Utente 505XXX
Buonasera dottori sono circa 2 settimane che ho un problema a livello idraulico, nel senso che ho un frequente stimolo ad urinare ma non così marcato e fastidioso ma presente, ho avuto diagnosi di prostatite cronica abatterica un anno orsono, con flussometria che mette in evidenza un modico restringimento cervico uretrale, dal ecografia trans rettale ci sono delle calcificazioni la prostata e aumentata di volume ma non ostruente... Adesso dopo un periodo di benessere torno ad avere dei disturbi urinari che mi colpiscono sopratutto quando sono in posizione sdraiata nel letto e durante il giorno sono pressoché assenti perché succede questo? Inoltre subito dopo aver urinato mi ritrovo le mutande bagnate di urina... Leggendo su internet ho letto della vescica neurologica e mi sono un po' spaventato potreste darmi delucidazioni in merito? Un altra domanda: la prostatite é causa della ritenzione urinaria (perché dopo flussometria rimanevano 20cl di urina in vescica) oppure è la ritenzione urinaria e portare alla prostatite? Grazie mille in anticipo per la risposta... Oltretutto ho leggero bruciore dopo minzione e eiaculazione grazie

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

alla domanda: "la prostatite é causa della ritenzione urinaria ...oppure è la ritenzione urinaria e portare alla prostatite”, le si risponde che il problema, da lei sollevato, è come il serpente che si mangia la sua coda.

Non drammatizzi , quello che ci racconta non ci fa pensare subito ad una vescica neurologica ma agli esiti, non ancora risolti della prostatite da lei denunciata.

Si ricordi comunque che, quando sono presenti queste "problematiche urologiche”, possono essere utili alcune indicazioni anche di tipo dietetico-comportamentale:

1) vita sessuale regolare, non lunghi periodi di astinenza;

2) limitare l'assunzione di alcuni alimenti tipo cioccolato, uova, frutta secca, formaggi stagionati, ecc;

3) lo stesso vale per le bevande come il caffé, il tè,le bibite gassate od alcoliche;

4) altra cosa importante è bere con intelligenza ad esempio durante tutto l'arco della giornata sono consigliati almeno 2–3 litri di liquidi, soprattutto acqua (se non esistono altre controindicazioni di ordine generale), smettendo però di bere almeno tre-quattro ore prima di andare a letto;

5) combattere la stitichezza quindi fare una dieta ricca di fibre e praticare una regolare attività fisica;

6) se si fuma, spegnere la sigaretta perchè la nicotina ha un'azione irritante sulla vescica;

7) tenere d'occhio la bilancia, infatti, se obesi, spesso perdere peso migliora il quadro clinico, infatti il grasso accumulato sul giro vita può aumentare la "pressione" sulle vie urinarie e peggiorare i sintomi;

8) infine ultimo consiglio, ma non meno importante, quello di ascoltare sempre attentamente il proprio medico di famiglia e lo specialista urologo che la stanno seguendo.
Si ricordi comunque che sempre la visita medica rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare un’indicazione terapeutica corretta e che i consigli forniti via internet vanno sempre intesi come meri suggerimenti di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 505XXX

Grazie dottore per la risposta... Inoltre avrei un altra domanda: cosa può avermi causato questa ritenzione urinaria e questo modico blocco cervico uretrale? Sapendo che abbia fatto già un transrettale?, quali sono le cause che portano a questo in un ragazzo di 28 anni? Ora ne ho 30 grazie ancora