Utente 457XXX
Salve,sono una donna di 37anni. Soffro di cistiti ricorrenti, ma anche una volta al mese da due anni e mezzo. L anno scorso dopo una ecografia e una successiva urotac abbiamo anche scoperto un carcinoma renale, in seguito al quale sono stata sottoposta urgentemente a una nefrectomia totale in laparoscopia. Ho avuto un po' di tregua per qlc mese ma i miei attacchi si sono ripresentati più o meno aggressivi (e con sangue) ogni mese. I due batteri che in questi anni si alternano sono l Escherichia coli e il klebsiella. Conduco una vita tranquilla,non bevo,non fumo. Vesto in modo morbido, biancheria di cotone e bianca. Evito il bagno a mare pur abitando in una località marina... Prendo probiotici adatti,ho usato il mirtillo e ora stavo iniziando ad usare anche Delle compresse di mirtillo e d mannosio ma nn so più come uscirne. Io sono una monorene e non posso assolutamente abusare di farmaci. Volevo provare d mannosio e le softgels e posso dire di aver provato tutto. Sono molto scoraggiata e già ho da tenere sotto controllo la mia situazione oncologica...mi scuso per essermi dilungata.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Le infezioni sono portate da batteri di evidente origine intestinale ed è qui ch dovrebbero essere concentrate le maggiori attenzioni, poiché tutti glia ltri provvedimenti, seppure utili. rischiano di non essere sufficienti. In particolare non comprendamo perché lei debba evitare di bagnarsi in mare. Il più delle volte la vescica tende ad essere la vittima innocente di alterazioni che hanno origine altrove. Le terapie urologiche possono unicamente avere una valenza palliativa, tutto si può provare (come pare lei stia facendo), ma se non si risove il probelma ala base si rischia di continuare a combattere inutilmente. Ovviamente non si tratta di una situazione di ineresse urologico, ma bnella valutazione ed eventuale cura del dismicrobismo intestinale devono essere coinvolti anche il gastro-enterologo e soprattutto il dietologo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing