Buongiorno ho subito rezum per ipb

Buongiorno, circa 11 gg fa, ho subito REZUM per IPB.
Anche perche' soffro di calcolosi renale recidivante, e nonostante diversi interventi negli anni di rimozione endoscopica con laser, mi hanno sempre detto che dovevo risolvere il problema dell'ingrossamento della prostata con terzo lobo prominente, per poter riucire a risolvere la calcolosi di piccolo calibro, 1, 1, 5 cm.

Ho tolto il catetere vescicale da 4 gg, ma ho dei dolori e fastidi.
Precisamente ho un po' di dolore e bruciore specie quando urino, perdo continuamente qualche goccia di urina mista a sangue lieve , anche dopo aver urinato, bagnando leggermente l'intimo, ho una sensazione di leggero dolore/bruciore /pressione alla prostata.
se comprimo il pene non ho dolore, ma quando urino e anche normalmente, ho un po di dolore e bruciore, specie verso l'estremita'.
Al momento non ho nessun miglioramento nella minzione
Sono effetti collaterali del REZUM, o del catetere vescicale?
Sono reversibili?

ho preso Levoxacin 500 e adesso ripreso antibiotico Ciproxin 500.

Devo preoccuparmi?
Non pensavo di dover tornare alla vita normale con assorbenti per urina.

quando potro' tornare alla attivita' sessuale senza compromettere il trattamento REZUM?

Prendo XATRAL da 4/5 anni e devo continuare per un mese
grazie infinite
[#1]
Dr. Paolo Piana Urologo 27,6k 1,3k 15
Dopo qualsiasi intervento prostatico a scopo disostruttivo, effettuato con qualsiasi tecnica, è ragionevole prevedere al paziente un periodo di stabilizzazione di almeno 40 giorni. Prima di allora è assolutamente normale che si manifesti qualche disturbo, una lieve incontinenza, un sanguinamento variabile. Tutto questo nella maggior parte dei casi va gradualmente a stabilizzarsi nel corso di 6-8 settimane, comunque con molta variabilità da caso a caso. Per quanto riguarda in particolare la tecnica adottata nel suo caso, essa non comporta l'asportazione materiale di tessuto della prostata, che è invece destinato a contrarsi spontaneamente in seguito all’esposizione alla alta temperatura. Questo fenomeno non è istantaneo ed evolve gradualmente anch’esso, diremmo in un arco temporale simile a quello di altri interventi. Pertanto, diremmo che oggi sia abbondantemente troppo presto per voler trarre delle conclusioni, è necessario avere ancora un po’ di pazienza.

Dr. Paolo Piana
Responsabile Trattamento Calcolosi Urinaria A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.paolopianaurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio molto per avermi rassicurato ,
per quanto riguarda i tempi della ripresa dell'attivita' sessuale , senza compromettere l'intervento subito di Rezum , non mi è chiaro .
La prego di volermi dare indicazioni
grazie infinite
[#3]
Dr. Paolo Piana Urologo 27,6k 1,3k 15
Ci stupisce che lei non abbia ricevuto indicazioni più precise, anche considerato che si tratta di una procedura tutto sommato "nuova" ed ancora in attesa di una messa a punto definitiva da parte della comunità urologica. Diremmo che, come in tutte le altre procedure simili, si consiglia di riprenderdere l'attività sessuale non prima di 3-4 settimane.

Dr. Paolo Piana
Responsabile Trattamento Calcolosi Urinaria A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.paolopianaurologo.it

[#4]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio molto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test