Utente 518XXX
Egregio dottore,
Nel mese di marzo 2018 mi e' stato diagnosticato un carcinoma prostatico tramite risonanza prima e confermato dalla successiva biopsia
(13 frustoli positivi su 13 prelievi).
Ho eseguito scintigrafia total body con risultato negativo prima dell'intervento di prostectomia radicale robotica del 14 giugno 2018.
max valore PSA riscontrato prima dell'intervento 4,6 ng/mL

La biopsia,in data 27/6/2018 ha dato come reperto:

Materiale inviato
A- prostata e vescicole seminali
B- linfonodi pelvici sn
C- linfonodi pelvici dx
Reperto Macroscopico
A) Prostata delle dimensioni di cm 6x4x3,5 con vescicola seminale dx del diametro di cm 2 e vescicola seminale sn del diametro di cm 2,5.
DIAGNOSI:
A) Adenocarcinoma acinare della prostata di grado combinato 9(4+5) se. Gleason,presente in entrambi i lobi ed esteso con distribuzione
multifocale dall'apice alla base.Coesiste pattern terziario 3 di Gleason.Presente diffusa Pin di alto grado.
La capsulaè sede di infiltrazione neoplastica,con estensioneai tessuti moli periprostatici.Le vescicole seminali sono sede di infiltrazione neoplastica.Iinfiltrazione perneurale intra ed extraparenchimale.Angioinvasione non riconoscibile.
Rapporto tessuto neoplastico/tessuto non neoplastico :40/60 .I margini di resezione,ivi compreso il margine apicale,sono sede di focolai multipli di infiltrazione neoplastica,i maggiori dei quali,con pattern 4 di Gleason,presenti in corrispondenza dell'apice destro e della base,estesi per mm 2 circa.
B) cinque linfonodi esenti da metastasi
C) sette linfonodi esenti da metastasi
Class. UICC 2017: pT3b pN0 R1
class. AJCC 2017: pT3b pN0 R1

In data 8/8/2018 unico PSA Totale 0,07 ng/mL dopo intervento

Dal 1/10/ al 22/11/2018 effettuato ciclo di radioterapia 3D CRT adiuvante della loggia prostatica: dose erogata 7000Gy/35 frazioni con fotoni

In data 10/1/2019 ho effettuato PSA totale 0,15 ng/mL

Nel ringraziarLa per la cortese attenzione che potrà dedicarmi,chiedo un suo parere e un consiglio medico.
Cordiali saluti
Marcello Gentilini

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
E' stato fatto tutto quanto necessario. Per ora l'unico provvedimento ragionevole è il controllo periodico del PSA (ogni 3 mesi).
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 518XXX

egr. dott. Paolo Piana,
la ringrazio per la sua cortese e sollecita risposta,il dubbio
che vorrei mi chiarisse è il seguente:
il PSA totale dopo l'intervento e le sedute di radioterapia
non si é azzerato, anzi dal valore 0,07 dopo l'intervento
risulta addirittura raddoppiato a 0,15.
Il responsabile della radioterapia ritiene che siano rimaste cellule neoplastiche gia' precedentemente fuori dalla loggia prostatica ancor prima della radioterapia e pertanto ritiene opportuno iniziare terapia ormonale quanto prima,nonostante che una ulteriore scintigrafia total body non mostra variazioni rispetto alla precedente prima dell'intervento.
Temo di sbagliare ritardando la cura ormonale pur temendone gli effetti.
Quali rischi corro considerando l'alta aggressività del mio tumore gleason 9 ?
Ci sono altre indaggini o alternative alla cura ormonale?
Per quanto tempo, generalmente ,si ha una risposta efficace dalla ormonoterapia e per quanto tempo è tollerata? Esistono prodotti specifici ed avanzati per il carcinoma?
Nel ringraziarLa saluto cordialmente
Marcello

[#3] dopo  
Utente 518XXX

egr. dott. Paolo Piana,
la ringrazio per la sua cortese e sollecita risposta,il dubbio
che vorrei mi chiarisse è il seguente:
il PSA totale dopo l'intervento e le sedute di radioterapia
non si é azzerato, anzi dal valore 0,07 dopo l'intervento
risulta addirittura raddoppiato a 0,15.
Il responsabile della radioterapia ritiene che siano rimaste cellule neoplastiche gia' precedentemente fuori dalla loggia prostatica ancor prima della radioterapia e pertanto ritiene opportuno iniziare terapia ormonale quanto prima,nonostante che una ulteriore scintigrafia total body non mostra variazioni rispetto alla precedente prima dell'intervento.
Temo di sbagliare ritardando la cura ormonale pur temendone gli effetti.
Quali rischi corro considerando l'alta aggressività del mio tumore gleason 9 ?
Ci sono altre indaggini o alternative alla cura ormonale?
Per quanto tempo, generalmente ,si ha una risposta efficace dalla ormonoterapia e per quanto tempo è tollerata? Esistono prodotti specifici ed avanzati per il carcinoma?
Nel ringraziarLa saluto cordialmente
Marcello

[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'azzeramento totale non è realistico e le variazioni nell'ordine dei centesimi non sono significative. Ovviamente è essenziale valutare l'evoluzione nei prossimi mesi/anni. Per ora pensiamo che nessuno proporrebbe una terapia medica adiuvante (ormonale ed altro). Il tumore operato e radiotrattato è certamente aggressivo (Gleason 9), ma ogni decisone terapeutica deve essere presa al momento opportuno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#5] dopo  
Utente 518XXX

Grazie dottore, la sua valutazione mi conforta e di questo le sono grato.
La terrò informata al prossimo controllo che farò tra
tre/quattro mesi.
cordiali saluti