Utente 451XXX
Un caro saluto a tutti,
Mi scuso in anticipo per la domanda forse banale, ma la situazione psicologica di chi ogni tre mesi deve controllare il psa, non è sicuramente delle più semplici.

Vengo alla domanda.

Gentili dottori vorrei sapere se solamente in caso di psa fermo per anni a 0,01 si potrà guarire oppure se anche chi osserva dei movimenti sotto lo 0,1 avrà qualche probabilità di morire di qualcos’altro?

Grazie per la risposta

Pasquale Amico

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Immaginiamo si parli degli esiti di una asportazione radicale della prostata. Diciamo che il buon senso più che le linee guida possano portare ad allentare un poco la rigidità dei controlli qualora il PSA si mantenga costantemente al di sotto dei due decimi di punto. Questo anche se si possono manifestare piccole osillazioni nell'ordine dei centesimi, assolutamente prive di significato. Pertanto si può pensare di passare a 3 e poi a soli due controlli l'anno senza perdere eccessivamente in accuratezza. Quello che preoccupa l'urologo è la risalita costante, ancorché lenta, del PSA, le minime oscillazioni non sono preoccupanti.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 451XXX

Gentile Dott. Piana,
Confermo che si tratta dell’esito di una prostatectomia.
Grazie per la sua risposta, tuttavia mi rimane un forte dubbio. Leggo spesso che le variazioni di centesimi sono insignificanti, ma per arrivare a a 0,1, dove alcuni medici iniziano già a parlare di radioterapia, bisognerà pure passare da 0,06, 0,07, ecc...Ma allora perché si ritengono prive di significato queste fluttuazioni? Mi perdoni se insisto, ma ripeto questo costante controllo è deleterio e se potessi tornare indietro sceglierei la sorveglianza piuttosto che l’intervento, tanto l’angoscia è la stessa ma senza le ben note conseguenze.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Proprio questo è il principale tema di discussione che va affrontato con il paziente quando vi sia il dubbio tra la sorveglianza attiva e l'intervento. Diciamo comunque che al di sotto dei 60 anni per molti motivi è perlopiù consigliabile operare. Non crediamo che molti radioterapisti sarebbero coinvinti di iniziare un trattamento adiuvante (e le sue conseguenze) con un PSA al di sotto di 0,5
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 451XXX

Grazie per la risposta, le pongo un ultimo quesito. I due raddoppi del psa devono essere sopra o sotto la soglia dello 0,2 o la regola vale sempre?

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ovviamente un raddoppio da 0,02 a 0,04 (nell'ordine dei centesimi) non ha alcun significato, mentre una maggiore attenzione potrebbe averlo quello da 0,1 a 0,2 e poi 0,4 (nell'ordine dei decimi).
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 451XXX

Grazie mille, buon weeek-end!