Utente 549XXX
Salve sono un ragazzo di 23 anni, e da come titolo, sono anni che giro dottori dottori senza trovare alcuna soluzione, tutto è iniziato che ero sdraiato sul divano in erezione, quando di colpo sentì come delle scossette provenire da dentro il pene, da li partì un infiammazione al prepuzio perenne, punta gonfia ( spesse volte solo il "labbro" sinistro) continuo desidero di urinare , per non parlare dopo l'eiaculazione, che la situazione peggiora per circa 8 ore.
Ci sono giorni in cui si sente poco, e altri in cui è veramente forte, e molte notti non riesco a dormire, e non so proprio come alleviare il bruciore ( bere molta acqua fa bene? Perchè credo che peggiori )
Ho visitato vari urologi, che mi hanno prescritto vari antibiotici e pumate senza fare effetto, ho fatto vari esami:
Urinocultura ( Negativo/solo residui di prostatite )
Spermiogramma ( negativo )
Esame alla prostata ( Negativo)
Esami testicolare (negativo)
Tampone Uretrale ( Klabisiella)
Mi rimane solo l’ecografia prostatica transrettale da fare.
Ora i dottori non hanno ancora chiaro cosa si tratti , si pensa prostatire cronica abatterica, visto che risulto negativo in tutto, ma nessuno riesce ad aiutarmi.
Ora da un paio di mesi mi succede quasi la stessa cosa nell'ano ( dopo la defecazione, mi brucia e si gonfia sia la punta del pene, che l'ano, tanto da non poter camminare).
Ora la mia domanda è questa:

Può questo virus klebisiella provocare tutto ciò?
Cosa posso fare per alleviare i bruciori uretrali quando mi prendono in piena notte?
Secondo voi esperti, cosa può essere il mio caso?
Capisco che il vostro è un parere esterno, ma ripeto mi servono consigli, perchè non so più che fare..

[#1]  
Dr. Dario Pugliese

24% attività
20% attualità
4% socialità
ROMA (RM)
ISCHIA (NA)
TERMOLI (CB)
COLLEFERRO (RM)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2019
Gentile Utente, i sintomi che ha esposto sono da riferire ad una prostatite cronica. Come le avranno spiegato i Colleghi che hanno avuto il privilegio di visitarla, in alcuni casi la genesi è di natura infettiva ed in altri no.
Esistono molte terapie, in associazione a modifiche dello stile di vita, che possono aiutarla a risolvere il problema. Si tratta di terapie personalizzate per cui non è possibile darle suggerimenti a distanza.
Il consiglio che le do è di affidarsi ad un solo Urologo, di sua fiducia, e di intraprendere con lui un percorso che la porterà a risolvere il problema.
Dr. Dario Pugliese

[#2] dopo  
Utente 549XXX

La ringrazio per la sua gentilezza, però come ho domandato, può la klebsiella portare a tutti questi problemi?

[#3] dopo  
Utente 549XXX

E ho dimenticato una cosa, possono le fistole anali che ho, provocare questa prostatite?

[#4]  
Dr. Dario Pugliese

24% attività
20% attualità
4% socialità
ROMA (RM)
ISCHIA (NA)
TERMOLI (CB)
COLLEFERRO (RM)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2019
La Klebsiella è un batterio che può dare infezioni urinarie ed essere causa di prostatite. Ha fatto una terapia antibiotica per trattarla?
Dr. Dario Pugliese

[#5] dopo  
Utente 549XXX

Si , ma secondo il mio primo urologo (che poi ho cambiato) tale virus non provocava questi sintomi , anzi per lui era una cosa normale...
Mi diede del ciproxin per curarla ma non mi fece effetto, e nonostante le mie continue lamentele lui sosteneva che erano cose normali, a cui bisogna abituarsi, anzi la prostatite diciamo che ai tempi me la diagnosticai da solo, insistetti molto su di essa, perché secondo lui si trattava di una semplice irritazione, da curare con pumate.. Ora ne ho cambiati 2

[#6] dopo  
Utente 549XXX

Aggiungo una cosa che è sulla base delle mie incomprensioni, perché mi si irrita solo il lato sinistro della punta del pene ? Che ho un estremo bisogno di urinare quando succede ? Ho sempre la punta del pene come se fosse divisa, un labbro normale, un altro Gonfio e il bruciore avviene proprio in questo e dentro di mezzo centimetro

[#7]  
Dr. Dario Pugliese

24% attività
20% attualità
4% socialità
ROMA (RM)
ISCHIA (NA)
TERMOLI (CB)
COLLEFERRO (RM)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2019
Davvero risulta difficile darle risposta senza averla visitata. Rinnovo il consiglio di affidarsi ad un Urologo di sua fiducia. per arrivare alla risoluzione del problema.
Cordialità.
Dr. Dario Pugliese