Utente 410XXX
Salve , sono un ragazzo/adulto di 42 anni.
Nel 2006 durante un'ecografia ai reni per problemi di continua minzione, per caso mi è stato riscontrato " nel rene a SX. al III medio, nello spessore della corticale, lievemente debordante dal profilo renale, una formazione rotondeggiante iperecogena, di 1,3 cm circa, verosimile espressione di angiomiolipoma". Il medico curante mi disse che non c'era nulla e di effettuare un controllo dopo qualche anno.
l'altro giorno ho effettuato un'ecografia ed ha segnalato che "si evidenzia anche oggi area iperecogena che deborda dal profilo posteriore, non bel delimitata nel suo profilo esterno, con diametro di 22 mm (vs 13 mm) verosivbilmente attribuibile ad angiomiolipoma ma stante acnhe l'accrescimento si consiglia la risonanza magnetica. Omolateralmente al polo inferiore si riconosce 2 cisti di 2cm"
In attesa della risonanza che dovrò aspettare tempo dato le tempistiche. Se fosse un ANGIOMIOLIPOMA, sbaglio o non ci dovrebbe essere stata la crescita?(13 mm in 3 anni).... Per questo sono un pò preoccupato,oltre al fatto che "deborda". Dall'ecografia capiscono se effettivamente è un ANGIOMA(tumore benigno) o qualcos'altro, forse peggio vista la crescita? Inoltre il discorso che "DEBORDA".....
grx mille anticipatamente per la/le risposta.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
L'angiomiolipoma è una malformazione nodulare del rene, ai limiti con un piccolo tumore benigno. L’ecografia è l’indagine che meglio riesce a caratterizzare gli angiomiolipomi e i radiologi sono abituati a rilevarli, pertanto non esitano a definirli con certezza,nei loro referti. In caso di formazioni uniche e di piccole dimensioni non vi sono mai indicazioni alla rimozione chirurgica. Si consiglia in genere il controllo ecografico ogni 1-2 anni. Piuttosto raramente si modificano le dimensioni nel tempo o ne vengono rilevati alltri all'inteno del rene (ovvero superano la soglia di visibilità ecografica). In questo caso la prudenza consiglia di eseguire una TAC, o meglo una risonanza magnetica. Anche in questo caso però, è piuttosto raro che vi siano indicazioni alla rimozione chirurgico/laparoscopica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 410XXX

Intanto la ringrazio per la risposta immediata,... dalle sue parole deduco non c’è niente da preoccuparsi!... e che la risonanza é solo un’ulteriore certezza. Giusto?... però non capisco questa crescita di quasi 1 cm in 3 anni... forse non è stato misurato correttemente la prima volta?... grx mille

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Questo nessuno lo può sapere. L'immagine ecografica viene valutata unicamente tempo reale da chi la sta eseguendo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 410XXX

Ok..... mistero del insomma!... la ringrazio tantissimo e la terró aggiornato!... grx mille ancora