Utente 392XXX
Gent.mi Dottori

Dovrei fare un esame per confermare l'eventuale ripresa biochimica dopo prostatectomia eseguita nel marzo 1998.
Oggi l'ultimo valore del PSA e di 1,01;
L'oncologo mi ha consigliato una RM com m.d.c., mentre l'urologo (che mi aveva già fatto fare 5 "lastre" radiografiche ad addome e bacino) mi ha consigliato una Scintigrafia.
Quale dei due esami è più indicato nel mio caso, considerando eventuali effetti collaterali e una più precisa definizione dell'eventuale lesione??
Grazie infinite e cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Ci pare di averle già scritto che in questa fase la scintigrafia ossea cipare l'infagine più corretta, poiché il valore del PSA è ancora troppo basso per poter giustificare in prima battuta una localizzazione ossea secondaria. Per lo stesso motivo è molto improbabile che la risonaza magnetica potrebbe individuae alcunchè oltre quanto evidenziato dalla PET.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 392XXX

Egr. Dott. Piana
Grazie per la sua gentile e puntuale risposta.
Volevo chiarire ancora alcuni miei dubbi.
La PET (positron emitter tomogr.)non è essa stessa una scintigrafia, dato che si effettua iniettando del liquido radioattivo nelle vene?
Se l'esame rileva un punto dove si concentra questo tracciante può indicare la presenza di un tumore certo ?
Oppure lo stesso accumulo di tracciante potrebbe darlo anche in presenza di artrosi?
O potrebbe essere un tessuto infiammato a causa di una operazione chirurgica (ho da molto tempo un punto dolorante al contatto, nella zona pubica lato destro, dopo una operazione di ernia inguinale destra)?
La ringrazio per la sua sempre cortese attenzione e le invio i più cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La PET è una ottima indagine di medicina nucleare, in quache modo simile alla scintigrafia, ma non è direttamente mirata al solo tessuto osseo. Tutte queste indagini possono dare dei falsi positivi in caso di infiammazione (es. artosi), ma in genere la localizzazione e le caratteristiche della captazione rende possibile differenziare queste situazioni in buona parte dei casi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 392XXX

Erg Dott.Piana
grazie della chiara e rapida risposta.
Vorrei ancora usare la sua gentilezza per chiarire qualche ulteriore dubbio.
Ho fatto negli ultimi 2 mesi diversi esami con esposizione a radiazioni ionizzanti come segue:
- in maggio PET-PSMA +CT(per circa 40 minuti) con seguenti valori assorbiti, DLP 340+mGy*cm;
- in giugno 5 lastre Radiografiche al bacino e addome;
- ora dovrei fare una scintigrafia con mezzo radioattivo da 750 MBeq. (4,3mSv.).Ciò premesso le pongo alcune dimande:
- Esiste una scintigrafia con radiazioni inferiori a quelle da me citate, che non compromettano la qualità degli esami????
-Tutte queste radiazioni concentrate in poco tempo non potrebbero peggiorare la mia attuale situazione, considerando che una dose così alta di radiazioni ionizzanti potrebbero provocare mutazioni cellulari e generare nuovi tumori???
Grazie infinite per la sua gentile attenzione e cordiali saluti.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Alla sua età e con motivazioni ampiamente giustificabili, diremmo proprio che il problema non si pone. Stia sereno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 392XXX

Egr. Dott. Piana
La sua rassicurazione vuol dire che morirò prima che le radiazioni facciano danni o che potrò vivere altri 20 anni senza che le radiazioni facciano danni?
Scusi se potrà sembrare una battuta, ma vorrei essere ottimista!
La ringrazio infinitamente per la sua risposta, sempre pronta e rassicurante.
Auguro un felice fine settimana a lei e faniglia.
Cordiali saluti.

[#7] dopo  
Utente 392XXX

Erg.Dott. Piana
mi sono lasciato convincere da un mio amico oncologo di fare una RM- DWB (una macchina di nuova generazione della IEO che riesce a rilevare lesioni da 1 a 3 mm.), che ha confermato una "lesione sostitutiva attiva nella tuberosita' ischiatica" e mi ha proposto un trattamento radioterapico, raccomandandomi di non lasciare passare troppo tempo.
Alla mia domanda per sapere la dimensione della lesione (per ben 2 volte) ha glissato dicendomi di chiedere al radioterapista.
Le chiedo gentilmente se per una ulteriore conferma (e per mia tranquillità è utile fare ancora la scintigrafia da lei già consigliata (e da me già prenotata), o devo iniziare la radioterapia???
Scusi la mia indecisione ma potrà capire sicuramente il mio stato d'animo.
Grazie ancora per la sua pazienza e aspetto il suo consiglio.
Cordiali saluti.

[#8] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Dovrebbe essere il suo oncologo a decidere, disponendo esattamente di tutti gli elementi di giudizio, per noi a distanza comunque frammentari. D’ogni modo, dal punto di vista generale diremmo che sarebbe bene eseguire anche la scintigrafia ossea, essendovi comunque certamente tempi di attesa prima di iniziare l’eventuale radioterapia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#9] dopo  
Utente 392XXX

Grazie Dott.Piana
per la sua rapida risposta.
Se vuole le posso inviare il referto degli esami eseguiti (quello cartaceo ).
Grazie ancora e cordiali saluti.

[#10] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come lei potrà comprendere, questo nostro servizio gratuito ha scopo essenialmente informativo e non può entrare nel dettaglio del singolo caso clinico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente 392XXX

Grazie comunque per la sua cortese risposta.
La terrò informata sugli ulteriori sviluppi.
Cordiali saluti.

[#12] dopo  
Utente 392XXX

Egr. Dott. Piana
Buon giorno.
L'aggiorno sugli sviluppi della mia situazione. Dopo una Risonanza Magnetica che ha confermato una lesione secondaria all'Ischio,l'Oncologo mi ha prescritto un ciclo di Radio terapia Srereotassica di 3 sedute, terminato il 10-12-2018. Dopo circa 20gg.ho ripetuto gli esami del PSA e il valore iniziale di 1,03 (di novembre 2018) è salito a 2,9 (28-12-2018).
Ciò premesso le chiedo:
-la Radioterapia non doveva azzerare il PSA???
- l'elevato valore PSA circolante nel sangue indicano cellule cancerogene che andranno a depositarsi in altre parti del corpo??
In sostanza la mia situazione è peggiorata dopo la cura o mi sbaglio??
Le sarei grato per un suo gentile parere sula mia attuale situazione.
Grazie come sempre per la sua cortese attenzione.
Cordiali saluti.

[#13] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
È certamente troppo presto per controllare il PSA ed altrettanto presto per esprimere sentenze. Immedatamente dopo la radioterapia è giustificato un certo effetto di rimbalzo dei valori. Un giudizio maggiormante critico potrà essere espresso non prima di un paio di mesi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#14] dopo  
Utente 392XXX

Grazie Dott.Piana per la veloce e chiara risposta.
L'aggiornerò tra un paio di mesi.