Utente 412XXX
Buongiorno.Il quadro.Ho 49 a.
Dopo blocco urinario e vari problemi ho subito a milano un intervento di incisione del collo vescicale (6/11/2017) con buon esito, credo:urino senza più pillola (xatral) e non ho urgenze di urinare, vado dopo 2 3 ore o anche più;in un esame flusso massimo 16, in altro 18,6 ml/s.

Rimangono però disturbi, in particolare ora il PSA è alto 4,52 anche dopo topster e profluss.Ho fatto Rm multiparametrale è v'è "solo"flogosi".
Preciso che anche dopo vari antibiotici ho sempre, in sette anni, riscontrato nello sperma e.coli almeno carica 500.000.
cosa si può fare?la flogosi non è che passa e poi torna, proprio non va mai via:che posso fare?
credo sia questa anche la causa di mancnza improvvisa orgasmo e scarsa eiaculazione (da prima intervento):che posso fare per tutte queste cose?L'ennesimo urologo cura antibiotica ma so già che non avrà esito come le altre, unitamente profluss e aprosten.

Ho prostata lievemente ingrossata e con adenoma medio 25cc: significa che entro breve tempo avrò problemi urinari di nuovo o posso comunque sperare di invecchiarmi ancora un bel po'?

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Dopo qualsiasi intervento su collo vescicale o prostata è normale che l'eiaculazione sia ridotta e talora assente, poiché essendo (finalmente) libero il collo vescicale, il liquido seminae trova più libero sfogo verso la vescica, piuttosto che incanalarsi lungo l'uretra. Immaginaimo comunque che l'insorgenza dell'eiaculazione retrograda le fosse stata prospettata nella pratica di consenso informato all'intervento. Proprio perché lei afferma di aver avuto un buon vantaggio funzionale dall'intervento, pare assolutamento giustificato che si manifetsi questa alterazione, che non è reversibile ma non comporta alcuna conseguenza per il fisico, a part ovviamente la riduzione o perdita dell fertilità. Pe quanto riguarda l'infezione cronica, purtroppo non vi sono armi diverse e più efficaci, tra l'altro in assenza di sintomi c'è da chiedersi se valga la pena insistere più di tanto con gli antibiotici, rischiando di alterare ulteriormente la flora batterica intestinale ed indurre pericolose resistenze batteriche. Crediamo che si debba scendere a qualche forma di compromesso.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 412XXX

Dottore, intanto grazie.Preciso meglio-
Ribadisco però che non ho eiaculazione retrogada, ma DA PRIMA INTERVENTO COME DETTO,ho eiaculazione senza getto (un solo gocciolone)e non ho più orgasmo, ecco perché credo dovuto a e coli.

Infiammazione c'è sempre con psa alto:perchè non incidere la prostata ?fare qualcosa?ho timore che infezione peggiori orgasmo :non tornerà mai pieno?non parlo solo di eiaculazione ma di piacere.


Ho prostata lievemente ingrossata e con adenoma medio 25cc lievemente aggettante: significa che entro breve tempo avrò problemi urinari di nuovo o posso comunque sperare di invecchiarmi ancora un bel po'?

grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'adenoma è di modeste dimensioni, di per sè non dovrebbero esservi indicazoni ad una disostruzione endoscopica, posto che questa non è detto risolverebbe l'infezione cronica. In questi casi è anche molto importante che la funzione intestinale sia la migliore possibile, poiché il Coli ed altri batteri gram-negativi coinvolti nelle infezioni urogenitali derivano pressoché unicamente dall'intestino.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 412XXX

Grazie
Prendo atto ch e nulla si può fare x infezione, ma mi preoccupa molto, visti i probabili danni causati già…
In sette anni solo una volta "pulito", ma è successo però.
Un urologo mi ha detto dopo cura con ciproxin che 500.000 carica batterica non rileva perché si considera infezione solo da 1.000.000,possibile???

Per orgasmo (piacere, spasmi mancanti) ed eiaculazione?
Un urologo ha parlato possibilità liberare vie seminali se occluse…
L'adenoma causa necessariamente ostruzione ?o come penso potrebbe anche volerci molti anni (o mai)..
Molte molte grazie

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
In genere si considerano positive le colture con carica batterica superiore a centomila (dieci alla quinta potenza).

Gli aspetti più tipicamente andrologici del suo caso meriterebbero una attenta valutazione da un Collega che si occupa specificatamente di questo aspetto funzionale. L'occlusone delle vie seminali è un evento raro e andrebbe eventualmente indagato nel modo più opportuno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 412XXX

A chi potrei rivolgermi? zona bari oppure se necessario ovunque..ho girato ma le risposte sono generiche e, come detto, han portato a ennesima cura con antibiotici e cialis 5 per erezione..mahh
io la ringrazio, però a molte domande non ha risposto..
Per orgasmo (piacere, spasmi mancanti) può tornare?L'adenoma causa necessariamente problemi urinari a breve ?o come penso potrebbe anche volerci molti anni (o in pochi casi anche molto vecchio)..

naturalmente grazie, salve

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come le abbiamo detto, gli aspetti andrologici corrispondono a valutazioni molto soggettive, le espressioni come orgasmmo, piacere, spasmi ... hanno per ognuno un significato diverso. Già è difficile interpretarlo ad una valutazione diretta, a distanza è impossibile.
I disturbi prostatici dell'età matura sono grosso modo legati all'ingrossamento, ma comunque non in modo così direttamente proporzionale. L'insorgenza, l'entità e l'evoluzione dei disturbi è poi assolutamente variabile da caso a caso.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 412XXX

buondi gz