Utente 518XXX
Egregio dottore ,
sono un suo paziente di 71 anni operato di prostectomia radicale robotica il 14 giugno 2018,
con referto istologico n.I-4570-2018 per adenocarcinoma acinare della prostata di grado combinato 9 (4+5) sec. Gleason: pT3b pN0 R1;
Ad agosto,due mesi dopo l'intervento,ho eseguito il primo controllo del PSA Totale risultato 0,07ng/mL.
A novembre ho iniziato le 35 sedute di Radioterapia come richiesto dal chirurgo,facendo tuttavia,dopo la 3a seduta una verifica del PSA risultata pari a 0,10 ng/mL.
Ho terminato la radioterapia il 22 novembre.
Il 10 gennaio 2019, il PSA risulta,rispetto ad agosto,raddoppiato con un valore di 0,15 ng/mL.
Recentissimamente ho nuovamente fatto la scintigrafia total body,che risulta negativa ed inalterata rispetto a quella eseguita prima dell'intervento chirurgico ad aprile 2018.
Sono molto in ansia anche perchè in radioterapia mi accennano alla necessità di iniziare una terapia ormonale.
Avrei piacere e conforto di un suo parere su cosa devo fare.
Nel ringraziarLa del tempo e della attenzione che vorrà dedicarmi La saluto cordialmente

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Ci pare di aver già risposto al suo quesito.
Comunque, l'azzeramento totale del PSA non è realistico e le variazioni nell'ordine dei centesimi non sono significative. Ovviamente è essenziale valutare l'evoluzione nei prossimi mesi/anni. Per ora pensiamo che nessun urologo proporrebbe una terapia medica adiuvante (ormonale ed altro). Il tumore operato e radiotrattato è certamente aggressivo (Gleason 9), ma ogni decisone terapeutica deve essere presa al momento opportuno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 518XXX

egr. dott. Piana,

sono tornato a riproporre i miei dubbi in quanto,è difficile
per me rifiutare la proposizione di un terapia (ormonale),
perché mi dicono che non è importante la misura di 0,15 ng/mL quanto la velocità di raddoppio in pochi mesi del valore iniziale di 0,07ng/mL.
Questo valore raddoppiato è avvenuto nonostante piu' di un mese di radioterapia e quindi si teme una propagazione di cellule neoplasiche ancor prima della radioterapia.
insomma comè se avessimo chiuso le porte quando il danno era già fatto!

Ho paura di sbagliare qualunque percorso decidesi di fare,anche la tentazione di prender tempo è quella che vorrei seguire con il terrore di sbagliare.

Mi scuso per la mia insistenza
nel porLe quasi le stesse domande.

Fra quanto tempo avrebbe senso ripetere il PSA totale
e quale potrebbe essere il range di valori rassicuranti?

Con stima, La ringrazio e saluto cordialmente

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Noi probabilmente osserveremmo l'ulteriore evolversi dei valori del PSA, d'ogni modo altri centri oncologici potrebbero seguire altri protocolli.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 518XXX

Grazie dottore per la chiarezza delle sue risposte.
In effetti alcune volte ,come è nel mio caso,restiamo disorientati da proposte terapeutiche differenti.
E' chiara la sua linea di azione che mi sento di condividere.
Agire con un trattamento a fronte di dati significativi.
La ringrazio sentitamente