Utente 448XXX
Salve,
a causa di un psa pari a 9, ed una biopsia prostatica che indicava un 3+3, mio padre (diabetico, età attuale 62 anni ) è stato sottoposto ad un intervento di rimozione totale della prostata (senza toccare i linfonodi) il 29/3/2017, in cui si è evidenziato un carcinoma di gleason 4+3 pt3a. Purtroppo quindi l'esame istologico post-intervento ha evidenziato una maggiore aggressività del tumore.
Elenco i valori successivi dei dosaggi psa:

Valore PSA del 2/5: 0,18
Valore PSA del 25/5: 0,21
Valore PSA del 28/06: 0,20
Valore PSA del 16/08: 0,23 (PSA Free: 0,04. PSA Ratio: 0,17). 
Valore PSA del 14/9: 0,3 
Valore PSA del 30/10: 0,65 
Valore PSA pre-radioterapia,13/12:1,10.

Come noterà l'ultimo valore è aumentato in pochissimo tempo, cosicché si è deciso per una radioterapia (30 sedute) che è iniziata a metà dicembre andando a mirare sia la zona prostatica sia i linfonodi circostanti (in quanto i medici ci dicevano che le cellule malate potessero essere nei linfonodi).
A 5 sedute dalla fine della radio il psa risultava di 0,86 (25/1/2018).Dopo 3 mesi dalla fine della radio era sceso a 0,11. Il problema che il successivo dosaggio a 3 mesi, all'inizio di Agosto era di 1,68 e pochi giorni dopo (ripetendolo per vedere se ci fossero errori del laboratorio) era salito a 2,14. Papà ha riiniziato a riavere problemi di incontinenza, cosicché il radioterapista ci ha consigliato una pet tac. Ancora non abbiamo ritirato il referto, ma i medici ci hanno detto che è tutto ok e non ci sono segnali di malattie.
Vorrei chiedere da cosa possa dipendere questa salita del Psa (considerando il risultato della pet tac) e se può dipendere da una possibile infezione delle vie urinarie (visti i problemi a urinare) anche se non c'è più la prostata?
Ringraziando per la gentile attenzione, saluti.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il rimbalzo del PSA è poco spiegabile, soprattutto a fronte della PET negativa. In ogni caso in questo momento non ci pare vi siano altri provvedimenti da prendere a parte il controllo ulteriore del PSA. Da valutare l'esecuzione eventuale di una scintigrafia ossea toal body.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 448XXX

La ringrazio Dottore,
ma quindi l'infezione alle vie urinarie non può alzare di così tanto il psa senza prostata?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
E una tesi un po' difficile da sostenere.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 448XXX

La ringrazio, ma qualcosa di grave non sarebbe stata segnalata dalla pet-tac,soprattutto perché ci è stato sempre detto che a livelli superiori ad 1 diviene affidabile come esame..la scintigrafia ossea invece cosa andrebbe a vedere?

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La scintigrafia potrebbe evidenziare delle lesioni ripetitive ossee. Quando non c'era la PET si eseguiva di routine, in casi dubbi comunque è ancora da considerare. In ogni caso la scelta sarà del vostro urologo di riferimento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 448XXX

Un'ultima domanda se posso dottore, papà nel maggio 2017 ha fatto una tac Total body (2 mesi dopo l'intervento alla prostata e prima della radioterapia).Il fatto che era risultato tutto negativo, anche dal punto di vista osseo, unito alla pet tac di questi giorni può essere un punto a favore. Oppure i mesi passati non fanno piu essere indicativa la Tac Total body (che incollo di sotto).

TAC CRANIO TORACE ADDOME PELVI SENZA E CON MDC

CRANIO 
Non evidenti lesioni occupanti spazio nel parenchima cerebrale.
Normale ampiezza del sistema ventricolare.
Linea mediana in asse.

TORACE
Esiti di tiroidectomia totale.
Assenza di adenopatie in sede sovraclaveare, mediastinica e ilare: al controllo attuale è presente un unico linfonodo a livello mediastino superiore in sede paratracheale destra del diametro di 6 mm.
Invariato il nodulo (3 mm) nel segmento anteriore del LSS.
Scomparsa dell’area pseudo-nodulare nel segmento apicale del LIS in sede retroaortica.
Non evidenti altri noduli nel parenchima polmonare.
Non versamento pleurico.

ADDOME PELVI

Modesta steatosi epatica.
Non evidenti lesioni occupanti spazio nel parenchima epatico.
Non dilatate le vie biliari.
Nella norma milza, pancreas, surreni e reni(cisti di 1 cm a livello del polo inferiore del rene sinistro). Non dilatate le vie escretrici.
Presenza di tre milze accessorie di 7mm, 9mm e 14mm.
Assenza di adenopatie paraortocavali e iliache (invariati i linfonodi del diametro massimo di 9 mm a livello del tripode celiaco a sinistra). 
Vescica a pareti diffusamente ispessite.
Esiti di prostatectomia radicale.
Riduzione delle dimensioni del linfonodo in sede iliaca esterna destra (da 10 a 8 mm).
Linfonodo di 7 mm all'imbocco del canale inguinale di destra.
Non adenopatie in sede inguinale bilateralmente.
Ernia inguinale sinistra con impegno di tessuto adiposo.

Non evidenti lesioni con aspetto suggestivo per lesioni di tipo secondario a carico dei segmenti scheletrici esaminati.
Invariata la piccola areola osteoaddensante (6 mm) a livello del collo del femore destro.

Grazie per l'attenzione

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
E' comunque passato un anno e mezzo. Purtroppo oggi non disponiamo ancora di un accertamento così sensibile da individuare chiaramente il punto dove viene prodotto il PSA in piccola quantità. Anche la stessa PET, pur essendo sensibile, non è infallibile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing