Utente 519XXX
Salve, avrei bisogno di un consulto. Mio padre, 60 anni, è stato operato il 20 novembre 2018 a causa di adenocarcinoma prostatico. Dopo 24 giorni il PSA era 0.09. l'urologo chirurgo gli ha prescritto terapia ormonale a base di bicatulamide e tamoxifene e controllo mensile del PSA. gli è stato consigliato dall'oncologo di sottoporsi subito a radioterapia, parere contrastante da parte dell'urologo chirurgo invece che gli ha consigliato di non sottoporsi immediatamente alla radioterapia perché potrebbe diventare incontinente e impotente. Ad oggi il PSA risulta essere 0.008. cosa consigliate di fare ? Dall'esame istologico il Gleason score del tumore risulta essere 3+3 e lo stadio del tumore T3a.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Lo stadio T3a imporrebbe di per sè la radioterapia adiuvante, c’è da dire che il punteggio Gleason 3+3 definisce un tumore a bassa aggressività. È già in corso una terapia ormonale, che eseguendo la radiioterapia potrebbe essere verosimilmente sospesa. È quindi necessario effettuare un attento bilancio fra il controllo della malattia e gli effetti collaterali, sia della terapia ormonale che di quella radiante. La decisione non è immediata e la lasciamo ai Colleghi che hanno una conoscenza del caso più approfondita dellla nostra a distanza.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 519XXX

Grazie per la risposta molto precisa. Il problema è che la scelta è difficile, non capiamo bene come regolarci. Volevo sapere se questi farmaci ormonali possono influenzare in qualche modo il valore del PSA. Secondo l'oncologo questi farmaci abbassano il valore del PSA e per questo richiede la radioterapia immediata.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La terapia ormonale ovviamente abbatte i valori del PSA, pertanto in questa precisa fase potrebbe nascondere se vi sia persistenza di malattia o meno. C'è da dire che molti protocolli radioterapici prevedono che la terapia ormonale sia comunque proseguita anche durante il trattamento radiante. per essere poi sospesa dopo il suo completamento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 519XXX

E quindi in queste condizioni è opportuno fare la radioterapia oppure continuare con la terapia ormonale ?

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La nostra conoscenza del caso a distanza è troppo sommaria per poter esprimere questo tipo di giudizio.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 519XXX

Grazie mille del consulto.