Utente 522XXX
Da premettere che: ho 28 anni, non ho mai avuto rapporti sessuali, per "sfogare" mi tocca la masturbazione (che in media a settimana pratico dalle 2 a 5 volte).

Sintomi: avverto fastidi e dolori alternati ad entrambi i testicoli. Letteralmente un giorno a sinistra e un giorno a destra. Capita ovviamente che abbia giusto qualche giorno di pausa dove praticamente non avverto nulla oppure momenti dove mi viene solo per qualche ora o mezza giornata. Nel complesso si può dire che abbia questi sintomi davvero fastidiosi, che a volte diventato davvero forti, praticamente ogni giorno. Il problema è concentrato sui testicoli ma non ha una collocazione precisa in quanto non si evidenziano malformazioni, rigonfiamenti, arrossamento e quant'altro. E anche al tatto non sempre riesco a percepire il punto preciso.

Il primo sintomo: Il 24 novembre 2018, durante la masturbazione, ho sentito "tirare" un po sul testicolo destro. Sul momento mi sono fermato un attimo e poi ho ripreso. Sta di fatto che il "fastidio" è durato per tutto il giorno. Nei giorni successivi, tra alti e bassi, poi il "fastidio" è diventato "fastidio/dolore". Iniziandomi a preoccupare o sottoposto il mio caso a molti urologi/andrologi che non mi hanno saputo dare una soluzione. Nello specifico:

13 dicembre 2018
visita generale, esame della prostata, ecografica ai testicoli, reni, vescica ecc. No varicocele.
Non trovando niente pensa che possa esse pubalgia e mi prescrive punture di muscoril

29 dicembre
visita uguale alla prima. Dice di trovarmi una piccola congestione alla prostata.
Mi prescrive delle supposte (che interrompo immediatamente al primo giorno perchè invece di aiutarmi mi creavano problemi) e Cistiprost

11 gennaio 2019
Non trovandomi niente pensa che il fatto possa essere legato allo stress, perciò mi prescrive Pennsaid e Samyr

25 gennaio
visita generale. Non trova niente anche dopo aver portato gli esami delle urine. Mi prescrive Zachelase.

23 febbraio
Mi ripresento con gli esami del sangue. Tutto nella norma. Mi dice di non fare niente.

18 marzo
Esame richiesto eco color doppler scrotale. Dice di avermi trovato un varicocele bilaterale, extra-funicolare, specie a destra tra 1 e 2 grado. Non necessita operazione. Micro cisti a destra di nessuna importanza.

25 marzo, spermiogramma
Tutto nella norma

27 marzo
Visita generale ed eco color doppler scrotale. Quest'ultimo cambia tutto. Mi dice di aver trovare un leggero varicocele di 1 grado a sinistra e 2 micro cisti (1 a destra e 1 a sinistra). In ogni caso nessuno di questi fattori giustifica il dolore. Mi prescrive Cefixoral e Siben.

I primi non mi trovano niente e gli ultimi un leggero varicocele che comunque dicono che non è la causa. Mi chiedo quindi come sia possibile che io stia cosi male e che non ci sia un modo e una soluzione per risolvere il mio problema. L'unica cosa che mi rimane da fare è una risonanza magnetica. Cosa potete consigliarmi?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Speriamo lei comprenderà che noi a distanza non si possa dire molto di più nell'impossibilità di valutare direttamente una situazione su cui tra l'altro si sono già espressi molti Colleghi che hanno avuto l'insostituibile vantaggio di sottoporla a visita. Per nostra esperienza, in questi dolori testicolari in assenza di alterazioni particolari, noi tendiamo sempre a pensare ad una eccessiva mobilità dei testicoli, con accenni alla subtorsione. Questa condizione viene percepita unicamente alla visita, non vi sono accertamenti che la possano confermare. Ma si tratta sempre e comunque solo di una ipotesi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 522XXX

La ringrazio per aver espresso il suo parere. Per la mobilità non credo, anche perchè la maggior parte del tempo lo trascorro a lavoro. In più, appunto il problema si è verificato durante la masturbazione, quindi potrebbe essere stata "un'eccessiva violenza" nel praticarla.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Potrebbe, d’ogni modo la contrazione del muscolo del funicolo spermatico (cremastere) è senz’altro facilitata della più facile mobilità dei testicoli all’interno dello scroto.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 522XXX

Ho capito. Ed è possibile quindi che il dolore permanga per così molto tempo e senza una soluzione per farlo passare?
In più chiedo, è possibile in queste condizioni potersi masturbare o nel farlo si peggiora la situazione? Ho diminuito drasticamente per via dell'accaduto per l'appunto e sono in una situazione di stallo, a tale punto da avere anche delle polluzioni notturne.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Se lei ha ravveduto un evidente rapporto di causa-effetto, diremmo che ha risolto il probelma almeno per metà.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 522XXX

In ogni caso, mi può consigliare altri esami da fare o altri tipi di consigli?

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come le abbiamo già scritto, a distanza in una situazione del genere possiamo solo solo fare ipotesi e lavorare di fantasia, nulla che le possa essere davvero utile. Si mantenga dunque in contatto con un nostro Collega, uno solo, con il quale riesca ad intrattenere un buon rapporto di comunicazione e fiducia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing