Utente 386XXX
Salve a tutti,sono qui perché nonostante l'età, ho provato in svariati modi per raggirare il problema dell'eiaculazione precoce,sono circa 5 anni che ho incominciato la mia attività sessuale e da sempre ho sofferto. Solitamente bastano poche spinte per eiaculare così mi sono rivolto ad un esperto : ho provato emla (scarsi risultati e difficile applicazione) , fortacin (leggeri miglioramenti ma applicazione macchinoso) ,contramal (lievi miglioramenti ma nulla in sostanza) ,nell'ultima visita il medico mi ha prescritto priligy,ora vorrei chiedervi,potrebbe essere la risoluzione definitiva? È così efficace come si legge? E se si, di quanto allunga il rapporto?so che non c'è un tempo esattamente,ma più o meno qual è il dato statistico? Infine l'urologo mi ha detto di assumerlo 2-3 ore prima del rapporto, approvate anche voi? Scusate delle svariate domande ma sono un po' ansioso, e dalla mia giovane età, sto cercando per fare di tutto per risolvere il problema,affinché non diventi cronico (se già non lo è) e grazie in anticipo per le risposte.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

se desidera avere informazioni dettagliate su questo farmaco si legga, se non ancora fatto, questo articolo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/210-dapoxetina-nuovo-farmaco-nel-trattamento-dell-eiaculazione-precoce.html

Ancora, se vuole poi avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale, le consiglio di consultare anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194-rapporto-finisce-eiaculazione-precoce.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1253-news-pianeta-eiaculazione-precoce.html

ed ancora mi ascolti a questo link:

https://www.medicitalia.it/public/video/pillole-salute/37-eiaculazione-precoce-beretta-27-02-14.mp3

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 386XXX

Grazie della risposta dottore,si i suoi link li avevo già letti tutti, ma mi chiedevo, è questo un farmaco valido per risolvere il problema? Nel senso che comunque la mia eiaculazione precoce,potrebbe, risolversi solo dal momento che prenda questo farmaco, quindi è una risoluzione temporanea, o va magari ad influire su futuri comportamenti del corpo? Inoltre dottore,ho letto che tramadolo e dapoxetina non vanno presi il insieme,ma il mio specialista mi ha detto di prendere un contramal al giorno e priligy al bisogno..

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

sulle specifiche e particolari indicazioni terapeutiche ricevute, se ha dei dubbi, bene sempre risentire in diretta sempre il suo specialista di riferimento.

Sull’azione del farmaco, da lei indicato, invece le posso dire che può anche succedere che la risposta sessuale migliorata dal prodotto in questione, possa mantenersi nel tempo perché lei è riuscito a modificare il suo comportamento ed ha inoltre meglio imparato a capire il vero momento pre-eiaculatorio.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 386XXX

Esiste qualcos'altro oltre a priligy, che abbia meno effetti cocollaterali? Vedendoli sul libretto illustrativo mi sono un po' agitato..

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

per avere un panorama completo delle indicazioni terapeutiche possibili si legga o rilegga anche questo articolo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1253-news-pianeta-eiaculazione-precoce.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com