 122XXX

la domanda mi viene spontanea visto che da anni ho dolori per via di calcoli: Per la sua esperienza mi sa molto ricca la situazione e' risolvibile a lungo andare senza perdere i rene? Lo so che lei nn ha sfera di cristallo ma secondo me ha già capito . Mi scuso e ringrazio in anticipo

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Lei giustamente osserva che noi non abbiamo la “sfera di cristallo” per tanto non ci pare opportuno giudicare laddove non disponiamo degli elementi necessari per farlo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 122XXX

buongiorno, Lei ha tutte le ragioni del mondo. e' molto attento e scrupoloso /magari erano anche suoi colleghi che me hanno operato/. Nonostante tutto cio io adesso ho dolori, sensi di nausea e tanta tantissima paura. Grazie mille dottore per la sua professionalità e sincerita'. Buon lavoro.

[#7] dopo  
Utente 122XXX

buongiorno, ieri sono stata in day hospital per fare diversi esami per prepararmi per lo stent dj per venerdi. Solo per il momento sono riuscita a vedere la tac e unica parola che sono riuscita a capire e' "Edema renale". Adesso si che sono spaventata e capisco molte piu' cose di quale scriveva dott.Piana. Volevo chiedere gentilmente solo una cosa: restringimento del tratto alto dell’uretere si puo' operare?. Grazie mille e cordiali saluti

[#8] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
I restringimenti dell'uretere costituiscono situazioni abbastanza problematiche in cui le indicazioni ad una eventuale risparazione operativa sono sempre da valutare con molta attenzione. Nol suo caso, ic pare molto importante tener conto anche della situazione dell'altro rene ed eventualmente privilegiarne in primo luogo la bonifica (almeno parziale) dai calcoli esistenti.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#9] dopo  
Utente 122XXX

infatti la dottoressa parlando di cosa bisogna fare, ha detto che dopo stent bisogna operare altra parte che e' piena, e che guardando due scintigrafie 22.6. 2016/prima della operazione calcoli rene dx/ contributo funzionale rene sin 59%, rene des. 41%, che invece scintigrafia del 5.04.2018 - rene sin. 53.9%, rene destro 46.1.% e' chiaro che soffre anche rene sinistro. E' un piacere vedere che rene destro nonostante tutto funziona meglio di prima ma poi sicuramente ci sono le cose che noi nn capiamo/almeno io/ perche' rene anche se sembra si sta riprendendo fa male,urine torbide e piene di leucociti, minzione che ogni tanto brucia e cmq non riesce a buttare fuori tutto. . Volevo anche chiedere per cortesia esiste la possibilità che restringimento si allarga portando stent, e poi cosi rimane?, sarebbe veramente una cosa bellissima. Grazie in anticipo, e buona giornata

[#10] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Lo stent di per sè ha unicamente una funzione di derivazione dell'urina, non si può pensare ad una funzione di modellaggio.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente 122XXX

grazie mille, lo tengo informata se ha piacere. Buona serata

[#12] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Va bene.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#13] dopo  
Utente 122XXX

buongiorno, tornata dal ospedale /day hospital). Relazione clinica che mi hanno lasciato e' semplice: dimettiamo la paziente. ricoverata per idronefrosi destra in. Paziente con calcolosi renale bilaterale. La Paziente e' stata sottoposta a posizionamento di DJ dex. Decorso regolare.
La paziente verrà contattata dal nostro DH per il futur iter.
Come legge la lettera delle dimissioni cosi mi rispondevano anche se li chiedevo qualsiasi cosa.. Alla mia domanda - per quanto tempo devo tenere lo stent, la risposta e' arrivata - dipende puo' stare li anche un anno.- Io lo stent ho già avuto per due mesi e mezzo e sinceramente ero sempre in PS per i dolori, che poi alla fine e' uscito fuori che si e' staccato e nonostante un sacco di ecografie nessuno ha visto. Una cosa volevo chiedere. Con lo stent ho stimolo per la pp e subito parte tutta con i dolori senza avere del tempo per arrivare in bagno. Spero vivamente che la cosa si sistemi da sola oppure devo tornare in urologia. Grazie mille e buona serata

[#14] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Lo stimolo ad urinare è il segno più comun della presenza dello stent e non induce particolari sospetti su un eventuale sposizinamento, cosa che invece farebbe la presenza di importanti dolori lombari e coliche. Una radiografia diretta dell'addome è in genere sufficiente per giudicare, qualora fosse necessario.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#15] dopo  
Utente 122XXX

grazie mille celere e gentile come sempre. Ancora due domande e mi scuso in anticipo, per tutto tempo in osp. non avevo la febbre invece adesso segna 38. A parte tachipirina che sto prendendo, devo segnare al dottore? e altra cosa devo comportarmi in una certa maniera, non lo so bere di piu o meno acqua? grazie mille

[#16] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Deve ovviamente segnalare la presenza di febbre, verosimilmnete sarà necessario prescrivere un antibitico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#17] dopo  
Utente 122XXX

grazie mille lunedi cercero' dottore. Buona domenica

[#18] dopo  
Utente 122XXX

buongiorno, e vero che anche prima di mettere lo stent avevo dolori tipo coliche ma quello di ieri era del tutto fuori. Avevo fortissimi dolori a parte destra(solita curva e in giu) forte senso di vomito e forte mal di gambe che nn riuscivo quasi a stare in piedi.. Siccome ero fuori casa nn avevo antidolorifici. Alla fine decido di andare in PS. In quel momento passa tutto Nessun dolore, nessun vomito, niente di niente. Dopo un po di tempo in bagno trovai su salva slip nn molte perdite di urina con una punta di sangue. Il dolore ho quasi sempre, a volte blando a volte piu forte (solita curva) ma ce sempre.. Ma quello di ieri mai avuto anche se ho calcoli da 50 anni. Volevo chiedere gentilmente se e' possibile che anche se ho stent posso avere coliche?, possono essere residui di calcoli anche dopo tutto sto tempo(operata 2016)Altra domanda molto importante e' nn riesco di andare di corpo, le cose sono collegate? Grazie mille e buona giornata

[#19] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Forse la somministrazione di antispastici per il dolore può peggiorare una naturale predisposizione alla stitichezza. In quanto alla colica è difficilmente spiegabile, comunque se le urne sono un po’ “spesse”è probabile che saltuariamente qualche detrito possa ostruire tempiraneamente, quanto basta per far scatenare il dolore.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#20] dopo  
Utente 122XXX

Grazie mille, se me capita anche altra volta Lei dice di andare a P.S. chiarirebbe tutto discorso oppure lascio stare e supporto i dolori, visto che nn ho male come altra volta (cioe dolore e' molto diverso )quando si e' staccato lo stent. Buona serata dottore.