Utente 208XXX
Buongiorno dottori,
Ci scrivo dopo ormai 8 mesi dall'inizio dei miei problemi, per cercare una soluzione a cui, al momento, non sembra essere arrivato nessuno.
Ho forti soldi al testicolo destro, e a tutta la zona destra perineale.
Dal testicolo, in giù, verso l'ano,
Pregressa prostatite, curata, un anno fa con spermioculture negative e pesantezza perineale che poi sono sfociate in questo dolore insopportabile.
Non riesco a sedermi dal male, sdraiato sento lo stesso dolore.
Solo in piedi, o (non ridete) facendo la candela, non provo lo stesso male.
Esame urine, negativo
Esame citologico urine, negativo
Esami per Mst, tutti negativi
Ecografia vie urinarie e testicolare, negativa.
Emg per nervo pudendo, negativa
Potenziali evocati per nervo pudendo, negativi
Rmn lombo sacrale, negativa
Rmn pelvi, negativa
Rmn pelvi e bacino, per ricostruzione muscoli e tendini, negativa, tranne "falda di versamento nella loggia prostatico-rettale".

Non so più cosa pensare, perché l'urologo che mi ha seguito per la prostatite non sa da cosa possa dipendere.
Un altro sosteneva fossero gli adduttori, un altro ancora il pudendo.
Sta di fatto che la mia vita non è più la stessa: non riesco più a convivere con questo male che non mi lascia mai, presente tutti i giorni.
Quindi, cortesemente, vi chiedo.. qualcuno ha qualche idea?
Grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Queste sindromi dolorose del pavimento pelvico, in assenza di cause evidenti (tutte escluse dagli approfonditi accertamente che lei ha eseguito) devono essere trattate come "dolore puro" (ovvero "idiopatico"), con un approccio che non è più a carico dell'urologo ma dello specialista in terapia antalgica. Si utilizzano in genere combinazioni di antidolorifici ad azione centrale (non anti-infiammatori) ed antidepressivi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 208XXX

Buongiorno dottore, sono stato impossibilitato dal rispondere perché all'estero.
Appena rientrato ho effettuato test per ricerca anticorpi Chlamydia Tracomatis, risultato positivo (38.8 u/ml), e iniziata conseguentemente terapia antibiotica con Bassado (oggi il secondo dei 7 gg).
Non so più dove sbattere la testa:
Da quando è iniziato questo calvario ho effettuato due tamponi uretrali è mai è stata riscontrata alcuna infezione. Decido poi io di fare un esame del sangue per ricerca anticorpi (perché ho dei sintomi da Chlamydia, come secrezione vischiosa trasp., anche se non abbondante, tutto il giorno, dolore testicolare, dolore al fianco destro che va e viene, oltre un senso di infiammazione generale alle pelvi, come già detto nel post iniziale) e questo risulta positivo?
Vorrei solo riuscire ad uscire da tutto questo, perché mi sta veramente rovinando la vita. Lei ha dei consigli da darmi, qui a Milano, per quanto riguarda qualche suo collega?
La ringrazio tantissimo per la prima risposta e spero mi risponda ancora.
Cordialmente.

F.S.

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Per ovvi motivi di correttezza noi non possiamo fornire consigli in merito a singoli specialisti o centri di cura con riferimento ad un caso specifico. Una infezione da Clamidia non può di per sé giustificare tutti i suoi disturbi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 208XXX

Innanzitutto grazie per la precisazione riguardo l'infezione.
Per quando riguarda il consiglio richiesto su Milano, era da intendere come un indirizzarmi più verso uno specialista rispetto ad un altro. Neurologo? Fisiatra?
Proprio perché il resto è stato escluso vorrei cercare, almeno, di ridurre i dolori che mi stanno condizionando la vita. E che il modo sia fisioterapia o terapia farmacologica con psicofarmaci, poco importa al punto in cui sia arrivato.
Cordialmente.
F.S.

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ci pare di averle già consigliato, quantomeno in prima battuta, di consultare uno specialista in terapia antalgica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 208XXX

Grazie dottore, spero di darle buone notizie in merito.
Buona giornata